sabato, 15 Giugno, 2024
HomeNotizieUcraina e Polonia convocano i rispettivi ambasciatori dopo le accuse di „ingratitudine”...

Ucraina e Polonia convocano i rispettivi ambasciatori dopo le accuse di „ingratitudine” lanciate contro Kyiv da Varsavia

L’Ucraina e la Polonia hanno convocato i rispettivi ambasciatori martedì (1 agosto) dopo che Marcin Przydacz, consigliere per la politica estera del presidente polacco Andrzej  Duda, ha affermato che Kyiv dovrebbe mostrare maggiore apprezzamento per il sostegno di Varsavia nella guerra contro la Russia.

‹ adv ›

Przydacz ha anche affermato che il governo polacco deve difendere gli interessi degli agricoltori del Paese, riferendosi al divieto di importazione di prodotti ucraini che scadrà il prossimo 15 settembre e per il quale la Polonia e altri quattro Paesi che confinano con l’Ucraina hanno chiesto la proroga fino a fine anno.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha lanciato un appello all’unità durante una serie di colloqui con i diplomatici, osservando che non può esserci alcuna „crepa” nello scudo che il solido sostegno polacco ha fornito all’Ucraina.

Kyiv e Varsavia sono state solide alleate durante tutto il conflitto scoppiato con l’invasione russa dell’Ucraina nel febbraio 2022.

Il portavoce del ministero degli Esteri ucraino Oleh Nikolenko ha affermato che all’ambasciatore polacco è stato detto durante l’incontro che le dichiarazioni sulla presunta ingratitudine dell’Ucraina per l’aiuto della Polonia sono „false e inaccettabili”.

„Siamo convinti che l’amicizia ucraino-polacca sia molto più profonda dell’opportunità politica. La politica non dovrebbe mettere in discussione la comprensione reciproca e la forza delle relazioni tra i nostri popoli”, si legge nella dichiarazione diramata dal ministero degli Esteri di Kyiv.

A sua volta, la Polonia ha convocato l’ambasciatore ucraino a Varsavia in risposta ai „commenti dei rappresentanti delle autorità ucraine”, ha scritto il ministero degli Affari esteri polacco sulla piattaforma X, precedentemente nota come Twitter.

‹ adv ›

Il post sui social media non ha specificato a quali commenti si riferisse.

Non consentire alla politica di infrangere l’unità

Zelensky, scrivendo anche lui su X, ha affermato che lo scontro con Varsavia ha messo in luce „vari segnali che la politica a volte cerca di essere al di sopra dell’unità”.

„Apprezziamo molto il sostegno storico della Polonia, che insieme a noi è diventata un vero e proprio scudo dell’Europa da mare a mare. E non ci può essere una sola crepa in questo scudo”, ha affermato il presidente ucraino.

„Non permetteremo a nessuna istanza politica di rovinare le relazioni tra i popoli ucraino e polacco, e le emozioni dovrebbero decisamente raffreddarsi”, ha aggiunto.

Lunedì (31 luglio) media polacchi hanno diffuso una dichiarazione di Przydacz che ha parlato di una possibile estensione del divieto di importazione della Polonia sui prodotti agricoli ucraini.

„Ciò che è più importante oggi è difendere gli interessi dell’agricoltore polacco”, avrebbe detto Przydacz.

Il consigliere di Duda ha inoltre aggiunto:

„Penso che varrebbe la pena per (Kiev) iniziare ad apprezzare il ruolo che la Polonia ha svolto per l’Ucraina negli ultimi mesi e anni”.

L’Unione europea a maggio ha consentito a Polonia, Bulgaria, Ungheria, Romania e Slovacchia di vietare la sui propri mercati interni di grano, mais, colza e semi di girasole ucraini.

Dopo che l’invasione russa ha bloccato i porti del Mar Nero, grandi quantità di grano ucraino, che è più economico di quello prodotto nell’UE, sono rimaste nell’Europa centrale a causa di colli di bottiglia logistici, colpendo i prezzi e le vendite per gli agricoltori locali.

I cinque Paesi vogliono che il divieto di importazione di grano – che scadrà il 15 settembre – venga esteso almeno fino alla fine dell’anno

Il primo ministro polacco ha dichiarato questo mese che Varsavia non revocherà il divieto il 15 settembre, anche se l’UE non fosse d’accordo sulla sua proroga, aprendo anche alla possibilità di misure unilaterali.

Kyiv ha descritto la decisione polacca come „ostile” e ha esortato i partner dell’Ucraina e la Commissione europea a garantire l’esportazione senza ostacoli di tutti i prodotti agricoli ucraini verso l’UE.

Martedì il ministero degli Esteri polacco non ha risposto a una richiesta di commento.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti