mercoledì, 5 Ottobre, 2022
HomeArticoloPerché l'aglio marcisce 7 motivi più comuni

Perché l’aglio marcisce 7 motivi più comuni

L’aglio è una coltura abbastanza facile da coltivare (i consigli per la coltivazione sono disponibili a questo link). Tuttavia, capita che senza motivo la pianta inizi a marcire nel terreno.

Per salvare il raccolto, è molto importante identificare le cause di questo problema. Se le foglie hanno iniziato a ingiallire prematuramente, se sono comparse macchie non caratteristiche, se si sente un odore di marcio nel terreno, tirate su una pianta e valutate le sue condizioni.

Se il bulbo è floscio, danneggiato o sono visibili focolai di marciume, intervenire con urgenza per salvare la coltura.

In questo articolo esaminiamo i motivi più comuni per cui l’aglio può marcire.

1. Irrigazione eccessiva

L’irrigazione impropria dell’aglio è uno dei problemi più comuni che portano al marciume delle colture. L’aglio in maturazione è sensibile all’umidità del terreno. Un terreno troppo umido diventa un terreno ideale per gli agenti patogeni che causano il marciume dei bulbi.

Per evitare che ciò accada, annaffiare moderatamente, tenendo conto delle condizioni climatiche e delle caratteristiche dell’appezzamento.

In caso di clima caldo e secco, annaffiare ogni 5-7 giorni. Il consumo d’acqua è di 10-12 litri per metro quadro.

Per l’irrigazione, utilizzare acqua tiepida e decantata. Se innaffiate le piante con acqua fredda dopo il caldo del giorno, le piante si stresseranno e cresceranno peggio.

Interrompere l’irrigazione durante le piogge e nell’ultima fase di sviluppo dell’aglio.

2. Condizioni meteo

Come nel caso dell’irrigazione, l’eccesso di umidità dovuta alla pioggia influisce negativamente sulle condizioni delle colture. L’eccesso di acqua nel terreno porta al marciume delle radici e alla morte delle piante. Ma se l’irrigazione può essere regolata in modo indipendente, con il maltempo tutto è molto più complicato.

Le piogge prolungate nella fase di maturazione dell’aglio sono particolarmente pericolose.

Se dopo piogge prolungate compaiono pozzanghere nell’appezzamento, scavate dei fossati attraverso i quali l’acqua in eccesso possa defluire.

Per evitare che l’aglio sia vittima delle intemperie in un’estate piovosa, costruite una protezione con teli di politene trasparente sopra le piante.

3. Posizione di impianto sbagliata

L’aglio predilige le zone soleggiate. La coltura ama i terreni leggeri e sciolti. Se il terreno è argilloso, aggiungete torba o sabbia grossolana.

Se il terreno è molto acido, aggiungete gesso, calce spenta o farina di dolomite.

Se le acque sotterranee del sito sono in superficie e l’appezzamento è spesso allagato, costruite presto appezzamenti alti. In questo modo si evitano i ristagni d’acqua e si previene la marcescenza dei bulbi.

4. Errori di cura

Anche il mancato rispetto delle pratiche agricole porta al marciume dell’aglio. Se le erbacce non vengono rimosse in tempo e i germogli non vengono eliminati, si può rallentare la crescita delle piante e aumenta la probabilità di marciume.

Dopo ogni annaffiatura, cercate di allentare il terreno intorno alle piante in modo che non si formi una crosta sulla superficie del suolo. Questo migliora il flusso di ossigeno verso l’apparato radicale delle piante.

L’aglio marcisce anche perché non vengono rispettate le regole della rotazione delle colture. Non è possibile piantare l’aglio nello stesso posto per il secondo anno consecutivo, così come non è possibile piantare un qualsiasi bulbo. Bisogna aspettare almeno tre anni.

Gli starter ottimali per l’aglio sono i cetrioli, i piselli e le patate. Allo stesso tempo, rimuovere con cura i residui vegetali dopo la raccolta della coltura precedente.

5. Malattie dell’aglio

Le cause principali del marciume dell’aglio sono le malattie fungine. Spesso l’aglio viene danneggiato da fusariosi, marciume bianco del bulbo, marciume grigio e marciume rosa.

Fusarium wilt of garlic (Fusarium oxysporum) – la malattia si sviluppa in presenza di umidità elevata, quando l’acqua ristagna nel terreno. Se c’è anche calore, la progressione è particolarmente rapida.

Il primo sintomo della fusariosi è l’ingiallimento precoce delle foglie, che inizia dalla punta. Poi compaiono varie macchie. Le foglie appassiscono e si seccano. Dopo l’apparato radicale, anche gli spicchi d’aglio marciscono. Si ammorbidiscono. Sul lato inferiore e tra gli spicchi si forma un rivestimento rosato.

A volte, a causa della fusariosi, gli spicchi non riescono nemmeno a formarsi.

Marciume grigio (Botrytis allii) – si sviluppa sulle piante di aglio in qualsiasi fase della stagione di crescita e fa marcire gli spicchi colpiti.

In primo luogo, sui bulbi compaiono macchie bruno-giallastre, le teste diventano molli e gli stessi spicchi perdono il loro aspetto, come se fossero “vitrei”, c’è un netto odore di marciume. Negli ultimi stadi della malattia, i bulbi si trasformano in muco.

Marciume bianco dei bulbi (Sclerotium cepivorum) – si manifesta con forti annaffiature, ma a differenza della fusariosi si diffonde attivamente a basse temperature.

Le foglie e gli steli dell’aglio ingialliscono e muoiono, mentre sulle radici compare un micelio bianco simile al cotone. I spicchi si ammorbidiscono, diventano acquosi e marciscono.

Il marciume bianco può manifestarsi sia all’aperto che in zone riparate.

Questo insidioso fungo colpisce più di 60 tipi di colture, tra cui l’aglio.

Marciume rosa delle radici (Pyrenochaeta terrestris) – è caratterizzato dalla comparsa di macchie marroni e di un rivestimento grigio scuro sulle foglie di aglio. La pianta ingiallisce, diventa deforme e poi appassisce. Allo stesso tempo, anche i bulbi marciscono.

Le radici colpite diventano rosa, da cui il nome della malattia. Quanto più a lungo la malattia non viene trattata, tanto più gravi sono le conseguenze.

Per evitare l’infezione da malattie fungine, seguite le misure preventive:

  • utilizzare materiale di piantagione sano;
  • prima di piantare, disinfettare il terreno con fungicidi o con una soluzione di permanganato di potassio;
  • trattare gli spicchi d’aglio prima di piantarli;
  • effettuare trattamenti fungicidi preventivi secondo le istruzioni;
  • distruggere i residui organici ed eseguire un’aratura profonda.

I prodotti contenenti ciprodinil+fludioxonil (Switch 62,5 WG – 1 kg/ha, contro il marciume bianco e il marciume grigio) possono essere utilizzati per controllare le malattie fungine.

Allo stesso tempo, si consigliano trattamenti con prodotti contenenti rame (solfato di rame tribasico – Novicure 1,4-1,8 kg/ha) per controllare le malattie fungine.

6. Parassiti dell’aglio

Non tutti gli insetti vengono respinti dall’odore acuto dell’aglio. Sono anche tra quelli che non rinunceranno al raccolto. Le larve non danneggiano solo le foglie e il fusto, ma anche i bulbi della pianta e contribuiscono comunque alla diffusione di varie malattie.

Tra i parassiti pericolosi dell’aglio:

Mosca della cipolla (Delia antiqua) – le sue larve penetrano nel bulbo e lo mangiano, praticandovi grandi fori. Le foglie della pianta iniziano a ingiallire e ad appassire e il bulbo inizia a marcire.

Nematode dell’aglio (Ditylenchus dipsaci) – questo parassita simile a un verme colpisce non solo la superficie ma anche la parte sotterranea delle piante; la prima viene colpita per prima. Ha 4-5 generazioni all’anno. Le foglie si contorcono e si deformano, gli steli si ammalano e marciscono.

È quasi impossibile sbarazzarsi dei nematodi, quindi cercate di prevenirne la comparsa: preparate il terreno e trattate i semi prima della semina, mantenete la rotazione delle colture, curate regolarmente le colture.

È possibile utilizzare prodotti contenenti oxamil (Vydate 10 G – 30-55 kg/ha, applicato prima della semina mediante incorporazione nei primi 10 cm di profondità o dopo la semina con incorporazione leggera seguita da irrigazione).

Ragnetto dei bulbi (Rhizoglyphus echinopus) – un piccolo parassita che distrugge la guaina del bulbo, dopo di che i ragnetti marciscono.

Nella lotta contro il ragnetto, come per il nematode, concentratevi sulla corretta preparazione e lavorazione del materiale di piantagione. Durante la stagione di crescita, le piante infette possono essere irrorate con un acaricida.

Contro i parassiti dell’aglio si utilizzano anche rimedi popolari. Ad esempio, mettere 1 kg di infiorescenze di veccia in 3 litri d’acqua, far bollire, raffreddare e filtrare. Spruzzare l’aglio con la soluzione preparata.

7. Fertilizzazione impropria

Una concimazione inadeguata contribuisce al marciume. Alcuni coltivatori non tengono conto del fatto che una coltura ha bisogno di azoto solo all’inizio della stagione di crescita.

In questo caso, gli eccessi di questo elemento, soprattutto sotto forma di nitrati, avranno un effetto dannoso sulla pianta: possono causare il marciume dei bulbi.

Pertanto, limitate la percentuale di integratori minerali contenenti azoto nelle ultime fasi della stagione di crescita e non applicate letame fresco o incompletamente marcito alle parcelle di aglio. Privilegiare il letame o il compost.

Nel caso dell’aglio, è meglio aggiungere meno sostanze azotate.

Quindi l’aglio marcio non è un problema così comune se si ispezionano le piante per tempo, si seguono le pratiche agricole e si conoscono le cause del marciume.

Devi leggere
‹ adv ›spot_img
Articoli recenti