martedì, 21 Maggio, 2024
HomeNotizieSostegno UE all’Ucraina: Parlamento e Consiglio raggiungono un accordo per estendere le...

Sostegno UE all’Ucraina: Parlamento e Consiglio raggiungono un accordo per estendere le esenzioni commerciali

I legislatori dell’UE hanno raggiunto un accordo sul rinnovo delle misure di liberalizzazione del commercio con l’Ucraina lunedì (8 aprile), dopo che gli Stati membri hanno spinto per la riapertura dei negoziati e concordato di rafforzare alcune salvaguardie contro le distorsioni del mercato.

‹ adv ›

L’incontro di lunedì tra i negoziatori del Parlamento europeo e del Consiglio dell’UE è stata l’ultima occasione per chiudere un accordo combattuto che estende i benefici commerciali dell’Ucraina fino al giugno 2025, prima della sospensione dell’attività legislativa dell’UE in vista delle elezioni del Parlamento europeo.

Le cosiddette Misure commerciali autonome (ATM), originariamente introdotte nel 2022 dopo l’invasione russa e in scadenza a giugno, mirano a facilitare le esportazioni agricole ucraine verso l’UE eliminando tutte le tariffe e le barriere commerciali rimanenti.

Quest’ultimo accordo arriva dopo che i legislatori dell’UE hanno raggiunto un compromesso il 20 marzo durante i negoziati interistituzionali. L’accordo iniziale prevedeva un freno d’emergenza per i “prodotti sensibili” – tra cui pollame, uova, zucchero, avena, mais, semole e miele – che sarebbe scattato se le importazioni avessero superato la media del 2022-2023.

Tuttavia, una coalizione di Paesi dell’UE guidata da Francia e Polonia si è opposta all’accordo e ha richiesto ulteriori disposizioni, come l’estensione del periodo di riferimento per il freno di emergenza al 2021 e l’inclusione di grano e orzo tra i prodotti sensibili.

‹ adv ›

Queste richieste sono in linea con la posizione adottata dal Parlamento a metà marzo.

La minoranza di blocco è riuscita solo a estendere il periodo di riferimento alla seconda metà del 2021, prima dell’invasione russa, quando le importazioni dell’UE dall’Ucraina erano significativamente più basse.

Lunedì i colegislatori dell’UE hanno anche deciso di iniziare a discutere una liberalizzazione tariffaria permanente con l’Ucraina nelle prossime settimane.

L’accordo era atteso da tempo, poiché l’aumento delle importazioni di prodotti alimentari ucraini nell’UE è stato uno dei principali fattori che hanno scatenato le recenti proteste degli agricoltori dell’Europa orientale, in particolare in Polonia.

Gli agricoltori polacchi – e le loro controparti nei Paesi limitrofi come Bulgaria, Ungheria, Romania e Slovacchia – hanno espresso preoccupazione per l’”inondazione” di prodotti agricoli più economici nel mercato dell’UE.

La spinta della Francia

Mentre Varsavia è stata la più attiva nel dibattito, con tensioni con Kyiv per il blocco delle frontiere da parte degli agricoltori polacchi, la Francia ha svolto un ruolo chiave nei negoziati dopo aver cambiato la sua posizione iniziale per unirsi alla minoranza di blocco.

A febbraio, Parigi aveva appoggiato la proposta originaria della Commissione sulla liberalizzazione del commercio, con solo gli Stati membri “in prima linea” che spingevano per un rafforzamento delle salvaguardie, ha dichiarato un diplomatico dell’UE a Euractiv.

Tuttavia, il governo francese, che ha dovuto affrontare anche le pressioni degli agricoltori in protesta, si è poi unito ai Paesi vicini nei loro sforzi per riaprire l’accordo.

Parlando dopo il vertice UE del 21-22 marzo, il presidente francese Emmanuel Macron ha chiesto un approccio più „equilibrato” e ha messo in guardia dal rischio che l’opinione pubblica europea si rivolti contro „l’accettabilità dei produttori ucraini” a causa di standard produttivi diversi da quelli dell’UE.

Spaccatura sui cereali

Sebbene la minoranza di blocco sia riuscita a spingere per una soglia di importazione più bassa per far scattare le misure di salvaguardia, non è riuscita a ottenere il sostegno necessario tra gli Stati membri per includere il grano e l’orzo nell’elenco dei prodotti sensibili.

„Abbiamo una destabilizzazione dei prezzi [dei cereali]”, ha dichiarato il 26 marzo il ministro dell’Agricoltura francese Marc Fesneau ai giornalisti a margine del Consiglio Agricoltura e Pesca (AGRIFISH), aggiungendo che il mercato del grano era „particolarmente” deregolamentato.

Fesneau ha accusato Mosca di utilizzare i cereali come strategia per scuotere il mercato dell’UE.

„La Russia sta cercando di impedire all’Ucraina di rivolgersi ai suoi mercati naturali di esportazione, che sono fuori dall’Europa”, ha aggiunto.

Lo stesso giorno, il suo omologo ungherese Istvan Nagy ha dichiarato che un accordo senza l’inclusione del grano nella lista dei prodotti sensibili sarebbe „inaccettabile”.

Contro il tempo

Con le elezioni europee di giugno che incombono, il rinnovo dell’ATM ha tempi stretti per essere approvato prima della fine della legislatura.

Gli ambasciatori dell’UE hanno approvato il nuovo accordo lunedì sera, subito dopo i negoziati interistituzionali.

La palla passa ora alla commissione per il Commercio Internazionale del Parlamento europeo, che dovrebbe approvare l’accordo durante la riunione di martedì (9 aprile).

Se gli eurodeputati della commissione approveranno le misure riviste, la plenaria dovrà ancora dare il via libera definitivo nella sessione del 22-25 aprile, l’ultima dell’attuale mandato. Anche il Consiglio dell’UE dovrà poi dare il via libera.

Tuttavia, se i nuovi ATM non dovessero essere approvati, l’UE potrebbe tornare al quadro commerciale prebellico con l’Ucraina, la cosiddetta Area di libero scambio globale e approfondita (DCFTA), ripristinando quote e dazi sulle importazioni.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti