martedì, 21 Maggio, 2024
HomeNotizieWojciechowski è „grato” per le proteste degli agricoltori, la PAC deve basarsi...

Wojciechowski è „grato” per le proteste degli agricoltori, la PAC deve basarsi sugli incentivi

Il commissario europeo per l’Agricoltura Janusz Wojciechowski ha dichiarato a Euractiv di essere grato per la recente ondata di proteste degli agricoltori, che ha contribuito a garantire una risposta rapida ai loro problemi con la Politica agricola comune (PAC), un sistema che dovrebbe essere basato su incentivi e non su obblighi.

‹ adv ›

Le fasi finali dei negoziati e l’entrata in vigore di una riforma della PAC più verde hanno segnato l’inizio dell’attuale legislatura dell’UE, che però si sta concludendo con le proteste degli agricoltori in tutta Europa e la messa in discussione delle sue regole verdi.

„Sono grato agli agricoltori per queste proteste. Ci hanno aiutato a reagire abbastanza rapidamente ai problemi del settore”, ha dichiarato Wojciechowski in un’intervista esclusiva a Euractiv.

Le istituzioni europee hanno risposto alle manifestazioni con un pacchetto che allenta i requisiti ambientali per l’accesso degli agricoltori agli aiuti della PAC e concede agli Stati membri una maggiore flessibilità nell’attuazione della politica.

Uno dei cambiamenti più rilevanti è stata la modifica della regola dei terreni incolti: gli agricoltori non saranno più tenuti a mantenere una quota minima di terreni non produttivi. Al contrario, potranno scegliere di farlo nell’ambito di un sistema di aiuti incentivanti chiamato „eco-schema”.

Secondo Wojciechowski, cambiamenti di questo tipo assicurano che gli elementi più controversi delle regole verdi della PAC vengano eliminati.

‹ adv ›

Per Wojciechowski, il Green Deal non è stato un errore, ma una parte considerevole della componente verde della PAC era impossibile da attuare per gli agricoltori.

„Il mio messaggio al mio successore è che per raggiungere obiettivi ambiziosi bisogna concentrarsi sugli incentivi, non sugli obblighi. Se vogliamo rendere l’agricoltura più verde, dobbiamo aiutare gli agricoltori”, ha dichiarato Wojciechowski.

Il commissario polacco, proposto dal precedente governo nazionale, è consapevole di non essere il prossimo candidato di Varsavia per un posto in Commissione, poiché il nuovo governo, guidato da Donald Tusk (PPE), è critico nei confronti dei suoi obiettivi.

Negli ultimi mesi, sia il governo di Tusk che proprio il partito PiS hanno criticato Wojciechowski per non aver dato seguito alle richieste degli agricoltori e per il suo sostegno al Green Deal.

Wojciechowski ha respinto le critiche, rivendicando il suo ruolo nel promuovere il pacchetto di revisione della PAC e nel fornire garanzie agli agricoltori dell’UE nell’estendere i benefici commerciali all’Ucraina, una questione molto delicata in Polonia.

Anche la presidente della Commissione Ursula von der Leyen lo ha ufficialmente rimproverato per aver espresso pubblicamente il suo dissenso sulla questione dell’Ucraina.

Ha ammesso a Euractiv di avere opinioni diverse dalla von der Leyen su alcuni punti, ma non ha voluto approfondire.

Preparazione all’adesione dell’Ucraina

Wojciechowski ha affermato che la Commissione vuole che l’Ucraina entri a far parte dell’UE dal punto di vista politico, ma ha ricordato che l’adesione di Kyiv sfiderebbe il mercato dell’UE, dato il suo vasto potenziale agricolo.

Ha quindi chiesto lunghi periodi di transizione e meccanismi di sicurezza per evitare che l’afflusso di prodotti ucraini destabilizzi il mercato dell’UE, aggiungendo che il Paese potrà entrare nel mercato comune solo quando saranno create le condizioni adeguate.

Ha inoltre affermato che la PAC dovrebbe essere riformata con una “limitazione” obbligatoria del sostegno agli agricoltori basato sull’ettaro, in modo che le aziende agricole di dimensioni pari all’ettaro in Ucraina non ricevano troppo rispetto alle piccole aziende agricole dell’UE.

„Queste aziende dovrebbero essere escluse dai pagamenti. Gli agricoltori, non le grandi aziende, dovrebbero ricevere i soldi”.

Il futuro della PAC

Wojciechowski ha detto che le proteste degli agricoltori sono un impulso positivo per la Commissione europea a cambiare il suo approccio all’agricoltura.

La politica agricola dovrebbe essere guidata dalla regola delle „4S”, che prevede sicurezza, stabilità, sostenibilità e solidarietà del settore alimentare, chiedendo un aumento del bilancio della PAC e della crisi agricola.

Ha insistito sul fatto che il bilancio della PAC deve crescere per garantire la produzione alimentare.

„Il nostro bilancio è troppo esiguo al momento”, ha dichiarato.

Per garantire la stabilità delle aziende agricole, Wojciechowski ha aggiunto:

„Abbiamo bisogno di un aumento del 50% del bilancio e del 500% della riserva di crisi [450 milioni di euro]”.

La solidarietà, invece, consiste nel sostenere le organizzazioni di agricoltori e le associazioni di produttori contro i grandi attori della catena alimentare.

A questo scopo, Wojciechowski chiede la creazione di un rappresentante degli agricoltori, sia a livello europeo che nazionale. La Finlandia ha già istituito un ufficio di questo tipo e altri Paesi dovrebbero seguirne l’esempio.

Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti