giovedì, 9 Febbraio, 2023
HomeArticoloCome creare una foresta commestibile o Food Forest

Come creare una foresta commestibile o Food Forest

La foresta alimentare o agroforesteria è un elemento tipico della permacultura, in cui gli ecosistemi forestali naturali sono imitati da una combinazione di alberi, arbusti e piante erbacee disposti a strati.

Un giardino boschivo ben progettato, in cui tutti i componenti sono in simbiosi, può esistere per molti anni con una manutenzione e un coinvolgimento minimi. In questo articolo troverete:

  • Principi di base della foresta commestibile;
  • I sette livelli del giardino della foresta;
  • Come creare una foresta commestibile;
  • Selezione di piante per il giardino nel bosco.

I principi fondamentali di una foresta commestibile sono:

  • Imitare la foresta naturale;
  • Cooperazione anziché lotta;
  • Minimo sforzo – massimo risultato;
  • Il suolo è protetto dalle piante, senza aratura profonda e diserbo costante;
  • Diversità delle specie invece di monocolture;
  • Protezione biologica delle piante (altre piante, uccelli, insetti predatori) al posto dei pesticidi;
  • Utilizzo della topografia e delle forme naturali esistenti;
  • Utilizzo di specie e varietà autoctone resistenti.

I sette livelli del giardino-foresta

Il giardino del bosco è un sistema policulturale perenne a più livelli, con piante diverse che lavorano in simbiosi tra loro e con l’ambiente naturale.

Il livello superiore è rappresentato da alberi da frutto ad alto fusto (ad esempio il noce) che migliorano le condizioni climatiche. Forniscono anche un buon supporto per le viti (vite, actinidia).

Seguono alberi da frutto più piccoli, poi cespugli da frutto, piante erbacee annuali e perenni. Questi proteggono il terreno dall’erosione, dall’eccessiva evaporazione dell’umidità e dal surriscaldamento.

Le colture di radici sono solitamente piantate a livello del suolo.

Con questo metodo a più livelli è possibile ottenere una resa elevata e variegata e il lavoro richiesto è insignificante rispetto a un giardino convenzionale delle stesse dimensioni.

Come creare una foresta commestibile

Tutti i componenti del sistema devono essere compatibili tra loro, oltre che con le caratteristiche del terreno e la posizione del terreno.

Per cominciare, è necessario analizzare attentamente le condizioni del terreno:

  • la direzione del movimento del sole;
  • direzione del vento;
  • come la neve si scioglie e come l’acqua piovana drena sul terreno;
  • piante a crescita naturale.

Selezione delle piante per il giardino nel bosco

Le piante sono scelte con cura per sostenersi a vicenda. Gli alberi ad alto fusto offrono un’ombra leggera, mentre gli arbusti e le erbe tollerano una parziale assenza di luce.

Gli alberi più alti dovrebbero essere collocati sul lato nord del sito, in modo da non oscurare l’intera area. In questo modo si garantisce che beneficino del sole per tutto il giorno e si crea un microclima adeguato. Le specie più adatte alla nostra zona sono il noce e il gelso.

Il piano o livello successivo è dedicato agli alberi più piccoli. Qui sono adatti la maggior parte degli alberi da frutto come meli, peri, susini, ciliegi, ciliegi da fiore. A seconda della varietà o della specie, possono essere assegnati anche al primo livello.

A livello di arbusti, la varietà di specie che tollerano l’ombra parziale è piuttosto ampia. In questo modo è possibile garantire frutta fresca per un lungo periodo. Tra questi vi sono il mirtillo canadese, l’aronia, il sambuco, il lampone, la mora, il ribes, l’uva spina, il corniolo e il nocciolo.

Alberi di varie dimensioni fanno da supporto alle viti. La vite più comunemente coltivata nella nostra zona è la vite, ma anche altre viti possono essere piantate con successo, ad esempio l’actinidia (mini-kiwi, un parente stretto del kiwi).

Le piante erbacee perenni che si adattano bene a un giardino commestibile sono la fragola, il carciofo, il topinambur, il rabarbaro e gli asparagi. Nelle zone periferiche più soleggiate vengono piantati rosmarino, menta e melissa.

La diversità delle piante annuali è ancora maggiore, con legumi (fagioli, piselli, ceci), solanacee (pomodori, melanzane), brassicacee (cetrioli, zucche) e cucurbitacee.

Molte erbe ospitano insetti che mangiano i parassiti della frutta, altre attirano gli impollinatori.

Per lo strato superiore del terreno, chiamato anche rizosfera, si raccomandano colture radicali che tollerano l’ombra, cosa più difficile da ottenere perché la maggior parte di esse sono annuali con esigenze di luce più elevate. Tuttavia, si possono seminare in luoghi ombreggiati o in periferia: patate, carote, barbabietole, ravanelli.

Devi leggere
‹ adv ›spot_img
Articoli recenti