domenica, 25 Febbraio, 2024
HomeNotizieLa Commissione punta a un „cambiamento di paradigma” con la prossima legge...

La Commissione punta a un „cambiamento di paradigma” con la prossima legge sui sistemi alimentari

Con la sua prossima proposta sui sistemi alimentari sostenibili, la Commissione europea intende modificare sistematicamente i modelli di produzione e consumo alimentare. Ma le misure concrete da includere sono ancora in sospeso, secondo quanto sottolineato da Anastasia Alvizou, vice capo dell’unità Farm to Fork Strategy all’interno del servizio di sicurezza alimentare della Commissione (DG SANTE), durante un recente evento di EURACTIV.

‹ adv ›

La Commissione europea dovrebbe presentare la sua proposta per un quadro sui sistemi alimentari sostenibili nel terzo trimestre di quest’anno, nel tentativo di „integrare la sostenibilità in tutte le politiche legate all’alimentazione”.

La legge „mira a solidificare l’essenza della strategia Farm to Fork e ad avere un carattere abilitante per realizzare questo cambiamento di paradigma nel modo in cui produciamo e consumiamo il cibo”, ha dichiarato Alvizou.

Essendo una delle ultime proposte legislative relative all’agricoltura e all’allevamento da presentare prima delle elezioni europee del prossimo anno, il quadro dei sistemi alimentari è destinato a essere uno dei tasselli legislativi che mettono in pratica la strategia faro non vincolante Farm to Fork.

In questo senso, la legislazione „rappresenta il fulcro della promessa di Farm to Fork e il motivo per cui questa strategia è stata e può ancora essere innovativa”, ha dichiarato Isabel Paliotta, policy officer dell’Ufficio europeo dell’ambiente (EEB).

Lotta per misure tangibili

Ma al di là di questa ambizione, finora non è chiaro su cosa si concentrerà concretamente la legislazione.

Mentre una valutazione d’impatto trapelata all’inizio di marzo si concentrava sulla sostenibilità ecologica, ipotizzando misure come i requisiti obbligatori per gli appalti pubblici sostenibili o i sistemi di etichettatura di sostenibilità armonizzati su base volontaria, la scorsa settimana gli attivisti verdi hanno avvertito che l’attenzione della legge potrebbe spostarsi verso l’obiettivo della sicurezza alimentare a lungo termine.

‹ adv ›

Per Marco Springmann, ricercatore senior presso l’Environmental Change Institute dell’Università di Oxford, la legislazione deve rendere più tangibili gli obiettivi alimentari sostenibili, soprattutto da parte dei consumatori.

„La strategia Farm to Fork è un ottimo documento politico, ma purtroppo il passaggio a modelli alimentari sostenibili e sani è incluso solo come obiettivo qualitativo, mentre molti obiettivi di produzione sono realmente definiti quantitativamente e possono essere valutati a livello di Stati membri”, ha affermato Springmann.

Il ricercatore ha quindi chiesto l’attuazione di obiettivi quantitativi, come l’aumento del consumo di frutta e verdura o la riduzione del consumo di carne e latticini.

Senza questi cambiamenti nella dieta, ha aggiunto il ricercatore, „ci sono poche prospettive di limitare i livelli pericolosi di cambiamento climatico o di ridurre l’uso delle risorse ambientali per quanto riguarda l’uso del suolo e altre questioni”.

Modellare gli „ambienti alimentari”

Un rapporto pubblicato la scorsa settimana dall’organizzazione ombrello di ricerca SAPEA ha concluso che „per raggiungere i suoi obiettivi di salute e sostenibilità, l’Europa deve cambiare il modo in cui produciamo e consumiamo il cibo”, poiché l’attuale dieta degli europei ha un forte impatto” sull’ambiente e aumenta il rischio di malattie e obesità.

Allo stesso tempo, cambiare le abitudini alimentari può essere difficile e i tentativi in tal senso sono spesso accolti da reazioni negative.

„Il cibo è molto emotivo”, ha sottolineato Alvizou.

Secondo il funzionario, per questo motivo il quadro dei sistemi alimentari dovrà adottare un approccio integrato e collegare la produzione e il consumo „per garantire un ambiente alimentare che favorisca scelte alimentari sostenibili”.

I sociologi parlano di ambiente alimentare quando si riferiscono al contesto culturale, fisico o economico in cui mangiamo, che influenza le nostre scelte alimentari e che è quindi un fattore su cui puntare per modificare le diete.

„Il modo in cui mangiamo e ciò che mangiamo è radicato in aspetti culturali, personali e sociali, e questo è molto difficile da cambiare”, ha detto Paliotta dell’EEB.

Tuttavia, questo cambiamento è possibile, ha sottolineato, se la volontà politica di farlo è abbastanza forte.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti