domenica, 25 Febbraio, 2024
HomeNotiziePer i rivenditori le norme più severe per la filiera alimentare non...

Per i rivenditori le norme più severe per la filiera alimentare non miglioreranno la situazione degli agricoltori

Tra gli appelli di diversi leader europei a riesaminare l’equilibrio del potere di mercato nella catena di fornitura, l’associazione dei rivenditori Eurocommerce ha chiesto che siano evitate regole più severe contro le alleanze di acquisto transnazionali.

‹ adv ›

Negli ultimi mesi gli agricoltori hanno protestato nelle strade di diversi Paesi dell’UE per l’aumento dei costi e l’insufficienza delle tutele commerciali, con i leader politici di Spagna, Francia e Germania che si sono impegnati ad affrontare il potere di mercato dei supermercati e dell’industria alimentare.

Il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez è stato l’ultimo a fare una mossa mercoledì (7 febbraio) mentre le proteste si intensificavano nell’Europa meridionale, affermando che il suo governo avrebbe rafforzato la legge nazionale sulla catena di approvvigionamento alimentare.

Alla fine di gennaio, il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck ha denunciato il potere di fissazione dei prezzi dell’industria alimentare nel pieno delle proteste degli agricoltori a livello nazionale ed europeo.

Tuttavia, la presa di posizione più forte è arrivata il 5 febbraio dal presidente francese Emmanuel Macron, che ha chiesto una legislazione europea più forte per garantire una maggiore protezione agli agricoltori, gli attori economicamente più deboli nella catena alimentare.

‹ adv ›

Macron ha proposto di modellare le nuove norme „UE sulla Loi Egalim 3” nazionale, che è la più rigorosa in Europa, impedendo a rivenditori e grossisti di approvvigionarsi di cibo e altri prodotti in altri Paesi dell’UE.

In questo modo, la legge prende di mira le alleanze dei rivenditori, cioè quelle tra diversi attori nazionali che si uniscono per creare centri di acquisto in altri Paesi dell’UE.

I rivenditori respingono l’idea

Il settore della vendita al dettaglio ha reagito rapidamente e ha rimandato al mittente la colpa.

Le alleanze al dettaglio, progettate per aumentare il potere contrattuale nelle trattative commerciali con le grandi aziende di trasformazione alimentare, sono vantaggiose per i consumatori e non hanno avuto „effetti negativi dimostrati sugli agricoltori”, ha affermato Eurocommerce – l’associazione europea che rappresenta rivenditori e grossisti – in un comunicato stampa pubblicato giovedì (8 febbraio).

Uno studio del 2020 del Centro comune di ricerca della Commissione europea ha riconosciuto che gli agricoltori sono generalmente le parti interessate più deboli nella catena alimentare, di fronte a settori di trasformazione o vendita al dettaglio sempre più concentrati.

Il rapporto suggerisce inoltre che l’impatto delle alleanze di vendita al dettaglio sugli agricoltori è difficile da valutare e probabilmente indiretto, poiché in Europa tali alleanze di solito non si occupano di prodotti freschi e non negoziano direttamente con i coltivatori.

Eurocommerce ha invitato i politici „ad astenersi dall’adottare misure irregolari sotto pressione”, aggiungendo che le loro aziende hanno „pochi rapporti diretti con gli agricoltori, meno del 5%”.

L’associazione imprenditoriale ha sottolineato i „grandi fornitori internazionali di prodotti trasformati” – come i produttori di cola – e le loro „forti posizioni di mercato”.

„Questi fornitori globali continuano a realizzare margini significativi”, si legge nel comunicato stampa, aggiungendo che le alleanze di vendita al dettaglio europee rappresentano un modo per affrontare questa situazione.

„Puntare il dito contro alcuni attori della catena alimentare non risolverà i problemi che molti agricoltori e trasformatori in tutta Europa si trovano ad affrontare oggi”, ha dichiarato a Euractiv l’associazione dell’industria alimentare FoodDrinkEurope.

„Dobbiamo superare queste semplificazioni eccessive e concentrare i nostri sforzi sul rafforzamento della catena del valore dalle aziende agricole alla tavola”, ha aggiunto FoodDrinkEurope.

Il caso francese

In Francia, la legge Egalim del 2023, che mira a sostenere gli agricoltori nelle negoziazioni con gli altri soggetti interessati della filiera alimentare, impone che tutti i prodotti venduti in Francia rispettino le leggi francesi, anche se i prodotti provengono da centri di acquisto europei in Spagna, Paesi Bassi o Belgio.

Lo scorso dicembre Eurocommerce ha chiesto alla Commissione europea „di agire in via prioritaria” contro la legge francese „che limita la libertà di rivenditori e grossisti di approvvigionarsi nel mercato unico in violazione del diritto comunitario”.

Le leggi Egalim impongono agli operatori di tenere conto dell’aumento dei costi di produzione degli agricoltori (materie prime, energia, ecc.) durante le trattative commerciali. L’ultima legge Egalim, la Egalim 3, va oltre imponendo un limite alle promozioni per i distributori (34% massimo). Il costo delle materie prime agricole come carne e latte non può più essere negoziato.

La situazione in UE

Il potere contrattuale degli agricoltori sui mercati alimentari è una questione politica di lunga data nel dibattito europeo.

Nel 2010 la Commissione ha creato un forum di alto livello per un migliore funzionamento della catena di approvvigionamento alimentare, quindi, ha lanciato l’iniziativa Supply Chain (2013-2019); nel 2016, una task force sui mercati agricoli ha lavorato sull’argomento e, infine, nel 2019 l’UE ha adottato una direttiva europea che definisce un elenco comune di pratiche commerciali sleali nella catena alimentare.

In un dibattito al Parlamento europeo organizzato lo scorso 7 febbraio, il vicepresidente della Commissione Maros Šefčovič ha detto ai deputati che l’esecutivo dell’UE sta attualmente controllando l’applicazione della direttiva nell’UE, con l’obiettivo di „un’attuazione uniforme” delle norme.

La direttiva è stata pienamente recepita nell’ordinamento nazionale solo nel 2022, ed è improbabile che nel breve periodo la Commissione riapra il vaso di Pandora di un tema altamente controverso.

„In effetti, la questione è controversa”, ha detto a Euractiv l’eurodeputato di S&D Paolo De Castro. De Castro è stato il relatore del Parlamento europeo della direttiva del 2019. 

„Non è stato facile”, ha ricordato, „perché la divergenza di opinioni tra i soggetti interessati era molto forte, sia tra gli Stati membri che nella stessa Commissione”.

„Ora abbiamo norme minime UE e la speranza è che gli Stati membri le applichino pienamente”, ha concluso De Castro.

Fonte dell'articoloeuractiv.ro
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti