sabato, 15 Giugno, 2024
HomeNotizieLa riduzione dei limiti delle tossine nei cereali potrebbe danneggiare i produttori,...

La riduzione dei limiti delle tossine nei cereali potrebbe danneggiare i produttori, avverte l’eurodeputata Sander

La riduzione del livello massimo consentito di micotossine nei cereali, sostanze prodotte da funghi che possono danneggiare la salute umana se consumate in quantità sufficienti, potrebbe costare caro ai produttori europei di cereali, ha avvertito mercoledì (29 maggio) l’europarlamentare francese Anne Sander.

‹ adv ›

Sander, europarlamentare del Partito Popolare Europeo (PPE), ha scritto una lettera alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, sollecitando una revisione dei limiti fissati dal regolamento, che entrerà in vigore a luglio, o un’esenzione per gli agricoltori per quest’anno.

„Vorrei richiamare la sua attenzione sulle difficoltà che molti agricoltori, e più specificamente i coltivatori di cereali, incontrano attualmente, in particolare in Francia, per quanto riguarda le norme sulla presenza di micotossine nei cereali”, ha scritto Sander.

Lo sviluppo di queste tossine è legato alle condizioni di umidità durante la crescita dei cereali, esacerbate dalle forti piogge che attualmente colpiscono diverse regioni francesi.

Nel 2017, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha pubblicato due pareri che mettono in guardia sull’eccessiva esposizione dei cittadini dell’UE di tutte le età ad alcune micotossine.

Nel 2024 l’UE ha adottato due regolamenti per ridurre i rischi per la salute dei consumatori. Questi hanno fissato i livelli massimi per la somma delle tossine T-2 e HT-2 a 50 microgrammi per chilogrammo e hanno abbassato i livelli massimi per la tossina DON nei cereali non lavorati da 1250 a 1000 microgrammi per chilogrammo, a partire da luglio.

‹ adv ›

L’eurodeputata sostiene che i nuovi limiti sarebbero “insostenibili” per gli agricoltori.

„Gli agricoltori non avranno altra scelta che sacrificare parte del loro raccolto o aumentare l’uso di prodotti fitosanitari, proprio quando stanno cercando di ridurne l’uso”, ha dichiarato Sander.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti