mercoledì, 5 Ottobre, 2022
HomeArticoloPeperoni in crescita. 9 consigli per buoni raccolti

Peperoni in crescita. 9 consigli per buoni raccolti

Un ortaggio gustoso e salutare come il peperone è comune nei nostri orti. Ma non tutti riescono a ottenere un buon raccolto.

La coltivazione del peperone, una coltura amante del calore, ha le sue caratteristiche. Lo sviluppo della pianta e i raccolti sono influenzati non tanto dalle condizioni meteorologiche (soprattutto se il peperone viene coltivato in serra), ma dal mancato rispetto delle pratiche agricole in qualsiasi fase della coltivazione.

In questo articolo, abbiamo selezionato alcuni suggerimenti per aiutarti a ridurre al minimo le perdite e ottenere il massimo dai tuoi ricchi frutti.

Scegliere le giuste varietà di peperoni

Un buon raccolto di peperoni è impossibile senza semi di qualità. Quando li scegli, dai la preferenza alle varietà suddivise in zone adatte alla coltivazione nella tua particolare zona climatica. Nelle regioni con clima freddo e instabile, è meglio piantare varietà precoci di peperoni dolci.

Nella scelta della varietà, prestare maggiore attenzione alle sue caratteristiche ed esigenze: condizioni di crescita, resistenza e sensibilità a vari fattori, resistenza alle malattie e agli sbalzi di temperatura e non alla bella immagine sulla confezione.

Rispettare il momento della semina dei peperoni

È noto che i peperoni vengono coltivati ​​da piantine. Il successo della coltura dipende anche dal tempo di semina correttamente calcolato, da come verranno trapiantate le piante in piena terra o in serra. Le piantine troppo lunghe mettono radici peggio e non crescono per molto tempo.

Le piantine vengono piantate in un luogo permanente (quando la minaccia del gelo scompare e il terreno si riscalda fino a 15-17 ° C), all’età di 55-80 giorni, a seconda della varietà / ibrido.

Pertanto, semina le varietà precoci nella prima metà di marzo e le varietà medie e tardive – da metà febbraio.

Germinazione dei semi di peperone

In una stanza riscaldata, i semi germinano in 7-10 giorni. Prima della semina vanno idratate e fatte germogliare: questo ridurrà il rischio di sviluppare malattie e le piantine cresceranno più velocemente.

In assenza di prodotti per la cura delle sementi,  si possono trattare i semi con ipoclorito di sodio all’1%  (mantenuto in soluzione per 50 minuti) o con acqua tiepida, 40-50 gradi Celsius, per 20 minuti.

I semi di peperone vengono immersi in acqua per cinque ore.

Successivamente, vanno posti su un panno umido per 2-3 giorni a temperatura ambiente di circa + 20°C.

A proposito, alcuni giardinieri immergono i semi in una soluzione di succo di aloe con acqua (1: 1) affermando che il metodo proteggerebbe la piantina dallo sviluppo del piede nero.

Per la germinazione, puoi mettere i semi tra due dischetti di cotone umidi. I semi devono essere controllati quotidianamente e, se necessario, spruzzati con acqua.

Quando i semi gonfi iniziano a germinare le radici, seminali.

Piantare semi di peperoni in contenitori individuali

Poiché i peperoni non amano lo spessore e non tollerano la rottura delle radici, è meglio seminarli direttamente in contenitori capienti o compresse di torba, che possono poi essere semplicemente trasferiti in un contenitore o terriccio.

Quindi il sistema di root non ne risentirà. Allo stesso tempo, il contenitore della piantina non dovrebbe essere trasparente: alle radici di peperoni non piace la luce.

I semi non dovrebbero essere profondamente incorporati. Basta setacciare uno strato preparato di terreno spesso 1 cm.

Irrigazione e concimazione tempestive delle piantine

Affinché le piantine diventino forti, hanno bisogno di annaffiature e concimazioni regolari. È molto importante evitare che il terreno si secchi.

Innaffia le piantine due volte a settimana in modo che il terreno sia sufficientemente umido su tutta la superficie, evitando l’eccesso di acqua.

La prima alimentazione delle piantine avviene dopo la comparsa di due foglie vere. Utilizzare qualsiasi fertilizzante organominerale liquido per piantine adatto a questo scopo. Nelle quantità consigliate, non bruceranno le radici e stimoleranno lo sviluppo delle piante.

L’alimentazione in contemporanea all’irrigazione viene ripetuta ogni 7-10 giorni con concimi organici preparati indipendentemente o secondo le raccomandazioni sull’etichetta del prodotto che hai scelto.

Scegliere il posto giusto per i peperoni

Quando si sceglie un sito di impianto, considerare le caratteristiche del raccolto. Peperone ama il calore, una buona illuminazione e un terreno fertile con una reazione neutra.

Inoltre,  è opportuno evitare di piantare in appezzamenti in cui sono cresciute altre solanacee  (patate, pomodori o melanzane). Gli agenti patogeni delle loro malattie comuni possono rimanere nel terreno. Quando scegli un posto per queste piante, tieni presente che non tollerano le correnti.

I peperoni amano il calore e la temperatura dell’aria e del suolo sono molto importanti. E se la parte aerea della pianta può ancora adattarsi a condizioni più fredde, il sistema radicale non si adatta. Pertanto, si consiglia di coltivare i peperoni in luoghi caldi.

Inoltre, è necessario tenere presente che alla pianta non piacciono gli sbalzi di temperatura, il che è particolarmente importante quando si coltiva nelle serre.

Seleziona “vicini giusti” per i peperoni

Come per gli esseri umani, l’ambiente in cui crescono è importante per le piante. Ogni raccolto, peperone compreso, ha i suoi vicini “buoni” e “cattivi”.

Cipolle, aglio, calendule, basilico, ecc. Hanno l’effetto più favorevole sui peperoni dolci.  Questi “vicini” proteggono il vegetale da malattie e parassiti rilasciando fitoncidi. Ma aneto e finocchio, d’altra parte, inibiscono la crescita del peperone . Vale anche la pena piantare legumi.

Effettuare l’irrigazione e la concimazione in tempo

Le piante adulte, così come le piantine, non dovrebbero essere lasciate senza acqua e nutrimento sufficienti. Innaffiale regolarmente con acqua tiepida (in media una volta ogni 4-6 giorni), evitando che il terreno si secchi e formi croste. Dopo l’irrigazione, allentare il terreno a una profondità di 1,5-2 cm.

Si consiglia di mantenere il livello di umidità richiesto con il pacciame, ad esempio è possibile utilizzare la paglia.

Fertilizza le piante dei peperoni 2-4 volte a stagione, alternando fertilizzanti minerali e organici. Per la prima alimentazione, che deve essere effettuata due settimane dopo la semina, utilizzare concimi organici per ortaggi oppure si può preparare una soluzione di 25 g di solfato di potassio, 30 g di perfosfato e 15 g di urea in 10 litri di acqua. Innaffia i peperoni alla radice.

Oppure si può utilizzare invece un fertilizzante naturale autoprodotto, come un guano di pollo sciolto in acqua (1:20), oltre ai rimedi popolari: infusi di cenere (1 tazza per 5 litri di acqua). ) o di ortica con l’aggiunta di letame.

Quando sul peperone si sarà formato il fiore, eseguire una seconda concimatura, utilizzando gli stessi concimi naturali, riducendo leggermente la dose. Allo stesso tempo, 10 g di urea e 25 g di perfosfato e solfato di potassio possono essere sciolti in 10 litri di acqua.

Di solito sono sufficienti due concimazioni. Solo se la pianta ha rallentato la sua crescita, puoi “nutrirla”, ma non più di una volta ogni due settimane.

Cura e formazione della pianta del peperone

Affinché la pianta cresca normalmente, dovresti formare la pianta correttamente, solo le piccole varietà non richiedono questa cura.

Se sulle piantine di peperone sono comparsi i primi fiori, vanno recisi: questo permetterà alla pianta di dirigere tutte le sue forze verso la formazione della parte vegetativa.

Quando le piantine di peperone attecchiscono e si adattano dopo essere state piantate nel terreno, puoi iniziare a potare la pianta. Rimuovi tutti i germogli laterali dal basso al primo ramo, così come il fiore dalla parte superiore del germoglio principale.

Non lasciare più di 20 fiori sui cespugli formati. Così il peperone avrà le condizioni per crescere correttamente. Dalle piante alte, puoi anche rimuovere le foglie inferiori.

Alla fine di agosto, tutti i nuovi fiori dovrebbero essere rimossi dai cespugli di peperoni. Questo darà all’ultimo raccolto la possibilità di maturare completamente.

Devi leggere
‹ adv ›spot_img
Articoli recenti