martedì, 21 Maggio, 2024
HomeNotizieAllarme degli agricoltori tedeschi: l’adesione dell’Ucraina all’UE sarebbe la fine del sistema...

Allarme degli agricoltori tedeschi: l’adesione dell’Ucraina all’UE sarebbe la fine del sistema agricolo europeo

L’adesione dell’Ucraina provocherebbe la „morte” dell’agricoltura a conduzione familiare. Ha lanciato l’allarme il sindacato degli agricoltori tedeschi, in un contesto di crescenti preoccupazioni sulla futura direzione della PAC, la politica agricola dell’UE.

‹ adv ›

A seguito dell’ultima raccomandazione da parte della Commissione europea di avviare colloqui formali di adesione con l’Ucraina, Joachim Rukwied, presidente dell’Associazione tedesca degli agricoltori (DBV), ha messo in guardia dalle conseguenze sul settore agricolo.

L’adesione „porterebbe alla scomparsa dell’agricoltura a conduzione familiare in Europa”, ha dichiarato mercoledì (15 novembre) in una conferenza stampa sul futuro della Politica agricola comune (PAC) dell’UE.

Questo deve essere chiaro „in tutte le discussioni politiche”, ha aggiunto.

Rukwied ha evidenziato che l’economia ucraina è prevalentemente trainata dall’agricoltura e la dimensione dell’azienda agricola media in Ucraina è molte volte più grande di quella nell’UE.

Il suo ingresso porterebbe quindi a „integrare nell’UE un settore agricolo con strutture completamente diverse, fino ad aziende dell’ordine di diverse centinaia di migliaia di ettari”, ha sottolineato.

‹ adv ›

In questo contesto, ha sostenuto che una Politica agricola comune (PAC) che includa l’Ucraina „non è fattibile” se non a spese delle aziende agricole degli attuali Paesi dell’UE.

Secondo Rukwied, un contributo al dibattito per il prossimo periodo di finanziamento della PAC, dal 2028 al 2034, presentato mercoledì dall’associazione, si basa sullo stato attuale dell’UE e non su un’UE allargata, anche se l’UE ha menzionato di essere pronta per l’adesione dell’Ucraina entro il 2030.

In effetti, vi è un ampio consenso tra i rappresentanti politici e le organizzazioni sul fatto che la PAC non potrebbe continuare nella sua forma attuale se l’Ucraina dovesse aderire.

In particolare, i cosiddetti pagamenti diretti, versati alle aziende agricole per ettaro di terreno agricolo, probabilmente non sarebbero finanziariamente sostenibili per le grandi aree dell’Ucraina.

Tuttavia, a differenza della DBV, il Ministero dell’Agricoltura tedesco, ad esempio, ha spinto per utilizzare l’imminente adesione come occasione per riformare radicalmente la PAC e abbandonare i pagamenti per superficie, in gran parte incondizionati.

Anche diversi Stati federali tedeschi, così come organizzazioni ambientaliste e rappresentanti dell’agricoltura biologica e su piccola scala, si sono espressi a favore della preparazione dei fondi agricoli dell’UE per l’adesione dell’Ucraina.

Nel frattempo, il governo di Kyiv sostiene che l’adesione dell’Ucraina rafforzerebbe il settore agricolo dell’UE e renderebbe l’Unione un attore globale nel settore.

Inoltre, un recente studio dell’Istituto di Studi Economici Internazionali di Vienna ha concluso che il settore agricolo ucraino non si trasformerebbe in un „pozzo senza fondo” per la PAC perché è competitivo senza grandi sussidi – ma allo stesso tempo, per certi versi, „troppo competitivo” rispetto ad altri Paesi dell’UE.

„Infatti, grazie alla fertile terra nera e alla manodopera a basso costo, l’agricoltura ucraina produce in modo così efficiente da rappresentare una seria concorrenza per molti Paesi dell’UE, come dimostra la controversia sulle esportazioni di grano ucraino in Polonia e Ungheria”, si legge nello studio.

Rukwied ha anche avvertito che l’Ucraina entrerà nell’UE „come un Paese la cui produzione agricoltura è ben al di sotto dei nostri standard, ad esempio per quanto riguarda l’uso di pesticidi” e che, quindi, farà concorrenza sleale alle aziende agricole di altri Paesi dell’UE.

In realtà, però, l’Ucraina dovrà recepire tutti gli standard dell’UE nel proprio diritto nazionale prima di poter aderire all’Unione.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti