domenica, 14 Aprile, 2024
HomeNotizieProteste degli agricoltori in Germania: I Verdi puntano il dito contro la...

Proteste degli agricoltori in Germania: I Verdi puntano il dito contro la grande distribuzione organizzata

Mentre gli agricoltori continuano a inscenare enormi proteste bloccando il traffico in tutta la Germania, un numero crescente di voci all’interno dei Verdi, che fanno parte della coalizione al governo, incolpano le politiche dei prezzi delle grandi catene di supermercati per la difficile situazione economica di molte aziende agricole.

‹ adv ›

Dall’inizio della settimana, gli agricoltori, guidati dall’Associazione tedesca degli agricoltori (DBV), hanno bloccato le strade del Paese, con l’intenzione di fare pressione sul governo affinché mantenga i sussidi sul gasolio per uso agricolo.

Sebbene molte aree siano state bloccate a causa delle proteste dei trattori, i Verdi, partner della coalizione del Cancelliere Olaf Scholz, si oppongono a ulteriori modifiche al compromesso di bilancio faticosamente raggiunto per colmare il divario fiscale, per il quale erano già state annunciate la settimana scorsa modifiche per tranquillizzare gli agricoltori.

Per spostare l’attenzione dai sussidi per il gasolio, un numero crescente di Verdi sta ora incolpando le catene di supermercati, che costringono gli agricoltori ad accettare prezzi bassi e li rendono dipendenti dai sussidi.

„Il potere di mercato dei supermercati è particolarmente elevato in Germania”, ha dichiarato a Euractiv l’eurodeputata verde Anna Cavazzini, capo della commissione per il mercato interno del Parlamento europeo, aggiungendo che in Germania tre quarti del mercato sono in mano a sole cinque aziende.

„Questo porta a una compressione dei prezzi e a una concorrenza sottocosto”, ha aggiunto Cavazzini, sottolineando „condizioni contrattuali inique o modifiche retroattive dei contratti, accordi di acquisto a breve termine e quindi una mancanza di prevedibilità per i produttori”.

Il ministro dell’Agricoltura tedesco Cem Özdemir, anch’egli dei Verdi, ha fatto commenti simili, accusando il precedente governo conservatore di aver „indebolito il potere di mercato degli agricoltori, rafforzando invece altri”.

‹ adv ›

Il ministero di Özdemir sta attualmente studiando come sostenere i produttori di latte attraverso interventi di mercato per „ottenere prezzi migliori”, ha dichiarato mercoledì un portavoce del ministero.

Una diversione?

Nell’ambito della cosiddetta Organizzazione Comune dei Mercati Agricoli (OCM), l’UE fornisce numerose regole dettagliate su come lo Stato può intervenire in quella che è un’organizzazione di mercato del settore privato.

Il basso numero di catene di supermercati è anche un argomento ricorrente nella politica della concorrenza, in particolare nel caso di progetti di acquisizione o fusione di catene di supermercati.

Anche gli agricoltori sono protetti dalle leggi dell’UE: una direttiva del 2019 li protegge dalle „pratiche commerciali sleali” degli acquirenti, che comprendono, tra l’altro, cancellazioni a breve termine o modifiche unilaterali dei termini contrattuali.

A differenza di molti Paesi che sono stati oggetto di infrazioni per non aver attuato le norme della direttiva, la Germania è considerata un Paese con un record straordinariamente positivo di attuazione.

Sono già stati fatti „miglioramenti significativi”, ha detto Cavazzini, osservando che occorre fare di più per garantire che „gli agricoltori non siano più costretti a vendere i loro prodotti sottocosto”.

Tuttavia, secondo l’economista della concorrenza Justus Haucap dell’Università Heinrich Heine di Düsseldorf, parlare del potere di mercato dei supermercati nel dibattito attuale è più probabilmente una „cortina fumogena”.

„Il prezzo non viene fissato nel settore della vendita al dettaglio dei prodotti alimentari in Germania, ma sui mercati europei o addirittura globali”, ha dichiarato Haucap a Euractiv, aggiungendo che „in Germania tendiamo ad avere una sovrapproduzione, alimentata da anni di sussidi”.

Ad esempio, la Germania esporta metà della sua carne di maiale e dei suoi prodotti lattiero-caseari.

„Se l’offerta interna è significativamente superiore alla domanda, e i produttori stranieri sono anche felici di vendere al mercato tedesco, e gli agricoltori, quindi, non ottengono un prezzo così alto come vorrebbero, questo ha poco a che fare con il potere di mercato dei dettaglianti alimentari”, ha aggiunto.

Greedflation: l’avidità che alimenta l’inflazione

Ma puntare il dito contro la grande distribuzione è una „trasparente tattica diversiva per distogliere l’attenzione dai propri fallimenti nella politica agricola e trovare qualcun altro da incolpare”, ha aggiunto Haucap.

Haucap ha anche osservato che il dibattito gli ricorda la „favola recentemente promossa della ‘greedflation’, quando anche la BCE [Banca Centrale Europea] sembrava piuttosto grata di avere un altro capro espiatorio per l’inflazione dell’eurozona”.

L’estate scorsa, la Presidente della BCE Christine Lagarde ha sottolineato che alcuni settori hanno trasferito gli aumenti dei prezzi interamente, e talvolta in modo eccessivo, sui consumatori, aumentando le pressioni inflazionistiche.

„Questi settori hanno approfittato per spingere i costi interamente senza comprimere i margini, e per alcuni di loro per spingere i prezzi più in alto rispetto alla semplice spinta dei costi”, ha dichiarato Lagarde in un’audizione al Parlamento europeo lo scorso giugno.

Questo ha portato i politici di sinistra a chiedere un intervento più significativo da parte delle autorità per la concorrenza per combattere la cosiddetta „avidità”.

Tuttavia, anche se alcuni economisti della concorrenza hanno appoggiato l’appello della sinistra, la diagnosi rimane controversa in quanto le prove dell’aumento dei prezzi indotto dai profitti sono ancora poco solide.

L’anno scorso un emendamento alla legge tedesca sulla concorrenza ha conferito all’Ufficio federale dei cartelli maggiori poteri per contrastare la „leva” anticoncorrenziale nei mercati, ma gli ostacoli legali sono elevati.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti