giovedì, 13 Giugno, 2024
HomeNotizieL’UE vuole allentare le regole su alcune colture geneticamente modificate

L’UE vuole allentare le regole su alcune colture geneticamente modificate

La Commissione europea sta spingendo affinché alcuni tipi di piante sottoposte a editing genetico siano trattate come piante prodotte in modo convenzionale, secondo una bozza trapelata dell’imminente proposta dell’esecutivo UE, suscitando reazioni contrastanti da parte delle parti interessate.

‹ adv ›

L’editing genetico descrive diversi nuovi metodi scientifici utilizzati per alterare i genomi e ingegnerizzare geneticamente alcune caratteristiche delle piante, tra cui la resistenza alla siccità e ai parassiti. La proposta di allentare o meno le regole dell’UE su queste nuove tecniche genetiche è attesa per il 7 luglio.

La procedura di autorizzazione e i requisiti di valutazione del rischio dell’attuale legislazione sugli OGM non sono adeguati alla varietà di potenziali prodotti vegetali che possono essere ottenuti con la mutagenesi mirata e la cisgenesi, e di conseguenza sono sproporzionati o inadeguati in alcuni casi”, si legge nella bozza di testo, ottenuta dalla piattaforma agroalimentare ARC2020, che aggiunge che „non favorisce” lo sviluppo di prodotti innovativi e benefici.

La bozza di testo propone invece due percorsi futuri per gli organismi geneticamente modificati. In questo modo, tutte le piante sottoposte a editing genetico considerate in grado di „verificarsi naturalmente o attraverso la riproduzione convenzionale” verrebbero elencate tra le cosiddette nuove tecniche genomiche (NGT) di „categoria 1”.

Ciò significa che verrebbero trattate „in modo simile alle piante convenzionali” e, in quanto tali, „non richiederebbero autorizzazione, valutazione del rischio, tracciabilità ed etichettatura”, si legge nella bozza.

‹ adv ›

Le piante che non rientrano in questo ambito sarebbero note come NGT di „categoria 2” e richiederebbero un’autorizzazione con una valutazione „adattata” per tener conto dei loro diversi profili di rischio e per affrontare le sfide di rilevamento. Ciò include tutte le piante tolleranti agli erbicidi.

“Questa combinazione garantisce il più possibile che le piante NGT e i loro prodotti alimentari e mangimi siano sicuri come le loro controparti convenzionali, senza comportare inutili oneri normativi”, si legge nella bozza.

Politicizzazione delle decisioni amministrative

Tuttavia, i rappresentanti del settore europeo della riproduzione vegetale Euroseeds hanno espresso „seri dubbi” sulla complessità del processo proposto dalla Commissione, ad esempio in caso di disaccordo con gli Stati membri.

„Questo rischia un’ulteriore politicizzazione di ciò che dovrebbe essere una decisione amministrativa, basata su chiari criteri scientifici, e porrebbe l’UE in evidente disallineamento con gli approcci adottati in altre giurisdizioni come, ad esempio, il Regno Unito, e costituirebbe un grosso onere per gli sviluppatori”, ha avvertito l’associazione.

L’associazione ha inoltre espresso preoccupazione per la giustificazione scientifica e la conseguente base giuridica della classificazione principale di tutte le piante NGT tolleranti agli erbicidi come prodotti di categoria due, indipendentemente dalla modifica genetica.

Nel frattempo, Euroseeds ritiene „illogico e discriminatorio” il divieto proposto per gli agricoltori biologici di utilizzare le NGT di tipo convenzionale e l’obbligo di etichettatura dei sacchetti di semi delle NGT di tipo convenzionale.

La tracciabilità è una questione spinosa

Al contrario, il settore biologico dell’UE, lo IFOAM, ha dichiarato di accogliere con favore il chiaro divieto degli NGT nella produzione biologica, ma ha chiesto una „base adeguata” per proteggere i prodotti OGM-free e biologici dalla contaminazione attraverso la tracciabilità obbligatoria „lungo tutta la catena di produzione e l’etichettatura dei consumatori”.

Per l’IFOAM, questo è „l’unico modo per prevedere una vera coesistenza”.

„Sarebbe un errore sostituire la tracciabilità, il monitoraggio e l’etichettatura delle NGT solo con requisiti minimi di trasparenza a livello di allevamento, poiché ciò farebbe ricadere l’onere di garantire una produzione esente da OGM completamente sugli operatori che non intendono utilizzarli”, ha avvertito l’associazione.

Nel frattempo, l’associazione ritiene che l’esenzione di alcuni NGT dalla valutazione del rischio, dalla tracciabilità e dall’etichettatura sia una „negazione del principio di precauzione e un passo indietro per la biosicurezza e l’informazione dei consumatori”.

„Se i sostenitori dei NGT sono così sicuri della loro sicurezza e dei loro benefici, perché insistono nel nascondere il loro uso nella produzione alimentare?”, ha chiesto l’associazione.

Allo stesso modo, l’eurodeputato verde Benoit Biteau ha definito „profondamente preoccupante” l’esenzione per alcune piante geneticamente modificate, avvertendo che in questo modo le multinazionali „vincono su tutti i fronti, mentre agricoltori e consumatori ci rimettono”.

Nel frattempo, il collega verde Martin Häusling ha avvertito che se questa bozza diventerà legge, i consumatori „non avranno modo di sapere se stanno mangiando cibo geneticamente modificato”.

„Gli allevatori, gli agricoltori e i produttori di alimenti avranno difficoltà a evitare la contaminazione da OGM, poiché gli sviluppatori di OGM terranno per sé i loro metodi di rilevamento e la tracciabilità spetterà agli operatori della catena alimentare”, ha affermato, avvertendo che ciò „rafforzerà il controllo sulla nostra produzione alimentare”.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti