mercoledì, 22 Maggio, 2024
HomeNotizieGli agricoltori tedeschi sono in ginocchio per la crisi climatica

Gli agricoltori tedeschi sono in ginocchio per la crisi climatica

Gli agricoltori e gli attivisti mettono in guardia sull’impatto che i cambiamenti climatici hanno sulla produzione agricola in Germania, tra i risultati contrastanti del raccolto di quest’anno a causa di eventi meteorologici avversi.

‹ adv ›

Una sequenza di eventi meteorologici estremi negli ultimi mesi ha lasciato il segno sulla produzione agricola tedesca e ha portato a variazioni significative tra regioni e settori produttivi, secondo i dati sul raccolto.

„Le condizioni meteorologiche estreme, conseguenza della crisi climatica, stanno trasformando sempre più i nostri raccolti in una lotteria”, ha dichiarato il ministro dell’Agricoltura Cem Özdemir durante la presentazione del rapporto ufficiale del governo sul raccolto lunedì (28 agosto).

Il rapporto indica diverse stagioni di tempo imprevedibile, tra cui un inverno insolitamente mite nel 2022, una primavera nel 2023 che è iniziata piovosa ed è finita secca e un’estate arida che è diventata insolitamente piovosa appena in tempo per ostacolare il raccolto di colture chiave.

Raccolto ostacolato dalla pioggia

Pur parlando di un raccolto di colza „soddisfacente”, il rapporto rileva che il raccolto complessivo di cereali rimane inferiore di circa il 4% rispetto alla media pluriennale, con valori particolarmente bassi nelle regioni centrali e nordorientali. Per il grano invernale, la coltura cerealicola più importante, le rese sono rimaste circa il 3% al di sotto della media pluriennale.

„Dove si sono verificate forti piogge al momento del raccolto, la qualità ne ha risentito, soprattutto per il grano”, spiega il rapporto.

Özdemir ha invitato a trarre lezioni dai dati contrastanti del raccolto di quest’anno.

„Chiunque creda che si possa rimandare il lavoro sulla protezione del clima e sull’adattamento climatico non rappresenta gli interessi dell’agricoltura tedesca”, ha sottolineato il ministro dei Verdi.

„Dobbiamo lavorare insieme per rendere l’agricoltura a prova di clima, in modo da poter continuare a raccogliere in modo sicuro tra 20, 30 o 50 anni”, ha aggiunto.

‹ adv ›

L’argomentazione secondo cui il raccolto di quest’anno offre un primo sguardo al futuro degli agricoltori tedeschi di fronte al cambiamento climatico è stata condivisa sia dagli agricoltori che dagli attivisti verdi.

Il presidente dell’associazione degli agricoltori tedeschi Joachim Rukwied ha parlato degli “effetti chiaramente percepibili del cambiamento climatico” durante la presentazione delle proiezioni del raccolto dell’associazione la scorsa settimana.

Allo stesso modo, il presidente della ONG ambientalista NABU, Jörg-Andreas Krüger, ha affermato che quest’anno dimostra „come la crisi del clima e della natura ponga sfide alla produzione alimentare già oggi”.

Quali lezioni trarre?

Tuttavia, le conclusioni su ciò che questo dovrebbe significare per le future misure politiche divergono.

Per Rukwied, „dobbiamo fare tutto il possibile per garantire i raccolti e la sicurezza alimentare in futuro”.

Questo include „la selezione di varietà vegetali più resistenti, un’ampia gamma di ingredienti attivi per la protezione delle colture, il risparmio idrico e la lavorazione conservativa del terreno e la promozione mirata delle infrastrutture di irrigazione”.

Nel frattempo, la sezione tedesca del World Wildlife Fund (WWF) ha indicato un paesaggio agricolo diversificato come un modo per rendere l’agricoltura più resiliente al clima, in quanto „previene l’erosione, fornisce un habitat per le controparti naturali di agenti patogeni e parassiti e mantiene l’acqua dove è necessaria per produrre cibo prezioso il più a lungo possibile”.

I dati sul raccolto tedesco si inseriscono nel contesto degli impatti che le condizioni meteorologiche estreme hanno sull’agricoltura in tutta Europa, in particolare il perdurare degli effetti della grave siccità di questa primavera nella penisola iberica e in altre parti dell’Europa meridionale.

Capricci meteorologici in tutta l’UE

Di recente, il rapporto di monitoraggio delle colture per il mese di agosto del Centro comune di ricerca dell’UE ha rilevato che le piogge „abbondanti” e „frequenti” hanno causato ritardi nella raccolta ed effetti negativi sulla qualità delle colture invernali in Germania, nei Paesi del Benelux e nella Francia nord-occidentale.

Nel frattempo, „le ondate di calore e le condizioni più secche del solito hanno avuto un impatto particolare sui raccolti estivi in Bulgaria, Romania meridionale e orientale, Cechia e Polonia centrale”, secondo il rapporto.

Anche gli Stati non appartenenti all’UE stanno soffrendo: il ministro dell’Agricoltura dell’Albania, Frida Krifca, ha recentemente dichiarato in un’intervista a EURACTIV che il cambiamento climatico è il problema principale che gli agricoltori albanesi devono affrontare.

Ha indicato le piogge sporadiche e abbondanti, gli inverni e le primavere prolungate e le temperature più elevate come sfide critiche per le politiche presenti e future a favore degli agricoltori.

Mercoledì (30 agosto), la Commissione europea presenterà i risultati del raccolto a livello europeo alla commissione agricoltura del Parlamento europeo.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti