martedì, 21 Maggio, 2024
HomeNotizieLa Commissione Europea adotta misure di mercato per sostenere i produttori di...

La Commissione Europea adotta misure di mercato per sostenere i produttori di vino dell’UE

La Commissione Europea ha adottato misure eccezionali per affrontare gli attuali squilibri nel mercato del vino di diverse regioni dell’UE. Sotto i programmi di sostegno nazionali per il vino, sarà ora possibile per gli Stati membri includere la distillazione di crisi per rimuovere l’eccesso di vino dal mercato.

‹ adv ›

È concesso anche un margine di flessibilità nell’attuazione dei programmi di sostegno al vino, permettendo una maggiore flessibilità per la vendemmia verde quest’estate e aumentando la quota di cofinanziamento dell’UE per misure relative a ristrutturazione, vendemmia verde, promozione e investimenti.

Il settore vinicolo è colpito da una riduzione del consumo dovuta all’attuale inflazione sui prezzi dei cibi e delle bevande, che insieme ad un buon raccolto del 2022 e le conseguenze derivanti dalle difficoltà del mercato durante la pandemia hanno portato ad un accumulo di scorte. La produzione di vino dell’UE è aumentata del 4% quest’anno rispetto all’anno precedente, mentre le scorte iniziali erano superiori del 2% rispetto alla media degli ultimi 5 anni.

Si stima una diminuzione del consumo di vino per l’anno di commercializzazione in corso del 7% in Italia, del 10% in Spagna, del 15% in Francia, del 22% in Germania e del 34% in Portogallo. Parallelamente, le esportazioni di vino dell’UE per il periodo da gennaio ad aprile 2023 sono state dell’8,5% inferiori rispetto all’anno precedente, contribuendo ad aumentare ulteriormente le scorte.

Questo contesto di mercato si traduce in difficoltà di vendita per i viticoltori e i produttori dell’UE, una riduzione dei prezzi di mercato e, di conseguenza, una grave perdita di reddito, soprattutto nelle regioni più colpite da queste tendenze.

‹ adv ›

La situazione è molto frammentata in tutta l’UE, e lo squilibrio tra l’offerta disponibile e la domanda è concentrato in alcune regioni e tipi di vino. I più colpiti sono i vini rossi e rosé di alcune regioni della Francia, Spagna e Portogallo, ma altri vini e/o Stati membri potrebbero incontrare difficoltà simili in certe regioni di produzione.

Le misure adottate dalla Commissione, dopo essere state ratificate dagli Stati membri in una riunione di commissione, aiuteranno il settore a far fronte agli attuali squilibri. Era necessario adottare misure temporanee di mercato per evitare che il vino invenduto pesasse sull’intero mercato interno e impedisse ai produttori di trovare una capacità di stoccaggio sufficiente per il nuovo raccolto.

Grazie alla decisione odierna, sarà possibile fino al 15 ottobre 2023 distillare il vino più colpito dalla crisi di mercato nel quadro dei programmi di sostegno al vino. Il vino distillato viene tolto dal mercato, e l’alcol ottenuto può essere utilizzato solo per scopi non alimentari per evitare una distorsione della concorrenza.

Gli Stati membri sono tenuti a indirizzare la misura di distillazione di crisi alle regioni o ai tipi di vino con squilibri di mercato, da identificare sulla base di criteri oggettivi, come un aumento significativo delle scorte o una diminuzione del prezzo e delle vendite. Il compenso finanziario da concedere al vino idoneo per la distillazione sarebbe limitato a una quota dei recenti prezzi di mercato. Ciò eviterà qualsiasi abuso o sovra-indennizzo a seguito dell’attuazione di questa misura eccezionale.

Si prevede che gli Stati membri notificheranno alla Commissione entro il 31 agosto 2023 i criteri di attuazione di questa misura eccezionale. Gli Stati membri saranno anche autorizzati a completare il finanziamento dell’UE con un importo fino allo stesso livello dei pagamenti nazionali.

La Commissione ha anche concesso ulteriore flessibilità nell’attuazione e nel finanziamento dei programmi di sostegno al vino per l’anno finanziario 2023. Questo permetterà agli Stati membri di adattare meglio le loro misure alla situazione del mercato del vino nell’anno corrente e di utilizzare meglio la vendemmia verde per prevenire o ridurre un eventuale surplus di vino per l’anno a venire.

Nelle attuali circostanze, i beneficiari dei programmi di sostegno al vino hanno il diritto di adattare le loro operazioni previste e in casi debitamente giustificati di attuare solo parzialmente i loro progetti originali. La quota di cofinanziamento dell’UE per misure relative a ristrutturazione, vendemmia verde, promozione e investimenti sarà anche aumentata dal 50% al 60%.

Tutte le misure adottate sono entrate in vigore oggi e sono direttamente applicabili.

Contesto A livello dell’UE, il settore vinicolo è sostenuto tramite programmi di sostegno al vino nei paesi dell’UE produttori di vino. Un budget annuale di 1.061 milioni di euro di fondi dell’UE è destinato a sostenere il settore per investire, innovare, promuovere i loro prodotti, ristrutturare e assicurare i loro raccolti.

Nel quadro dell’attuale PAC, le misure di sostegno al vino sono incluse nei Piani Strategici della PAC. Rispetto al quadro precedente, lo stesso budget continuerà ad essere allocato al settore vinicolo e tutte le misure attualmente ammissibili saranno mantenute, mentre gli obiettivi e gli interventi per promuovere un settore vinicolo più sostenibile saranno rafforzati con un minimo del 5% della spesa da dedicare a tali obiettivi.

Fonte dell'articoloagriculture.ec.europa.eu
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti