mercoledì, 5 Ottobre, 2022
HomeArticoloAnnaffiare i cetrioli. Consigli per un buon raccolto

Annaffiare i cetrioli. Consigli per un buon raccolto

L’acqua è fondamentale per la crescita e lo sviluppo dei cetrioli, soprattutto perché il 95-98% dell’acqua è contenuto nel frutto. Un’umidità insufficiente crea diversi problemi, tra cui il sapore amaro dei cetrioli.

Tuttavia, anche le varietà e gli ibridi di cetriolo geneticamente privi di amarezza necessitano di un’irrigazione sistematica per il normale sviluppo dei frutti.

Cosa c’è da sapere sull’annaffiatura dei cetrioli

L’umidità ottimale del suolo per la crescita e la fruttificazione delle piante di cetriolo è pari all’80-85% della capacità idrica massima del campo con un’umidità relativa dell’aria del 90%.

Quando si utilizzano sistemi di irrigazione a pioggia durante la stagione di crescita, si effettuano 6-10 irrigazioni con uno standard di 250-400 m3/ha.

Fino alla fioritura, l’irrigazione con uno standard di 250-300 m3/ha viene applicata quando l’umidità del suolo nello strato 0-30 cm scende al di sotto del 70% della capacità idrica massima del campo.

Nelle fasi di fioritura e fruttificazione l’umidità del suolo nello strato 0-50 cm non deve scendere al di sotto dell’80% e la norma di irrigazione deve essere di 350-400 m3/ha.

Per l’irrigazione a goccia i tassi di irrigazione saranno compresi tra 25-55 m3/ha.

Con il bel tempo, potete annaffiare i cetrioli a piacimento, ma l’acqua deve essere calda (25-28°C) in modo che l’umidità in eccesso evapori e i cetrioli beneficino della quantità d’acqua necessaria.

In caso di tempo freddo o nuvoloso è meglio limitare le annaffiature, poiché le radici non assorbono bene l’umidità e marciscono in caso di eccesso. Inoltre, ciò crea condizioni favorevoli allo sviluppo di malattie fungine.

Quando si annaffiano i cetrioli con acqua fredda, la pianta rischia di perdere i fiori e i frutti appena formati. Su questo argomento si può trovare l’articolo Perché i cetrioli ingialliscono e si seccano – vedi 7 motivi.

È meglio innaffiare i cetrioli sulle foglie prima delle 9 del mattino, in modo che durante il giorno l’umidità dell’aria intorno alle piante sia adatta a loro.

Per le aree di piccole dimensioni, si possono prendere in considerazione i seguenti consigli:

Il terreno vicino alle piante deve essere inumidito a una profondità di 15 cm e fino a 20 cm. Allo stesso tempo, il terreno intorno allo stelo deve essere asciutto, altrimenti la radice inizia a marcire (per lo stesso motivo, non è consigliabile inumidire i cetrioli).

L’acqua viene versata vicino alla pianta in un getto delicato, senza gravare sul terreno e senza ferire le radici, che sono tenere. Se non avete la possibilità di annaffiare al mattino, potete rimediare alla mancanza di umidità la sera, quando la temperatura è già scesa ma non è troppo fredda.

Un’altra opzione è l’irrigazione a goccia. L’irrigazione a goccia satura gradualmente le colture con l’acqua. Seguendo lo stesso principio, è facile costruire una struttura con bottiglie di plastica tagliate, facendo molti buchi e interrandole tra le file.

Regole per l’irrigazione a pioggia degli ortaggi principali:

Raccomandazioni per l’irrigazione a goccia degli ortaggi:

Annaffiare i cetrioli in campo aperto

Prima della fioritura, i cetrioli che crescono in piena terra vengono in genere annaffiati due volte alla settimana con una quantità di 4-5 litri per 1 m², tenendo conto delle precipitazioni. Se le precipitazioni non sono state di breve durata, è possibile omettere l’irrigazione.

Una quantità simile di acqua viene spesa per i cetrioli ogni cinque giorni durante la loro crescita. Dopo l’emergenza dei fiori e fino alla fine della raccolta dei frutti attivi, si consiglia di annaffiare tre volte alla settimana. In questo periodo aumenta anche il consumo di acqua, fino a 8-12 litri per 1 m2.

Da metà agosto a fine stagione, i cetrioli vanno annaffiati ogni 10 giorni, con una quantità di 7-8 litri per 1 m².

L’irrigazione delle radici può talvolta essere combinata con l’irrigazione delle foglie. La seconda procedura è importante da eseguire quando non c’è il sole, altrimenti le foglie rischiano di bruciarsi.

Innaffiare i cetrioli nell’appezzamento

L’irrigazione dei cetrioli in un terreno protetto ha caratteristiche proprie. Poiché la temperatura dell’aria all’interno della serra o del solarium è inizialmente più alta di quella esterna, le piante devono essere annaffiate più spesso.

Prima della fioritura, quando il tempo è bello, i cetrioli vengono annaffiati una volta al giorno, utilizzando da 3 a 5 litri d’acqua per metro quadro. Man mano che le piante crescono, innaffiate a dosi maggiori.

Ma quando è fresco e nuvoloso e non fa molto caldo nella serra o nel solarium, è meglio annaffiare meno spesso. Non dimenticate di allentare o pacciamare il terreno tra le file per evitare la formazione di croste.

Dopo la comparsa dei fiori e durante la raccolta dei cetrioli, le piante vengono annaffiate ogni 2-3 giorni, consumando 10-14 litri d’acqua per metro quadro. Da metà agosto fino alla fine della stagione, l’intervallo tra le annaffiature è di 1-2 settimane. Il consumo di acqua ad ogni irrigazione rimane invariato.

Devi leggere
‹ adv ›spot_img
Articoli recenti