sabato, 2 Dicembre, 2023
HomeNotizieUna nuova norma UE potrebbe essere promettente per il benessere animale

Una nuova norma UE potrebbe essere promettente per il benessere animale

L’eliminazione graduale delle gabbie negli allevamenti, l’accorciamento dei viaggi degli animali vivi, il divieto di mutilazioni e la limitazione della densità di allevamento sono alcune delle misure valutate dalla Commissione per la prossima revisione delle norme sul benessere degli animali, secondo quanto emerge da una valutazione d’impatto trapelata.

‹ adv ›

La relazione sulla valutazione d’impatto, visionata da EURACTIV, è il passo formale prima della presentazione di un’iniziativa legislativa e illustra le diverse opzioni politiche a disposizione dell’esecutivo UE, oltre a testarne le ambizioni.

Dal 2009, la norma è stata sottoposta solo a „lievi adeguamenti tecnici”, si legge nel rapporto, pur riconoscendo la maggiore consapevolezza dei cittadini sul benessere degli animali e i nuovi pareri scientifici disponibili.

Il progetto di valutazione d’impatto valuta l’impatto economico e sociale dell’attuazione di nuove misure politiche, con l’obiettivo di migliorare le condizioni „dei miliardi di animali che saranno allevati nell’UE nel 2038″.

Lo studio è suddiviso in quattro serie di misure che hanno un impatto sul benessere degli animali: benessere degli animali allevati per scopi economici, al momento dell’abbattimento, durante il trasporto ed etichettatura dell’animal Welfare.

‹ adv ›

L’esecutivo propende per seguire le raccomandazioni dell’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (EFSA), i cui recenti rapporti scientifici concludono che i sistemi senza gabbie sono migliori, in termini di benessere animale.

Ciò fa seguito anche alle preoccupazioni della società civile che si riflettono nell’Iniziativa dei cittadini europei (ICE) „End the Cage Age” (Mettiamo fine all’era delle gabbie) – che ha raccolto quasi 1,4 milioni di firme – e nella risoluzione del Parlamento europeo per eliminare gradualmente l’uso delle gabbie negli allevamenti dell’UE nel 2021.

Il rapporto indica che l’opzione preferita dalla Commissione è quella di eliminare gradualmente le gabbie per le galline ovaiole, le pollastre, i vitelli, le anatre, le oche e le quaglie, gli allevatori di polli da carne e gli allevatori di galline ovaiole, ad eccezione dei volatili di razza, fino a quando la Commissione non proporrà altre soluzioni senza gabbie per questi ultimi entro 10 anni.

Lo stesso provvedimento prevede anche l’eliminazione graduale delle stalle per scrofe e delle casse da parto per suini – utilizzate per immobilizzare un maiale che ha partorito per evitare di schiacciare i suinetti – e il divieto di legare le mucche – una pratica agricola in cui le mucche sono legate e limitate a stare sedute o in piedi.

Per quanto riguarda le mutilazioni, l’esecutivo sostiene il divieto di pratiche come la troncatura del becco degli uccelli e la mozzatura della coda dei maiali, con un periodo di transizione rispettivamente di 15 e 10 anni.

Il divieto di decorticare le vacche da latte e di mozzare la coda ai cani avrà un periodo di transizione di cinque anni. Anche il disbudding, cioè la pratica di rimuovere le corna prima che si attacchino al cranio, dei vitelli senza anestesia o analgesia, sarà vietato entro cinque anni.

Per quanto riguarda le importazioni di prodotti animali, „si applicheranno requisiti equivalenti in materia di benessere animale”, secondo il rapporto.

Si prevede che i partner commerciali più colpiti saranno il Brasile e la Thailandia nel caso della carne di pollame, e il Brasile, l’Argentina e l’Uruguay nel caso della carne bovina.

Anche il settore ucraino delle uova e degli ovoprodotti sarà interessato dai nuovi requisiti. Tuttavia, „poiché l’Ucraina ha presentato domanda di adesione all’UE, si è impegnata ad allinearsi all’acquis comunitario indipendentemente da questa misura”, si legge nel rapporto.
Il trasporto degli animali come componente chiave

Secondo la Commissione, il trasporto di animali vivi, di cui si è occupata l’EFSA e più recentemente la Corte dei Conti europea (ECA), è una “componente chiave” della legge.

Entrambe le relazioni dell’ECA e dell’EFSA hanno evidenziato gli effetti positivi del trasporto di animali vivi in viaggi più brevi, inferiori alle otto ore.

Inoltre, alcune parti interessate e alcuni Stati membri, come la Germania, hanno chiesto un divieto di esportazione di animali vivi verso Paesi terzi in tutta l’UE.

Il rapporto ha valutato che un divieto di esportazione di piccoli e grandi ruminanti vivi, come bovini, ovini e caprini, „migliorerebbe notevolmente il benessere degli animali”, anche se avrebbe „importanti impatti economici negativi sull’intera economia dell’UE”.

“Un’opzione alternativa sarebbe quella di consentire il proseguimento delle esportazioni, ma a condizioni più severe di quelle attuali”, si legge nel rapporto.

Le proposte per migliorare queste condizioni potrebbero includere viaggi di massimo nove ore per gli animali trasportati per la macellazione e una durata massima di 21 ore – e 24 ore di riposo – per gli animali trasportati per altri motivi.

I viaggi di trasporto saranno anche legati alle previsioni meteorologiche, con un massimo di otto ore di viaggio tra i 25°C e i 30°C e il trasporto solo di notte se le previsioni meteorologiche sono superiori a 30°C.

Etichettatura „volontaria” del benessere animale

L’etichettatura del benessere animale ha lo scopo di informare meglio i consumatori sulle condizioni degli animali d’allevamento.

Tuttavia, non esistono norme armonizzate a livello europeo sull’etichettatura del benessere animale per la maggior parte dei prodotti di origine animale – solo per le uova da tavola – e sono stati introdotti schemi di etichettatura nazionali in diversi Stati membri, causando distorsioni nel mercato e confusione tra i consumatori.

Il rapporto dell’esecutivo ha valutato l’impatto di un sistema obbligatorio di etichettatura del benessere animale e ha rilevato che un’etichetta obbligatoria a più livelli nell’UE per il benessere animale “sarebbe la più efficace per informare tutti i consumatori su tutti i prodotti presenti sul mercato e avrebbe il massimo potenziale per migliorare gli standard di benessere animale”.

Ciononostante, il rapporto dell’esecutivo propone un sistema volontario a più livelli per il benessere degli animali, „poiché la maggioranza delle parti interessate” non è a favore di quello obbligatorio.

Il divieto di allevamento di animali da pelliccia è in sospeso

È interessante notare che il rapporto conclude che non è stata selezionata alcuna opzione preferita per quanto riguarda l’allevamento di animali da pelliccia, „in attesa di una decisione politica”.

Tuttavia, lo studio riconosce che un divieto di allevamento di animali da pelliccia „sarebbe l’opzione più efficace dal punto di vista del benessere animale, rispetto all’opzione di stabilire nuovi requisiti di base” sulla base di future valutazioni dell’EFSA.

La messa al bando degli allevamenti di animali da pelliccia è stata sostenuta da oltre 1,7 milioni di cittadini nell’ambito della campagna „Europa senza pellicce” nel marzo 2023. Sebbene le firme non siano ancora state convalidate dagli Stati membri, la Commissione prevede che l’iniziativa avrà probabilmente successo.

“Il divieto eviterebbe i problemi di benessere incontrati dagli 8,8 milioni di animali ancora allevati per la produzione di pellicce in 12 Stati membri”, si legge nel rapporto, che osserva anche che, a meno che non sia in vigore anche un divieto sui prodotti allevati con pellicce nel mercato dell’UE, il divieto di allevare solo pellicce nell’UE potrebbe portare a un aumento delle importazioni da Paesi terzi.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti