mercoledì, 5 Ottobre, 2022
HomeArticoloCavolfiore e broccoli i motivi principali per cui non si formano le...

Cavolfiore e broccoli i motivi principali per cui non si formano le teste

Capita spesso che broccoli e cavolfiori non forniscano il raccolto previsto per vari motivi. Questi ortaggi della famiglia delle Brassicaceae sono utilizzati nell’alimentazione per il loro elevato valore nutrizionale.

Entrambi sono relativamente nuovi alla coltivazione, quindi la loro tecnologia agricola non è ancora stata completamente adattata ed è difficile evitare errori. Concentriamoci sui principali.

I motivi per cui questi ortaggi non formano fiori possono essere diversi.

Problemi di semina di broccoli e cavolfiori

Uno dei motivi che incidono sulla fioritura di entrambe le colture può essere la scarsa qualità del materiale di piantagione o delle sementi e la mancata semina entro il periodo di semina.

Quando si acquistano semi o piantine, bisogna assicurarsi di aver scelto una varietà adatta e acclimatata, ma è meglio acquistare i semi da negozi autorizzati.

Perché spesso accade che molti coltivatori di ortaggi, per ottenere più semi, li raccolgano dalle piante del loro giardino. In questi casi l’infiorescenza è solitamente poco sviluppata, il che significa che nella futura “progenie” il cespo sarà piccolo, cioè si avranno frutti scarsi.

Per un raccolto più abbondante di broccoli e cavolfiori, è meglio acquistare ibridi di prima generazione (F1).

È bene sapere che durante il periodo di maturazione delle cimette dei broccoli la temperatura non deve superare i 18°C. Pertanto, devono essere seminati al momento giusto.

Nelle varietà tardive, che maturano a settembre a causa delle notti fresche, la formazione delle infiorescenze è prolungata, ma le infiorescenze saranno di dimensioni maggiori.

Inoltre, è necessario osservare la temperatura e il regime di umidità del suolo prima di piantare le piantine di broccoli in campo aperto.

Prima della semina, assicuratevi che la temperatura del terreno sia di 20-22°C, e molto più bassa alla comparsa delle prime piante (8-10°C di giorno, 6-8°C di notte).

Anche le piantine in questo periodo hanno bisogno di un’irrigazione da leggera a moderata. Se tutti i requisiti sono soddisfatti, saranno in grado di resistere a condizioni sfavorevoli.

Mancato rispetto della tecnologia agricola nella coltivazione di broccoli e cavolfiori

Anche i broccoli e i cavolfiori possono non formare cimette a causa del mancato rispetto dei requisiti di base della loro tecnologia di coltivazione.

Ciò riguarda principalmente la composizione del suolo, l’irrigazione e la concimazione.

Terreno per la coltivazione di broccoli e cavolfiori

La resa di entrambi i tipi di brassica dipende direttamente dalla composizione del terreno in cui sono piantati. Sia il cavolfiore che i broccoli amano il terreno fertile, arricchito con muschio. Si consiglia di applicarlo prima della semina, in ragione di 4-5 kg per 1 m².

Al posto dei fagioli mung, il terreno può essere concimato con compost (4-5 kg per 1 m²), macerato di escrementi di uccelli (1 litro per 20 litri d’acqua).

Se non è possibile aggiungere sostanza organica, utilizzate concimi minerali. Prima di dissodare il terreno, aggiungere 30 g di nitrato di ammonio, 20 g di cloruro di potassio e 50 g di perfosfato per 1 m². E non dimenticate i micronutrienti.

L’assenza anche di uno solo di essi (in particolare del molibdeno) può essere la causa della mancata fioritura delle colture.

Irrigazione di colture di broccoli e cavolfiori

Un’irrigazione insufficiente durante la stagione di crescita inibisce lo sviluppo delle piante. Sia i broccoli che i cavolfiori hanno bisogno di annaffiature abbondanti. Hanno bisogno di molta acqua soprattutto durante la formazione delle rosette fogliari e delle infiorescenze.

I broccoli devono essere annaffiati una volta ogni due giorni e, in caso di temperature elevate, due volte al giorno.

Il cavolfiore deve essere annaffiato meno spesso, solo una volta alla settimana. Nel periodo di crescita – 6-8 litri d’acqua per 1 m², durante la formazione delle infiorescenze – 10-20 litri per 1 m². Un’irrigazione più frequente porta alla crescita dell’apparato radicale e non alla formazione di infiorescenze.

Nutrizione delle colture di broccoli e cavolfiori

Quando ci si prende cura di queste piante, l’idea è che meno nutrimento è meglio di troppo. Dopo un’eccessiva concimazione, la coltura può ritardare la formazione dei fiori.

Per questo è bene sapere che per il cavolfiore si consiglia di concimare tre volte e per i broccoli quattro volte.

Le piante devono essere concimate secondo il principio: è meglio sottoalimentare che sovralimentare.

Il cavolfiore viene concimato per la prima volta 10 giorni dopo l’impianto nel terreno, la seconda e la terza volta due settimane dopo. Quando inizia a formarsi la “falsa testa”, la fecondazione viene interrotta.

Come mangime, si può usare uno dei fertilizzanti: una soluzione di liquame di letame (1:10), escrementi di uccelli (1:15) o 20 g di urea e cloruro di potassio e 50 g di superfosfato sciolti in un secchio d’acqua.

I broccoli, se non è stata aggiunta sostanza organica quando sono stati piantati nel terreno, vengono concimati per la prima volta dopo la radicazione con una soluzione di liquame di letame (1:10) o escrementi di uccelli (1:20).

Due settimane dopo, concimate nuovamente con un fertilizzante organico.

Quando iniziano a formarsi i fiori, le piante vengono concimate una terza volta: 40 g di superfosfato, 20 g di nitrato di ammonio e 10 g di solfato di potassio sciolti in un secchio d’acqua. Versare 1 litro di soluzione sotto ogni pianta.

L’ultimo broccolo viene concimato dopo la raccolta del primo raccolto per favorire la formazione delle “teste” laterali. Gli stessi fertilizzanti minerali vengono sciolti in un secchio d’acqua, ma in proporzioni diverse: 20 g di perfosfato, 10 g di nitrato di ammonio e 30 g di solfato di potassio.

Devi leggere
‹ adv ›spot_img
Articoli recenti