mercoledì, 22 Maggio, 2024
HomeNotizieLa questione spinosa dei pesticidi vietati nei prodotti agroalimentari ucraini

La questione spinosa dei pesticidi vietati nei prodotti agroalimentari ucraini

L’individuazione di pesticidi vietati nell’UE nel grano proveniente dall’Ucraina ha aggiunto un ulteriore livello di complessità alla decisione unilaterale di diversi Paesi confinanti di bloccare tutte le importazioni agricole ucraine, complicando ulteriormente la situazione.

‹ adv ›

La Polonia e la Slovacchia sono tra i Paesi confinanti con l’Ucraina che hanno vietato l’importazione di prodotti agricoli ucraini dopo che le misure dell’UE per aiutare Kyiv a esportare prodotti agricoli:

  • tra cui l’iniziativa „corsie di solidarietà” dell’UE e la liberalizzazione temporanea di tariffe e quote;
  • hanno visto un afflusso di prodotti come grano e pollame, spingendo i prezzi al ribasso e gli agricoltori al limite.

La decisione – presa unilateralmente – di bloccare queste importazioni ha causato una notevole costernazione tra le parti interessate, alcune delle quali avvertono che la mossa potrebbe rappresentare una violazione del diritto dell’UE, dato che il commercio è una competenza esclusiva dell’Unione.

Tuttavia, i due Paesi stanno ora adducendo, come giustificazione per la mossa, preoccupazioni per la salute umana, animale e vegetale – tutte cose tecnicamente utili, in determinate circostanze, per avvalersi di un’esenzione dal diritto commerciale dell’UE.

Secondo quanto riferito, in 1.500 tonnellate di grano importato dall’Ucraina in Slovacchia è stata riscontrata la presenza di clorpirifos, un pesticida vietato nell’UE già nel 2020, nonostante non fosse destinato al mercato interno dell’UE, ma a Paesi terzi.

‹ adv ›

Allo stesso modo, la Polonia – che, in seguito a un accordo raggiunto martedì (18 aprile), ha annunciato che il transito all’interno dei suoi confini riprenderà venerdì – ha sollevato preoccupazioni di carattere fitosanitario, sottolineando di aver lanciato una serie di allarmi attraverso il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi (RASFF) dell’UE. Questo sistema è progettato per tenere gli altri Paesi al corrente di potenziali rischi futuri.

“L’urgenza della sua regolamentazione è legata, tra l’altro, alla dichiarazione dei servizi di controllo slovacchi e polacchi sul contenuto di sostanze nocive e proibite nell’UE (pesticidi)”, ha dichiarato a EURACTIV un portavoce della rappresentanza permanente polacca presso l’UE.

Tra queste, una notifica relativa allo stesso pesticida vietato del 23 febbraio etichettata come „grave” e un’altra del 17 aprile etichettata come „potenzialmente grave”, che è stata classificata come „notifica di respingimento alla frontiera”.

Secondo un portavoce della Commissione, dal 1° gennaio sono state effettuate da vari Paesi dell’UE ben 28 notifiche relative a spedizioni di prodotti agricoli dall’Ucraina.

Tuttavia, il portavoce ha sottolineato che tali notifiche fanno parte di un normale processo e che ogni giorno vengono effettuati numerosi aggiornamenti.

Ma si tratta di un’esenzione legale?

Un portavoce della Commissione ha dichiarato che l’esenzione legale si riferisce solo a casi specifici, piuttosto che a un divieto generalizzato di tutte le importazioni.

Tuttavia, ha rifiutato di speculare sulla possibilità che un blocco continuato porti a un’azione legale contro i Paesi, insistendo invece sul fatto che l’obiettivo è trovare una “risposta collettiva ed europea” che vanifichi la necessità di un’azione unilaterale.

Nel frattempo, David Kleimann, esperto di commercio dell’UE presso il think tank economico Bruegel con sede a Bruxelles, sebbene le decisioni unilaterali sul commercio siano una competenza esclusiva dell’UE, esistono alcune eccezioni al quadro normativo dell’UE in materia di importazioni.

“Gli Stati membri possono – in determinate condizioni specifiche – intervenire sui vincoli dell’UE, ma questi sono molto ristretti e rigorosi, e soggetti a strumenti di proporzionalità”.

Invocando la necessità di garantire sicurezza della popolazione, i Paesi potrebbero gettare le basi per una difesa legale pubblica e ufficiale, ha suggerito.

Ma Kleimann ha affermato che è „piuttosto improbabile” che una giustificazione di questo tipo per un divieto totale di importazione possa „essere addotta sotto la bandiera della sicurezza pubblica”.

Nessun accenno ai pesticidi durante la riunione degli Stati membri

La presidenza svedese ha annunciato che l’argomento sarà discusso alla prossima riunione dei ministri dell’Agricoltura dell’UE il 25 aprile.

Dopo l’incontro preparatorio di lunedì (17 aprile) in vista della riunione ministeriale, che ha visto una discussione dell’ultimo minuto sui divieti di importazione, una fonte all’interno della riunione ha riferito a EURACTIV che non è stato fatto alcun riferimento ai pesticidi o alle preoccupazioni per la salute pubblica da parte dei Paesi interessati.

Questo nonostante il fatto che alcuni degli altri Paesi dell’UE, tra cui la Romania, abbiano manifestato l’intenzione di seguire l’esempio con un divieto simile.

La mossa non è stata accolta con favore dagli altri Stati membri, più di una dozzina di loro hanno preso la parola per criticare la mossa e alcuni hanno notato che un’azione unilaterale di questo tipo va a favore della Russia, ha detto la fonte.

Anche il centro-destra del Parlamento europeo ha rilasciato martedì (18 aprile) una dichiarazione di condanna della mossa, affermando che essa “aiuta la Russia”.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti