domenica, 14 Aprile, 2024
HomeNotizieSlovacchia, Ucraina concordano sistema di commercio di cereali per sostituire il divieto...

Slovacchia, Ucraina concordano sistema di commercio di cereali per sostituire il divieto – Ministero slovacco

I ministri dell’agricoltura di Slovacchia e Ucraina hanno concordato di istituire un sistema di licenze per il commercio di cereali, permettendo la revoca di un divieto sull’importazione di quattro prodotti ucraini in Slovacchia una volta che il sistema sarà operativo, ha detto giovedì il Ministero dell’Agricoltura slovacco.

‹ adv ›

Slovacchia, Polonia e Ungheria hanno annunciato restrizioni nazionali sulle importazioni di cereali ucraini la scorsa settimana dopo che la Commissione Europea ha deciso di non estendere il suo divieto di importazioni in cinque stati membri dell’UE dell’Europa orientale.

La controversia si è acuita quando l’Ucraina, che ha utilizzato rotte terrestri verso l’ovest per compensare le possibilità di esportazione perse via mare a causa dell’invasione della Russia, ha presentato un reclamo all’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) riguardo ai divieti.

„I ministri hanno concordato sulla creazione di un sistema di commercio di cereali basato sull’emissione e controllo delle licenze”, ha detto il ministero slovacco in una email.

„Fino a quando questo sistema non sarà operativo e pienamente testato, il divieto sull’importazione di quattro prodotti dall’Ucraina rimane in vigore”.

L’Ucraina ha anche accettato di interrompere il reclamo presso l’OMC, ha detto il ministero slovacco.

Il ministero slovacco non ha fornito dettagli su come funzionerà il sistema di licenze. Il divieto slovacco sulle importazioni è stato approvato fino alla fine dell’anno.

‹ adv ›

I paesi che impongono i divieti nazionali sostengono che il grano ucraino economico, destinato principalmente al transito verso l’ovest e ai porti, rovini i loro mercati interni.

Per gran parte dell’ultimo anno, circa il 60% del grano ucraino ha transitato attraverso i cinque paesi dell’UE dell’Europa orientale, che includono anche Bulgaria e Romania.

Fonte dell'articoloreuters.com
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti