domenica, 14 Aprile, 2024
HomeNotizieUE e agricoltori ucraini in disaccordo sul rinnovo delle misure di liberalizzazione...

UE e agricoltori ucraini in disaccordo sul rinnovo delle misure di liberalizzazione commerciale con Kyiv

Le organizzazioni degli agricoltori dell’UE hanno accolto con favore il voto della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo che chiede maggiori garanzie sulle importazioni di prodotti alimentari nel contesto di una recente proposta della Commissione per il rinnovo delle misure di liberalizzazione degli scambi con l’Ucraina.

‹ adv ›

Gli agricoltori ucraini, da parte loro, vogliono vedere rinnovate le cosiddette misure commerciali autonome (Autonomous Trade Measures – ATM), proposte dalla Commissione europea il 31 gennaio.

Le ATM prolungano l’attuale sospensione dei dazi e delle quote per le importazioni da Kiev fino al giugno 2025. La Commissione Commercio del Parlamento europeo voterà su di esse il 7 marzo.

In vista del voto, le tensioni tra le organizzazioni agricole dell’UE e dell’Ucraina stanno aumentando.

Nonostante l’inclusione nella proposta dell’UE di misure di salvaguardia contro le importazioni eccessive di prodotti alimentari, sei tra le associazioni di agricoltori e produttori alimentari più importanti dell’UE ritengono che la misura rappresenti una minaccia per la stabilità del mercato dei prodotti alimentari dell’UE.

‹ adv ›

Lunedì sera (27 febbraio), la Commissione Agricoltura del Parlamento ha approvato un parere in linea con le richieste degli agricoltori europei. Il parere è indirizzato alla commissione Commercio competente, che potrebbe prendere in considerazione o meno gli emendamenti.

Il voto della commissione Agricoltura „dimostra che è possibile raggiungere un compromesso sulle misure commerciali dell’Ucraina” e la commissione Commercio „deve trarne ispirazione”, hanno dichiarato in un comunicato stampa congiunto il Copa e la Cogeca, i trasformatori e i commercianti di pollame dell’UE, i produttori di zucchero, i produttori di mais, i coltivatori di barbabietole e l’unione dei grossisti di uova, pollame e selvaggina.

Secondo il parere approvato dagli eurodeputati, le misure di salvaguardia dovrebbero includere tutti i settori, mentre il „freno di emergenza” destinato a ripristinare i dazi su pollame, uova e zucchero, dovrebbe riguardare anche cereali, miele e semi oleosi.

Poiché la Commissione ha individuato nel superamento dei livelli medi di importazione l’anno 2022-23 come fattore scatenante di questo meccanismo, gli eurodeputati di Agri hanno suggerito di analizzare il 2021-22, ossia un riferimento prebellico.

Secondo gli eurodeputati della Commissione Agricoltura, l’UE dovrebbe utilizzare i fondi dello strumento per l’Ucraina, pari a 50 miliardi di euro, per acquistare e stoccare le importazioni di prodotti alimentari da Kiev, al fine di stabilizzare i prezzi di mercato in caso di afflusso eccessivo di prodotti alimentari.

L’emendamento si riferisce al cosiddetto „intervento pubblico”. Questo strumento di politica agricola dell’UE implica l’acquisto e lo stoccaggio di alimenti in eccesso da parte delle autorità pubbliche.

È stato a lungo utilizzato per gestire la sovrapproduzione, ma il suo uso è diminuito significativamente negli ultimi tempi.

Oggi è ancora disponibile per prodotti come cereali (grano, grano duro, orzo, mais, riso), carne bovina, burro e latte scremato in polvere.

L’appello dell’agroalimentare ucraino

Nel frattempo, l’Ukraine Agrobusiness Club (UCAB) ha lanciato un appello ai membri della Commissione Commercio del Parlamento europeo.

„Il vostro voto può essere decisivo per il destino economico dell’Ucraina in questo anno cruciale”, si legge in un comunicato stampa di martedì 27 febbraio.

„Qualsiasi proposta volta a limitare le importazioni agricole ucraine nel mercato europeo potrebbe essere un disastro per l’economia ucraina”, ha aggiunto il comunicato.

Il parere della Commissione Agricoltura può essere preso in considerazione in quanto gli eurodeputati lo hanno adottato prima del voto in Commissione Commercio, dove i deputati hanno presentato 51 emendamenti.

Alcuni di essi riprendono gli emendamenti Agri, come il periodo di riferimento 2021-22 e l’estensione del freno di emergenza a cereali, semi oleosi e grano.

Secondo UCAB, le misure di salvaguardia proposte dalla Commissione costerebbero all’economia ucraina circa 250 milioni di dollari di mancati ricavi da esportazione.

„Tuttavia, se gli eurodeputati decideranno di accettare” gli emendamenti richiesti dalle associazioni agricole dell’UE „la perdita di ricavi da esportazione dell’Ucraina si aggraverà fino a 5 miliardi di dollari”.

Recentemente, le tensioni tra Ucraina e Polonia sono aumentate a causa della distruzione dei cereali esportati da Kiyv in transito in Polonia.

Il Consiglio dell’UE ha approvato la proposta di liberalizzazione del commercio senza modifiche, poiché la maggioranza degli Stati membri ha ritenuto urgente sostenere il Paese in guerra.

Con le elezioni europee di giugno alle porte, un ritardo nel processo decisionale significherebbe non riuscire a mettere in atto le nuove misure entro quella data.

Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti