domenica, 14 Aprile, 2024
HomeNotizieMinistro francese: l’agricoltura sarà uno dei principali temi di interesse nazionale

Ministro francese: l’agricoltura sarà uno dei principali temi di interesse nazionale

Al congresso annuale del principale sindacato agricolo francese, il ministro dell’Agricoltura Marc Fesneau ha illustrato a grandi linee la prossima legge sull’agricoltura e ha fatto il punto sulle misure attuali e future a livello nazionale e comunitario in risposta alle proteste degli agricoltori.

‹ adv ›

Quasi due mesi dopo l’annuncio da parte del governo di 62 proposte francesi ed europee, il sindacato degli agricoltori FNSEA attendeva con ansia il discorso del ministro.

Fesneau ha proposto misure “concrete” e un calendario per rassicurare gli agricoltori.

„In soli due mesi abbiamo fatto progressi senza precedenti e abbiamo accelerato i nostri sforzi per cambiare il software sia a livello nazionale che europeo”, ha detto ai membri del sindacato (giovedì 28 marzo).

Legge sulla politica agricola

Fesneau ha elencato le misure già adottate, come il sostegno fiscale – in particolare sul diesel – e gli aiuti finanziari – in caso di eventi climatici o malattia emorragica epizootica (EHD) per gli allevatori.

Ha illustrato le linee generali della legge di orientamento agricolo, che sarà presentata mercoledì (3 aprile) al governo ed esaminata dal Parlamento all’inizio di maggio.

‹ adv ›

Il ministro spera che la legge venga votata a giugno, così che a partire dall’autunno si possa vedere un’applicazione concreta nelle aziende agricole.

„Lo dico ai parlamentari presenti, il dibattito dovrà permetterci di andare oltre e di semplificare tutto ciò che può essere semplificato”, ha insistito Fesneau.

Il testo include anche l’agricoltura tra i „grandi interessi generali” della Francia, il che permetterà, a lungo termine, di fare dell’agricoltura una priorità nell’azione del paese.

Le sanzioni per i reati ambientali, ha promesso, saranno riviste perché „sono sproporzionate”.

Semplificazione della PAC

Il ministro ha parlato a lungo dei lavori di Bruxelles sulla semplificazione della politica agricola comune dell’UE e ha accolto con favore la revisione di alcune misure verdi della PAC convalidata martedì (26 marzo) dal Consiglio dei ministri.

„Lo stavate aspettando, è una grande semplificazione”, ha detto Fesneau, che ha promesso che queste misure saranno applicate nel 2024 e „per tutto il periodo dell’attuale PAC”.

„La priorità politica ora è garantire che il Parlamento europeo, a sua volta, adotti queste nuove misure entro la fine di aprile, e sono pienamente impegnato a garantire che ciò accada”, ha aggiunto.

Politica commerciale

Ha anche insistito sulla ricerca del „giusto equilibrio” tra la „vocazione all’export” della Francia e dell’UE e la „necessità di proteggere” i produttori dalla concorrenza sleale.

„Sovranità alimentare significa creare le condizioni a livello nazionale, europeo e internazionale per garantire che la nostra agricoltura rimanga un fattore di potere economico e di potere in generale”, ha affermato.

Ecco perché, ha spiegato, la Francia si oppone agli accordi commerciali dell’UE con il Mercosur e l’Australia, che applicano pratiche di produzione vietate dal blocco sul suo territorio.

Riguardo alle esportazioni ucraine, ha ribadito la volontà della Francia di sostenere Kiev, ma ha sottolineato che questa solidarietà ha i suoi „limiti”.

Francia, Polonia e altri paesi chiedono una maggiore protezione del grano e la fissazione dei volumi medi delle importazioni dal 2021 al 2023 come soglia per l’attivazione di misure di salvaguardia automatiche.

Gli Stati membri, tuttavia, si sono parzialmente accordati solo sul periodo di riferimento 2021-23, ma il grano non è stato incluso tra i settori sensibili.

Mentre i membri dell’Ucraino Agribusiness Club (UCAB) si sono detti „preoccupati” per la lunga discussione sulle misure di salvaguardia, sei associazioni di agricoltori e produttori alimentari dell’Ue hanno definito il compromesso del Consiglio „solo un mezzo passo avanti”.

Egalim europeo

Per far sì che l’agricoltura europea riacquisti la sua „forza”, Fesneau ha chiesto anche una maggiore armonizzazione delle regole all’interno dell’Ue.

Un „Egalim europeo” – dal nome delle leggi francesi – è una delle leve proposte dalla Francia per garantire un reddito agli agricoltori europei e riequilibrare i negoziati commerciali con supermercati e produttori.

Martedì, intervistato da France Inter, Fesneau si è detto soddisfatto nel vedere che questa proposta stia prendendo piede a Bruxelles. Ha annunciato di averne discusso con il collega tedesco, Cem Özdemir, e con il commissario europeo all’Agricoltura, Janusz Wojciechowski, che si è detto interessato all’iniziativa.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti