domenica, 14 Aprile, 2024
HomeNotizieI produttori bulgari di olio di lavanda temono le leggi dell’UE

I produttori bulgari di olio di lavanda temono le leggi dell’UE

Mentre si conclude con successo la stagione di raccolta di diverse centinaia di tonnellate di olio di lavanda in Bulgaria – il primo produttore mondiale – il futuro del settore appare più grigio che viola.

‹ adv ›

Con una produzione globale insufficiente che già pesa sui prezzi, i distillatori bulgari temono che i nuovi regolamenti dell’Unione Europea possano ulteriormente ridurre l’attività.

Sebbene l’Unione Europea si sia offerta di sospendere l’attuazione dei regolamenti rivisti che limitano le sostanze chimiche nocive, il tempo stringe.

Nikolay Nenkov, responsabile della distilleria Galen-N – una delle più grandi della Bulgaria – teme di dover presto apporre sulle sue fiale di olio di lavanda etichette di avvertimento sulla salute con slogan poco convincenti.

„Temiamo che tali misure riducano il consumo, frenino la produzione e (quindi) il settore possa scomparire in alcune regioni, il che è molto negativo considerando che si tratta di una tradizione di lunga data”, ha dichiarato all’AFP.

In un settore già provato dai prezzi bassi, dalla carenza di manodopera, dai cambiamenti climatici e dai parassiti, le revisioni previste „creerebbero ulteriori tensioni”, ha aggiunto.

‹ adv ›

Un grande passo avanti

Dai famosi campi di lavanda che circondano Zelenikovo, nella Bulgaria centrale, alla Provenza francese, i produttori e gli agricoltori si sono uniti per difendere il loro prodotto da quelle che considerano leggi ingiuste di Bruxelles.

Altri importanti produttori sono la Cina, la Moldavia e la Grecia.

In tutta l’UE, gli oli essenziali sono regolamentati da due leggi chimiche principali, note come REACH e CLP.

L’imminente revisione di entrambe le leggi mira a fornire ai consumatori e alle aziende migliori informazioni sulla possibile esistenza di interferenti endocrini e componenti che causano cancro o reazioni allergiche nei prodotti.

La revisione del REACH – che riguarda la registrazione, la valutazione, l’autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche – è stata rinviata al quarto trimestre del 2023.

Ma la proposta della Commissione UE di chiarire la classificazione e l’etichettatura delle sostanze ai sensi del CLP, in particolare per le vendite online, sarà sottoposta a votazione plenaria in ottobre.

Di fronte alla resistenza dei produttori, il Consiglio dell’UE ha proposto una deroga di quattro anni all’entrata in vigore del testo.

“Il problema non è stato risolto, ma questo rinvio è un grande passo avanti”, ha dichiarato Nenkov.

Sovrapproduzione

Nel tentativo di placare le preoccupazioni dei principali produttori europei, Bruxelles ha sottolineato che „non ha intenzione di iniziare a richiedere un’analisi di ogni molecola presente negli oli essenziali” o di „vietarli”, ha dichiarato un portavoce all’AFP.

„Gli oli essenziali sono già definiti come sostanze chimiche”.

Nella distilleria di Nenkov, il tecnico settantenne Vasil Andreev insiste sul fatto che sta maneggiando un „prodotto completamente naturale” mentre filtra un altro secchio di olio giallo pallido.

Ci vogliono fino a 120 chili di lavanda – che viene ancora pressata a piedi in enormi vasche prima della distillazione – per produrre un chilo di oro viola bulgaro, utilizzato in famosi cosmetici e profumi.

Ma il boom della produzione ha reso il mercato troppo saturo.

Negli ultimi anni, però, il boom della produzione ha saturato eccessivamente il mercato, facendo crollare i prezzi e i profitti. Attualmente i prezzi si aggirano al di sotto dei costi di produzione, intorno ai 20-35 euro al chilo, dopo aver raggiunto un picco di 140 euro nel 2018.

„Negli ultimi tre anni si è verificata una sovrapproduzione globale di olio di lavanda, con un’offerta superiore alla domanda, che ha indotto un numero sempre maggiore di agricoltori a rinunciare alla coltivazione”, ha dichiarato Nikolay Valkanov, analista del think tank InteliAgro.

Gli agricoltori riconoscono che prima o poi dovranno distruggere alcuni dei loro campi profumati per poter tornare a prezzi che consentano loro di smettere di vendere in perdita.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti