domenica, 14 Aprile, 2024
HomeNotizieL’Ucraina fa causa all’OMC contro Polonia, Slovacchia e Ungheria per il divieto...

L’Ucraina fa causa all’OMC contro Polonia, Slovacchia e Ungheria per il divieto di importazione di prodotti agricoli

L’Ucraina ha intentato una causa presso l’Organizzazione mondiale del commercio (OMC) contro la Polonia, la Slovacchia e l’Ungheria in seguito alla loro decisione di imporre unilateralmente un divieto sui prodotti agricoli ucraini.

„È di fondamentale importanza per noi dimostrare che i singoli Stati membri non possono vietare l’importazione di prodotti ucraini”, ha dichiarato il vice primo ministro e ministro dell’Economia ucraino, Yuliya Svyridenko, in una dichiarazione che annunciava la decisione lunedì (18 settembre).

‹ adv ›

L’iniziativa segue la decisione di Polonia, Slovacchia e Ungheria di imporre unilateralmente restrizioni sulle importazioni di grano ucraino venerdì (15 settembre), dopo che la Commissione europea ha deciso di non estendere il divieto temporaneo sulle importazioni nei cinque Paesi vicini all’Ucraina.

Il divieto dell’UE – che riguardava grano, mais, colza e semi di girasole – era stato inizialmente imposto per tranquillizzare i Paesi in prima linea che dovevano far fronte all’afflusso di prodotti agricoli ucraini. L’afflusso, che ha messo sotto pressione gli agricoltori locali facendo crollare i prezzi, ha portato i Paesi a imporre unilateralmente le proprie restrizioni commerciali ad aprile.

Per l’Ucraina, l’azione di venerdì da parte dei tre Paesi dell’UE è una „violazione degli obblighi internazionali”, secondo la dichiarazione, che definisce „inaccettabili” le azioni unilaterali degli Stati membri dell’UE nel campo del commercio.

„Tutti gli Stati membri dell’UE dovrebbero coordinare e concordare la politica commerciale, che è di competenza esclusiva dell’UE”, si legge nella dichiarazione.

„È per questo che intentiamo cause contro di loro presso l’OMC”, ha dichiarato Svyridenko, aggiungendo che, allo stesso tempo, l’Ucraina „spera che questi Stati eliminino le loro restrizioni, per non dover chiarire le nostre relazioni in tribunale”.

Secondo Svyridenko, il divieto ha lasciato il segno sul settore agricolo ucraino.

„Gli esportatori nazionali hanno già subito e continuano a subire perdite significative a causa dei tempi morti, dei costi aggiuntivi e dell’impossibilità di rispettare gli accordi economici con l’estero”, si legge nella dichiarazione.

„Abbiamo bisogno di solidarietà con loro e di proteggere gli interessi degli agricoltori”, si sottolinea, aggiungendo che le misure adottate dall’Ucraina e la pressione della Commissione europea e di altri Stati membri „contribuiranno a ripristinare la normalità degli scambi commerciali tra l’Ucraina e i Paesi limitrofi, oltre a dimostrare la solidarietà tra di noi”.

‹ adv ›

Crollo della piattaforma di coordinamento?

La notizia giunge mentre l’Agenzia di stampa polacca (PAP) riferisce che Polonia, Slovacchia e Ungheria si sono ritirate dalla piattaforma di coordinamento congiunta, un incontro tra i Paesi di prima linea dell’UE e i rappresentanti della Commissione e dell’Ucraina che negli ultimi mesi hanno discusso regolarmente la questione del divieto.

Pur non confermando le voci, parlando con i giornalisti durante la riunione dei ministri dell’Agricoltura dell’UE di lunedì (18 settembre), il ministro dell’Agricoltura polacco Robert Telus ha suggerito che potrebbe essere „pericoloso” continuare a partecipare alla piattaforma a causa dei timori di cause legali.

„Se siamo su questa piattaforma e se la parte ucraina dice di volerci citare in giudizio presso l’OMC, allora qualsiasi dichiarazione che facciamo su questa piattaforma può essere usata contro di noi”, ha detto, aggiungendo che, fino a quando l’Ucraina „non farà marcia indietro” sulla sua minaccia di portare il caso all’OMC, „per noi diventa pericoloso continuare a parteciparvi”.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti