domenica, 25 Febbraio, 2024
HomeNotizieStudio Crea, è allerta fitofarmaci sugli insetti impollinatori

Studio Crea, è allerta fitofarmaci sugli insetti impollinatori

In tutti i paesaggi europei l’uso di fitofarmaci influisce negativamente sui bombi, importanti insetti impollinatori delle colture e della flora spontanea, appartenenti alla stessa famiglia delle api.

‹ adv ›

E’ quanto emerge dal monitoraggio condotto in 128 siti di 8 Paesi europei dal Consorzio costituito da 42 partner (tra cui enti di ricerca, università, associazioni di apicoltori e agricoltori) con il contributo del Crea, centro di ricerca Agricoltura e Ambiente, appena pubblicato sulla rivista internazionale Nature.

Lo studio ha valutato diversi fattori di stress con un focus su colza e meleti, in quanto colture presenti in tutta Europa sottoposte a differenti pressioni di parassiti e di fitofarmaci e fonte di nutrimento per gli impollinatori.

Il polline raccolto e immagazzinato, infatti, è risultato contaminato da più fitofarmaci: 8 differenti molecole per colonia in media, ma in alcuni casi sono stati riscontrati fino a 27 diversi composti in prevalenza fungicidi.

E’ stato calcolato, quindi, un indice di rischio sulla base della tossicità di tali sostanze e della loro concentrazione nel polline: 9 insetticidi sono risultati responsabili del 99% del rischio.

‹ adv ›

Nonostante le normative europee impongano limiti all’uso dei fitofarmaci proprio per garantire che le perdite di individui nelle colonie di api mellifere (Apis mellifera) non superino il 10%, è stato riscontrato che più della metà delle colonie di bombi monitorate ha subito decremento di popolazione maggiore del 10%.

Secondo Cecilia Costa, responsabile del progetto nel cui ambito è stato effettuato lo studio, „le attuali procedure di valutazione del rischio e le normative europee, tra le più severe al mondo, non riescono a proteggere adeguatamente gli organismi non bersaglio di fitofarmaci e sono insufficienti per realizzare un’agricoltura veramente sostenibile”.

„L’indagine – commenta il ricercatore Piotr Medrzycki” – ha messo in luce come gli impollinatori nell’agroecosistema europeo siano esposti a importanti fattori di stress, anche fitofarmaci.
   

Fonte dell'articoloansa.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti