martedì, 21 Maggio, 2024
HomeNotizieLa superficie coltivata a patate dolci è diminuita del 40 per cento...

La superficie coltivata a patate dolci è diminuita del 40 per cento in due anni

Il raccolto di patate dolci della Carolina del Nord è in calo nella stagione 2023/24. Lo Stato rappresenta il 60% del raccolto nazionale e sta registrando, per il secondo anno, una riduzione della superficie di coltivazione: nel complesso, la superficie coltivata è diminuita di circa il 40% negli ultimi due anni.

„Nel 2021 erano 104mila acri (42.000 ha) e nel 2022 è scesa a circa 84.000 acri (34.000 ha)”, afferma Thomas Joyner, presidente della Nash Produce, che stima che nel 2023 la superficie scenderà a 65.000 acri (26.000 ha).

„Tuttavia la qualità è buona come quella che abbiamo avuto finora e le rese sono leggermente superiori alla media”.

‹ adv ›

La stagione della Carolina del Nord è iniziata con due settimane di ritardo, perché quest’anno anche il trapianto è stato effettuato due settimane più tardi, a causa di una primavera fredda. Si prevede che la raccolta terminerà a metà novembre, ovvero leggermente prima del solito, per la riduzione della superficie di coltivazione. In altri Stati produttori di patate dolci, come California, Mississippi e Louisiana, la superficie coltivata è rimasta invece abbastanza invariata.

Costi e superficie

Il calo della superficie coltivata è in gran parte dovuto ai costi.

„I costi degli input continuano a salire e i prezzi non tengono il passo, quindi alcuni coltivatori di patate dolci hanno deciso di non produrre nel 2023”, afferma Joyner.

Ma questo è dovuto anche alla pressione sulla domanda d’esportazione.

„Il mercato dell’export è in forte calo a causa della concorrenza di altri Paesi di origine, compreso l’Egitto. I produttori egiziani hanno aumentato la loro produzione, i loro costi sono estremamente bassi e secondo l’ufficio egiziano USDA FAS, la loro moneta è stata svalutata due volte negli ultimi 14 mesi. Ciò rende davvero difficile essere competitivi sui prezzi”, afferma Joyner.

Nel frattempo, la domanda interna è buona.

„I rivenditori si sono consapevoli di quello che è successo negli ultimi tre anni con i prezzi delle patate dolci, che non sono riusciti a tenere il passo con i costi, quindi hanno decisa di agire”, afferma Joyner.

‹ adv ›

Consumi in crescita

Allo stesso tempo, la domanda complessiva sta crescendo, in parte con l’aiuto di organizzazioni come la North Carolina Sweetpotato Commission e di gruppi di marketing che lavorano per aumentare il consumo pro capite.

„Nei prossimi anni, l’implementazione di questa strategia di marketing sarà significativa. Stiamo cercando di aumentare i consumi in modo da poter riportare l’industria statale e i prezzi ai giusti livelli”, spiega Joyner.

In questo momento i prezzi nazionali delle patate dolci sono aumentati e, rispetto a 5-10 anni fa, la maggior parte del raccolto ora è sotto contratto.

„I prezzi stanno raggiungendo i risultati desiderati, ma i costi continuano ad aumentare. Le patate dolci vengono raccolte una volta all’anno e il raccolto viene trasportato, il che comporta dei costi di trasporto. Quando i costi erano inferiori, nessuno ne parlava, ma da allora questi costi sono aumentati”, dice Joyner.

„Secondo me, l’anno prossimo avremo un ulteriore aumento. Sarà un primo passo verso un rincaro, ma non credo che si potrà tornare indietro. La domanda è: i coltivatori che non hanno piantato quest’anno o hanno ridotto gli ettari coltivati, aumenteranno di nuovo la superficie l’anno prossimo? Lo decideranno solo dopo i risultati di quest’anno, in termini di raccolto e profitti”.

Fonte dell'articolofreshplaza.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti