sabato, 15 Giugno, 2024
HomeNotizieSpagna: continuano le proteste degli agricoltori

Spagna: continuano le proteste degli agricoltori

Madrid si prepara al caos del traffico mercoledì, quando si prevede che migliaia di agricoltori protesteranno contro le ultime proposte del governo, che secondo loro non sono sufficienti a mantenere la redditività economica delle aziende agricole e a ridurre il carico burocratico degli aiuti legati alle modifiche della recente Politica Agricola Comune (PAC).

‹ adv ›

Lunedì le principali organizzazioni agricole, tra cui La Unión de Uniones de Agricultores y Ganaderos, Asaja, COAG e UPA, hanno respinto l’ultima proposta negoziale presentata dal ministro dell’Agricoltura Luis Planas (PSOE/S&D) e hanno deciso di indire una grande „manifestazione di trattori”, come ha riferito Efe Agro, partner di Euractiv.

Almeno 500 trattori e 100 autobus provenienti da tutte le regioni parteciperanno alla grande manifestazione contro il governo davanti alla sede del ministero dell’Agricoltura nel centro della città.

Tuttavia, il numero finale di manifestanti potrebbe essere molto più alto, poiché si prevede l’adesione di altri sindacati di agricoltori, ha dichiarato martedì Luis Cortés, coordinatore della Federazione spagnola dei sindacati degli agricoltori e degli allevatori.

Come in altri Paesi dell’UE, gli agricoltori spagnoli sono scesi in piazza nelle ultime settimane per chiedere cambiamenti, tra cui una maggiore flessibilità nella PAC, il rispetto della legge sulla catena alimentare – compresa l’abolizione della misura della „vendita in perdita”, che è un’estensione della riduzione temporanea delle imposte sul gasolio agricolo – e aiuti per i settori colpiti dalla siccità in corso nel Paese.

‹ adv ›

Almeno sei „colonne” di trattori dovrebbero arrivare a Madrid nelle prime ore di mercoledì dalle varie autostrade che collegano le regioni spagnole alla capitale.

La scorsa settimana, Planas ha presentato una lista di 18 misure nel tentativo di rispondere alle loro richieste, anche se quasi tutte le organizzazioni degli agricoltori le considerano „insufficienti”.

Cambiare politica o dimettersi subito!

Cortés ha definito l’ultima proposta del governo „ingannevole” perché – a suo avviso – „nessuna di queste (18) misure risolverà alcun problema” del settore.

Gli agricoltori sono così arrabbiati che hanno avvertito che chiederanno le dimissioni del primo ministro Pedro Sánchez se non „cambierà rotta”.

L’Unione dei Sindacati degli Agricoltori chiede, tra l’altro, che l’attuale legge spagnola sulla catena alimentare sia completamente sviluppata e migliorata per consentire la definizione e il calcolo dei costi di produzione dal momento che, dalla riforma della legge nel 2021, „non è stata imposta una sola sanzione per il mancato rispetto del prezzo minimo”, ha detto Cortés.

Burocrazia e concorrenza sleale

Cortés ha sottolineato che i produttori spagnoli sono „stanchi” di sottostare a misure burocratiche dettate da Madrid che „non vanno a vantaggio degli agricoltori, dei consumatori e dell’ambiente”.

Come esempio di eccessiva burocrazia, ha citato i requisiti del governo per il mantenimento della copertura vegetale, che è la stessa per regioni come le Asturie e l’Andalusia, anche se le due aree hanno climi molto diversi.

Ha inoltre criticato la „concorrenza sleale” delle importazioni di prodotti agricoli da Paesi terzi che non rispettano gli standard dell’UE e ha chiesto di aumentare le ispezioni dei prodotti dei Paesi terzi nei porti.

Le organizzazioni degli agricoltori chiedono al governo di approvare un decreto „omnibus” che risponda alle loro esigenze, comprese le modifiche alla Politica agricola comune, poiché gli obiettivi europei „possono essere raggiunti con misure meno assurde”, ha dichiarato.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti