domenica, 25 Febbraio, 2024
HomeNotizieIl percorso per l’eliminazione permanente del carbonio nell’UE deve essere deciso ora

Il percorso per l’eliminazione permanente del carbonio nell’UE deve essere deciso ora

Sebbene una rapida e significativa riduzione delle emissioni debba essere la pietra angolare dell’azione per il clima, l’eliminazione permanente del carbonio avrà un ruolo da svolgere per raggiungere emissioni nette di gas serra pari a zero entro il 2050, sostengono i dottori Felix Schenuit e Martin Birk Rasmussen.

‹ adv ›

Felix Schenuit è ricercatore associato presso l’Istituto tedesco per gli affari internazionali e di sicurezza (SWP). Martin Birk Rasmussen è analista climatico internazionale presso CONCITO, il principale think tank danese sul clima.

Mentre si avvicinano le prossime elezioni europee, il Forum sulla cattura, l’utilizzo e lo stoccaggio del carbonio (CCUS) di questa settimana è l’occasione più vicina per discutere il futuro ruolo della gestione del carbonio nell’UE.

Sebbene una rapida e profonda riduzione delle emissioni debba essere la pietra angolare dell’azione europea per il clima, l’eliminazione permanente del carbonio avrà un ruolo da svolgere per controbilanciare quelle emissioni limitate che non possono essere ridotte in altro modo, per raggiungere emissioni nette di gas serra pari a zero nel 2050 e emissioni nette in seguito.

Le imminenti comunicazioni sull’obiettivo climatico per il 2040 e la strategia di gestione industriale del carbonio, prevista per l’inizio del 2024, segnano delle tappe fondamentali che influenzeranno l’evoluzione del ruolo e della regolamentazione degli assorbimenti permanenti di carbonio nei prossimi decenni.

‹ adv ›

Come ha segnalato Ursula von der Leyen nel suo ultimo discorso sullo Stato dell’Unione, le interfacce tra politica industriale e climatica riceveranno un’attenzione ancora maggiore – e la gestione del carbonio svolgerà un ruolo per unire questi diversi spazi politici. È questo il momento di approfondire le complessità della gestione del carbonio, chiarendo il ruolo dell’assorbimento permanente di carbonio nel definire il futuro climatico dell’UE.

Il ruolo dell’eliminazione permanente del carbonio nell’UE

I tre metodi di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS), di cattura e utilizzo del carbonio (CCU) e di rimozione dell’anidride carbonica (CDR) sono in cima all’agenda climatica dell’UE.

Tuttavia, il termine ombrello „gestione del carbonio” che riassume questi tre metodi non deve essere frainteso per suggerire che il loro upscaling possa essere affrontato allo stesso modo. Piuttosto, è necessario un approccio a geometria variabile, adattando gli interventi politici per affrontare le funzioni e i rischi distinti di ciascuna componente.

In particolare, l’eliminazione permanente del carbonio, con la bioenergia e la cattura e stoccaggio del carbonio (BECCS) o la cattura e stoccaggio diretto del carbonio nell’aria (DACCS), attualmente non rientra nell’architettura della politica climatica dell’UE.

L’istituzione di un quadro normativo per la certificazione degli assorbimenti di carbonio (e delle riduzioni delle emissioni nel suolo) è un primo passo, ma l’integrazione nei pilastri fondamentali della politica climatica dell’UE, come potenzialmente il sistema di scambio di emissioni dell’UE (EU ETS), rimane un compito della prossima Commissione europea.

L’integrazione di BECCS e DACCS non è un mero aspetto tecnico, ma le fasi iniziali della definizione delle politiche delineeranno il ruolo dell’UE nell’eliminazione permanente del carbonio nella politica climatica comune e il modo in cui affrontare i rischi legati all’integrazione. Si potrebbe ipotizzare una strategia a due livelli per mitigare i rischi e gli ostacoli.

Verso una strategia a due livelli

Un primo livello della strategia prevede l’identificazione delle opzioni per un’azione immediata.

L’UE deve sviluppare ulteriormente una posizione proattiva sulla politica dell’innovazione. Iniziative come il Fondo per l’innovazione e altri fondi dell’UE possono svolgere un ruolo fondamentale nel promuovere i progressi tecnologici.

Garantire strumenti di finanziamento e altri tipi di sostegno alle tecnologie innovative è fondamentale per sfruttare le curve di apprendimento dei primi sforzi. In futuro saranno necessari ulteriori finanziamenti (soprattutto per il DACCS), evitando di indebolire il sostegno ad altre tecnologie fondamentali per ottenere riduzioni profonde e tempestive delle emissioni.

Inoltre, è fondamentale sostenere uno sviluppo adeguato e coordinato dell’infrastruttura europea per il trasporto e lo stoccaggio della CO2. Questa infrastruttura sarà necessaria non solo per affrontare la quantità limitata di emissioni nei settori difficili da abbattere, ma anche per facilitare l’assorbimento di carbonio su larga scala nel lungo periodo. Garantire reti di stoccaggio e trasporto, ad esempio attraverso la legge sull’industria a zero emissioni, getterebbe le basi per un approccio globale e scalabile ai sistemi BECCS e DACCS.

Parallelamente, è necessario considerare e mitigare un rischio cruciale. Nell’UE vi sono richieste crescenti e concorrenti per l’utilizzo della biomassa, che potrebbe più che raddoppiare verso il 2050, se la regolamentazione nell’UE rimane invariata, esercitando pressioni sugli stock di carbonio, sulla biodiversità e sulla sicurezza alimentare sia all’interno che all’esterno dell’UE.

È necessario dare priorità e rafforzare la regolamentazione dell’uso della biomassa, parallelamente all’incentivazione della diffusione di applicazioni BECCS senza rimpianti, per evitare di bloccare l’uso elevato della biomassa per scopi che potrebbero essere raggiunti con altri mezzi, ad esempio l’elettrificazione.

Integrazione strutturale nella politica climatica dell’UE

Oltre a perseguire azioni immediate, dobbiamo anche avviare un altro livello della strategia per preparare l’integrazione strutturale dell’eliminazione permanente del carbonio nella politica climatica dell’UE.

È necessaria un’attenta considerazione della progettazione degli obiettivi per garantire che l’aumento dell’assorbimento del carbonio non ostacoli inavvertitamente gli sforzi necessari per realizzare tagli rapidi e profondi verso emissioni prossime allo zero.

Una potenziale strada potrebbe essere quella di stabilire obiettivi chiari e differenziati per la riduzione delle emissioni e l’assorbimento del carbonio. Questa considerazione deve trovare un equilibrio tra l’integrazione degli assorbimenti di carbonio negli obiettivi principali e la garanzia che l’ambizione della politica climatica dell’UE non venga compromessa.

Inoltre, proponiamo di esplorare un’integrazione condizionata dei BECCS e dei DACCS nel sistema ETS dell’UE, tenendo conto dei rischi connessi. Puntare all’integrazione nel sistema ETS dell’UE, mitigando al contempo tali rischi, potrebbe allineare l’obiettivo più ampio di promuovere un approccio ambizioso e solido all’eliminazione del carbonio con la gestione della mancanza di incentivi per la creazione di BECCS e DACCS oggi.

Sono in gioco molte opzioni, come ad esempio una Banca Centrale del Carbonio, ed è fondamentale che il disegno politico finale si concentri sulla garanzia dell’integrità ambientale del sistema.

In conclusione, una strategia a due livelli che combini azioni immediate e riforme strutturali lungimiranti è essenziale per un’efficace politica di CDR come elemento costitutivo della politica climatica dell’UE, che si appoggia su riduzioni profonde delle emissioni.

Incentivando l’innovazione e mitigando i rischi delle tecnologie di rimozione e preparando al contempo l’integrazione futura, la politica di CDR può contribuire a una risposta sostenibile e d’impatto alle sfide del cambiamento climatico.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti