mercoledì, 5 Ottobre, 2022
HomeArticoloColtivazione dello zafferano - coltivazione, cura delle piantagioni

Coltivazione dello zafferano – coltivazione, cura delle piantagioni

Lo zafferano (Crocus sativus) è una pianta erbacea perenne ampiamente coltivata per l’alto prezzo pagato per la spezia che se ne ricava. Si dice che lo zafferano sia la spezia più costosa al mondo, e ciò è dovuto al meticoloso lavoro svolto per produrlo.

In questo articolo presenteremo alcuni consigli utili per coltivare lo zafferano e le sue esigenze.

In generale, una piantagione di zafferano può essere utilizzata per un massimo di 10 anni, ma gli specialisti consigliano un periodo di 5-6 anni (in caso di raccolta dei bulbi). Allo stesso tempo, si raccomanda che il ritorno della cultura sulla stessa terra avvenga dopo un periodo di 8-10 anni.

Durante la vegetazione, lo zafferano ha 2 importanti fasi di crescita e sviluppo:

In primavera la pianta ha solo foglie e tutte le risorse sono concentrate sulla formazione dei bulbi e sull’accumulo di sostanze nutritive.

Successivamente le foglie si seccano, quindi in estate la pianta è in riposo vegetativo.

L’autunno, quando la pianta fiorisce, è considerata la fase più importante per il coltivatore. Se hai intenzione di coltivare lo zafferano, ti consigliamo di farlo su piccole aree, per testare prima se è adatto o meno alla zona.

Piantagione di zafferano, esigenze colturali

Lo zafferano è una pianta che ama la luce e il calore. Le temperature consigliate per il periodo vegetativo sono 6-23 gradi Celsius. Secondo diverse fonti, in inverno resiste a temperature fino a -13… -20 gradi Celsius, a seconda della varietà.

Nelle zone con gelate precoci, si sconsiglia di coltivare lo zafferano, in quanto potrebbe risentire delle basse temperature autunnali. Rispettivamente se ne consiglia la coltivazione in zone con autunni lunghi.

Allo stesso tempo, lo zafferano predilige un’umidità del terreno moderata, non eccessiva per non far marcire i bulbi, quindi va irrigato in zone asciutte.

Lo zafferano preferisce terreni argillosi, argillosi-sabbiosi con un ricco contenuto organico.

Si consiglia di drenare bene il terreno per evitare ristagni idrici. I terreni con un pH di 6-8 sono considerati adatti allo zafferano.

Al momento della semina si consiglia la concimazione con 20-30 tonnellate di letame per ettaro.

Prima di piantare, si consiglia di allentare il terreno a una profondità di circa 25 centimetri. Quindi il terreno è livellato. Prima di piantare, viene lasciato piatto o formato in fasci.

I bulbi di zafferano vengono selezionati e classificati in base alla loro dimensione. La dimensione di un bulbo determinerà la sua resa.

Gli esperti affermano che più grandi sono i cormi madri, più prole producono e maggiore è la produzione di fiori e stimmi nel primo anno di semina.

La maggior parte degli esperti consiglia di piantare lo zafferano in agosto-settembre. Lo zafferano viene piantato a una profondità di 10-15 cm, a seconda delle caratteristiche del suolo.

Alcuni coltivatori affermano che se piantiamo lo zafferano in profondità, i bulbi si moltiplicano meno, il raccolto è minore, ma la qualità dei fiori prodotti è maggiore.

La distanza di impianto varia da 15 a 25 cm tra le file e 8-10 cm tra le piante per fila (vari autori consigliano distanze diverse, alcuni riducendo la distanza tra le piante per fila a 5 cm).

Un esempio di uno schema di piantagione di zafferano sui tronchi può essere trovato nell’immagine seguente:

La distanza di impianto dipende dalla frequenza con cui è programmata la deforestazione delle colture.

La deforestazione si riferisce alla rimozione completa dei bulbi di zafferano dal terreno per separare i bulbi madre dai bulbi che si sono formati e per conservarli per la prossima stagione di semina.

La deforestazione biennale richiede una distanza di 5-10 centimetri tra ciascun cormo; per un periodo più lungo, scegli una distanza di 10 e 20 centimetri.

Cura dello zafferano

Durante la vegetazione, si consiglia di diserbare le erbacce, evitando che le erbacce, potrebbero staccare i bulbi. Puoi anche usare la paglia per pacciamare il raccolto.

In generale, lo zafferano è una coltura adatta per il sistema di produzione ecologica, soprattutto perché alcuni coltivatori affermano che il prodotto finale perde qualità se applicato ai prodotti chimici.

Pertanto, nella coltivazione dello zafferano vengono utilizzati solo fertilizzanti naturali, evitando quelli di origine chimica, e per evitare lo sviluppo di malattie come la fusariosi o la rizoctonia, si raccomanda di rispettare i requisiti di crescita.

Lo zafferano inizia a fiorire in ottobre. I fiori di zafferano vengono raccolti in ottobre-novembre.

La raccolta deve essere effettuata in tempi rapidi, necessariamente al mattino, per evitare l’appassimento dei fiori. Di solito il tempo di fioritura è di 2 settimane. Lo zafferano fiorisce solo una volta all’anno.

Dopo aver raccolto i fiori, gli stimmi rossi, che sono 3 in ogni fiore e vengono usati come spezia, devono essere rimossi immediatamente.

Successivamente, gli stimmi scelti vengono essiccati per ottenere la spezia finale.

Per mantenere le proprietà, si consiglia di essiccare gli stimmi a una temperatura di 25 gradi Celsius per 5-7 giorni.

Puoi anche utilizzare metodi di asciugatura alternativi, ma la temperatura non deve superare i 60 gradi Celsius.

Cinque chilogrammi di stimmi freschi danno solo un chilogrammo di zafferano secco e vivo.

La spezia va conservata in un luogo al riparo dalla luce, in contenitori asciutti.

Come si moltiplica lo zafferano

Lo zafferano si moltiplica per i bulbi, questi sono chiamati cormi. La propagazione dello zafferano è consigliata nel 4° anno dopo la semina.

Come accennato, la formazione dei bulbi di zafferano avviene in primavera. Pertanto, per la moltiplicazione, si raccolgono in estate, durante il periodo di riposo vegetativo.

A titolo indicativo, la raccolta dei bulbi inizia nella seconda metà di giugno fino alla fine di luglio.

Le foglie di zafferano possono servire da indicatore, una volta che le foglie di zafferano diventano marroni e appassiscono, i bulbi entrano nel periodo di dormienza e sono pronti per la deforestazione.

I bulbi devono essere scavati con cura, senza causare danni.

Devi leggere
‹ adv ›spot_img
Articoli recenti