domenica, 14 Aprile, 2024
HomeNotizieI leader dell’UE chiedono alla Commissione di garantire una concorrenza leale per...

I leader dell’UE chiedono alla Commissione di garantire una concorrenza leale per gli agricoltori

Mentre la Commissione europea si prepara a svelare un pacchetto per ridurre la burocrazia per gli agricoltori venerdì (15 marzo), i leader dell’UE riuniti al Consiglio europeo della prossima settimana esorteranno l’esecutivo dell’UE e i ministri dell’Agricoltura ad agire „senza indugio” su più fronti, come ad esempio commercio e catena alimentare, secondo il progetto di conclusioni visionato da Euractiv.

‹ adv ›

Mentre le proteste degli agricoltori in tutto il blocco si attenuano, i 27 leader dell’UE terranno d’occhio il malcontento degli agricoltori europei al vertice del Consiglio europeo del 21-22 marzo.

Secondo la bozza di conclusioni visionata da Euractiv, il Consiglio europeo riconosce „le sfide attuali” nel settore agricolo e chiede sia alla Commissione che al Consiglio Ue „di portare avanti i lavori senza indugio”.

Le conclusioni del Consiglio europeo si concentrano su quattro principali preoccupazioni sollevate dagli agricoltori dell’UE – burocrazia, competitività nel commercio dai paesi terzi, importazioni ucraine e rafforzamento del potere contrattuale degli agricoltori nella catena alimentare – su cui la Commissione si è già impegnata a lavorare.

L’ultimo Consiglio europeo del primo febbraio ha inoltre dato agli agricoltori un posto al tavolo dei leader dell’UE, con un riferimento inaspettato alle proteste che hanno avuto luogo in tutto il blocco dall’inizio dell’anno.

‹ adv ›

I leader dell’UE hanno quindi invitato anche la Commissione e il Consiglio dell’UE ad agire.

Tutti in attesa delle nuove misure della Commissione

Mentre i leader dell’UE chiedono una „semplificazione per gli agricoltori”, l’esecutivo dell’UE è pronto a svelare venerdì una serie di misure per soddisfare le richieste degli agricoltori di una riduzione degli oneri amministrativi di alcune parti della politica agricola comune (PAC) dell’UE. dicono che sta ostacolando il loro lavoro.

Il pacchetto allenterà il monitoraggio, i controlli e i requisiti ambientali nell’ambito della PAC – le cosiddette condizioni agricole e ambientali (GAEC) – una mossa che le ONG avevano avvertito all’inizio di questo mese sarebbe „un passo indietro” in termini di ambizioni di sostenibilità.

Un primo passo in questa direzione è stato già compiuto martedì quando la Commissione ha proposto di dare agli Stati membri maggiore flessibilità rispetto alle BCAA 1 attraverso un regolamento delegato. Questo tipo di atto legislativo può essere accettato o respinto, ma non modificato, dal Parlamento europeo e dal Consiglio.

Ucraina e concorrenza leale

Il progetto di conclusioni del Consiglio fa riferimento a „questioni” legate alla controversa liberalizzazione commerciale con l’Ucraina e invita ad affrontare le misure commerciali autonome (ATM) „in modo giusto ed equilibrato”.

La proroga degli sportelli bancomat fino a giugno 2025 dovrebbe essere approvata dal Parlamento europeo mercoledì sera nella plenaria di Strasburgo.

Sebbene la Commissione abbia proposto una serie di „misure di salvaguardia” per alleviare le preoccupazioni degli agricoltori sull’afflusso di importazioni alimentari dall’Ucraina, le organizzazioni agricole e i leader dei paesi vicini hanno affermato che sono insufficienti. 

Ma anche il commercio al di fuori dell’Ucraina è motivo di preoccupazione, con gli agricoltori che protestano contro la concorrenza „sleale” dei produttori di paesi terzi che non devono soddisfare gli stessi requisiti dei loro omologhi dell’UE.

Oltre a chiedere una concorrenza leale „a livello globale”, i leader dell’UE chiedono anche di garantire una concorrenza leale „nel mercato interno”.

In Francia, in particolare, gli agricoltori hanno sottolineato i diversi standard di produzione all’interno del mercato unico – un’accusa che è stata respinta dai leader di altri paesi.

Potere attraverso la catena alimentare

Il progetto di conclusioni invita inoltre a „rafforzare la posizione degli agricoltori nella filiera alimentare ”, in particolare „per garantire un reddito equo” ai produttori alimentari.

Si tratta di una richiesta di lunga data da parte degli agricoltori, che sostengono di essere gli attori più deboli nella filiera alimentare.

Anche l’esecutivo UE sta preparando misure in questa direzione.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti