mercoledì, 22 Maggio, 2024
HomeNotizieGli agricoltori bulgari chiedono di vietare le importazioni di grano ucraino

Gli agricoltori bulgari chiedono di vietare le importazioni di grano ucraino

I produttori bulgari di grano si stanno preparando a bloccare le strade principali di Sofia per fare pressione sul governo affinché cambi la sua posizione, vietando le importazioni dall’Ucraina.

‹ adv ›

I produttori di grano bulgari sostengono che lo Stato non faccia abbastanza per aiutarli a far fronte alle importazioni ucraine a basso costo e che dovrebbe vietare le importazioni di grano, verdure, latte, miele e carne dal Paese devastato dalla guerra.

Vogliono fare pressione sul governo affinché costringa gli impianti di produzione locali e i biocarburanti ad acquistare la loro produzione a prezzi superiori di circa il 15-20% rispetto ai mercati mondiali.

„Non negozio con i terroristi”, ha dichiarato sabato il primo ministro Nikolay Denkov in risposta ai blocchi, accusando i produttori di grano di cercare di scuotere il governo euro-atlantico.

Tra i promotori delle proteste ci sono agricoltori considerati vicini al presidente Rumen Radev, che è contrario a fornire aiuti militari a Kyiv.

I produttori bulgari di cereali non possono affermare che il governo non si preoccupa per loro, dato che le sovvenzioni dell’UE e dello Stato bulgaro superano il miliardo di euro, ha dichiarato Denkov. Il governo bulgaro ha evidenziato i profitti record di 1,25 miliardi di euro realizzati dai produttori nel 2022, con entrate totali del settore pari a 5 miliardi di euro in quell’anno.

‹ adv ›

Parlando della richiesta degli agricoltori di bandire il grano ucraino, Denkov ha detto che „gli agricoltori non possono trattare i requisiti europei con disprezzo, dato che i trattori con cui vogliono bloccare l’intero Paese sono stati acquistati con fondi europei”.

„Non possono dire che non sono interessati all’Europa, dato che la maggior parte dei fondi che ricevono sotto forma di sussidi e aiuti sono europei”, ha aggiunto, osservando che dovrebbero rifiutare i fondi dell’UE e poi chiedere il divieto delle merci ucraine.

Venerdì la Commissione europea ha revocato il divieto di importazione di prodotti agricoli ucraini, ma Ungheria, Polonia e Slovacchia hanno annunciato di voler continuare a imporre divieti unilateralmente.

Denkov ha invitato i produttori di grano a trovare un modo per negoziare, ma loro si rifiutano.

Ad esempio, l’Unione degli agricoltori bulgari ha presentato una posizione in cui „condanna fermamente” la posizione di Denkov riguardo ai „terroristi”.

„Le proteste sono un mezzo democratico per esprimere una posizione e proteggere gli interessi in ogni Paese membro dell’UE”, ha commentato l’organizzazione degli agricoltori.

Altre organizzazioni di agricoltori hanno appoggiato le proteste dei produttori di cereali, chiedendo un divieto quasi totale delle importazioni di prodotti alimentari dall’Ucraina. Nonostante beneficino di importazioni di mangimi a basso costo dall’Ucraina, i produttori di carne si sono uniti ai produttori di cereali.

Anche alcuni produttori bulgari di verdure hanno annunciato di voler vietare le importazioni dall’Ucraina, sebbene la Bulgaria non ne importi quasi nulla. Grandi quantità di frutta e verdura vengono importate in Bulgaria da Turchia, Grecia, Macedonia settentrionale e Polonia.

Il governo bulgaro si è finora opposto alle richieste degli agricoltori e propone di avviare negoziati per una compensazione finanziaria.

Il divieto di importazione di cereali e alimenti dall’Ucraina avrà gravi ripercussioni sui produttori bulgari di olio di girasole e di biocarburanti, che rappresentano diversi punti percentuali del PIL del Paese. La Bulgaria è uno dei maggiori produttori di olio di girasole e biocarburanti dell’UE e la produzione bulgara è insufficiente per riempire le fabbriche.

Il blocco delle importazioni di cibo a basso costo dall’Ucraina si ripercuoterà anche su tutti i bulgari attraverso l’inflazione, che il Paese sta cercando di ridurre drasticamente per avere una possibilità di entrare nell’eurozona il 1° gennaio 2025. Questo sarebbe un duro colpo per i circoli politici filorussi di Sofia.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti