sabato, 2 Dicembre, 2023
HomeNotizieAll’International Blueberry Days il case history del Portogallo

All’International Blueberry Days il case history del Portogallo

Il case history del mirtillo portoghese all’International Blueberry Days a Macfrut. Appuntamento mercoledì 3 maggio al Rimini Expo Centre con la prima giornata del Simposio che ospiterà un intervento di Pedro Bràs de Oliveira dell’Istituto Nazionale di Ricerca Agraria (INAIV) di Oeiras, tra i massimi esperti europei in materia.

‹ adv ›

Con lui tracciamo una fotografia del „prodotto” mirtillo in Portogallo, a seguito della missione di presentazione del Simposio avvenuta nelle settimane scorse a Lisbona nel congresso portoghese del mirtillo.

“La produzione di mirtilli in Portogallo è in aumento – spiega Pedro Bràs de Oliveira – La superficie ha conosciuto un notevole incremento passando da 43 ettari nel 2010 a 2587 ettari nel 2021, ovvero oltre cinquanta volte in soli 10 anni. Il volume prodotto da 500 tonnellate è arrivato a più di 17.000 nello stesso periodo di tempo. Nel 2021 il Portogallo ha esportato 5000 tonnellate per un valore di oltre 32 milioni di euro. Questo aumento riflette la grande attitudine del suolo portoghese e le condizioni climatiche per la produzione di mirtilli”.

Pedro Bràs de Oliveira si sofferma su alcune peculiarità della produzione portoghese.

“La diversificazione della stagione produttiva è un obiettivo generale per tutte le colture in quanto può aumentare la redditività delle aziende agricole consentendo un’offerta di mercato più lunga. Il modo più semplice per raggiungere questo obiettivo è utilizzare cultivar con periodi di produzione differenti, precedenti o successivi, oppure cambiando le condizioni a cui sono sottoposte le piante attraverso l’utilizzo di coperture artificiali come polietilene o reti ombreggianti”.

L’interesse del Portogallo per il mirtillo è iniziato dalla metà degli anni ’80.

“I primi test sono iniziati nel 1985, ma è stato solo nel 1994 che un campo varietale con diverse tipologie di mirtilli è stato realizzato presso l’azienda sperimentale dell’INIAV (Istituto Nazionale di Ricerca Agraria e Veterinaria), localizzata nella costa sud-occidentale del Portogallo. Fino a quel momento la produzione commerciale era praticamente inesistente, presente solo in un’azienda a Grândola (sud di Lisbona).

Fino al 2010 gli agricoltori non hanno mostrato interesse alla coltivazione del mirtillo; solo nel 2012 è scoppiata la ‘febbre del mirtillo’ con una forte espansione della coltivazione essenzialmente nel nord del Paese. Con il risveglio alla coltura, INIAV, ha avviato una serie di nuove prove in pieno campo, coltura protetta e produzione fuori suolo, adottando anche tecniche di manipolazione del ciclo vegetativo delle piante.

In un test effettuato presso l’azienda sperimentale si è dimostrata la capacità della cultivar ‘Star’ di produrre 3 kg per pianta già al secondo anno, raggiungendo l’equivalente di 27 tonnellate ettaro già al terzo anno di produzione, mentre ‘Legacy’ ha raggiunto le 22 tonnellate per ettaro già dal secondo anno. Già questi primi risultati hanno dimostrato che le piante di mirtillo si adattano bene alla coltivazione protetta in substrato, in questi ambienti, mostrando un ottimo sviluppo vegetativo e riproduttivo. Sono in corso ulteriori studi, in particolare sull’adattamento delle nuove cultivar ai diversi sistemi di produzione e alle condizioni climatiche portoghesi. Tale attività è fondamentale in quanto i programmi di miglioramento genetico del mirtillo sono molto attivi e ogni anno rilasciano nuove varietà, specialmente per il periodo precoce”.

International Blueberry Days è organizzato da Macfrut con il coordinamento del Professor Bruno Mezzetti dell’Università Politecnica delle Marche insieme a Thomas Drahorad di NCX Drahorad.
Macfrut, fiera internazionale dell’ortofrutta si svolgerà al Rimini Expo Centre dal 3 al 5 maggio 2023.

Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti