domenica, 14 Aprile, 2024
HomeNotizieGli agricoltori fanno pressione sull’UE per maggiori garanzie sulle importazioni alimentari dall’Ucraina

Gli agricoltori fanno pressione sull’UE per maggiori garanzie sulle importazioni alimentari dall’Ucraina

Il Consiglio e il Parlamento europeo dovrebbero introdurre nuove misure di protezione per i prodotti agricoli come cereali e miele contro le importazioni ucraine e, se falliscono, sono probabili ulteriori manifestazioni di agricoltori in Europa, hanno affermato giovedì sei associazioni di agricoltori in un comunicato stampa congiunto (15 Febbraio).

‹ adv ›

La proposta della Commissione europea di prolungare la liberalizzazione delle importazioni di prodotti agricoli ucraini per aiutare il paese nello sforzo bellico sta provocando una reazione negativa nella comunità agricola dell’UE, che sta esercitando pressioni sugli Stati membri e sul Parlamento europeo affinché modifichino le misure.

Nella sua proposta di regolamento che sospende i dazi e le quote per le importazioni dall’Ucraina, la Commissione europea ha introdotto clausole di salvaguardia per limitare le importazioni di pollame, uova e zucchero ucraini in Europa nel caso in cui l’afflusso superi i volumi medi del 2022-23.

Sei associazioni che rappresentano gli agricoltori (Copa e Cogeca), i trasformatori e i commercianti di pollame dell’UE, i produttori di zucchero, i produttori di mais, i coltivatori di barbabietole e l’unione dei grossisti di uova, pollame e selvaggina, hanno chiesto di estendere la tutela ai cereali e miele e fissare il periodo di riferimento per l’attivazione del meccanismo di salvaguardia ai volumi delle importazioni prebelliche, vale a dire prima del 2022.

La proposta della Commissione viene discussa parallelamente nella commissione per il commercio del Consiglio e in quella del Parlamento europeo. La relatrice del PE, Sandra Kalniete (PPE, Lettonia), ha presentato un testo senza emendamenti.

‹ adv ›

Il primo dibattito sulla relazione si svolgerà lunedì e l’approvazione è prevista per il 7 marzo.

Le sei organizzazioni hanno affermato che „sembra che il Consiglio e il Parlamento europeo non siano disposti ad agire” e hanno avvertito che le decisioni che saranno prese a Bruxelles nei prossimi giorni riguardo al rinnovo dei vantaggi commerciali per l’Ucraina „avranno profonde conseguenze”.

Sempre giovedì, i coltivatori francesi di grano e cereali si sono uniti agli agricoltori di Polonia, Slovacchia e Ungheria, nel chiedere „freni di emergenza” all’eccessivo afflusso di prodotti alimentari da Kyiv.

La questione delle importazioni dall’Ucraina si aggiunge al malcontento degli agricoltori di Repubblica Ceca, Slovacchia, Polonia, Ungheria, Lituania e Lettonia.

Le principali organizzazioni di agricoltori di questi paesi si sono incontrate martedì (13 febbraio) in Polonia, minacciando l’UE di ulteriori azioni se non fossero state adottate misure.

La pressione sui prezzi delle materie prime nel mercato interno, che inizialmente colpiva solo i paesi dell’UE confinanti con l’Ucraina, hanno affermato le sei associazioni, ora colpisce la redditività dei produttori di cereali, pollame e zucchero in „altri Stati membri come Francia, Belgio, Paesi Bassi, Germania e Austria”.

Se il Consiglio e il Parlamento europeo non riusciranno a modificare il regolamento, ciò „porterà probabilmente a ulteriori manifestazioni, divieti unilaterali e, in definitiva, a una riduzione del sostegno all’Ucraina”, hanno concluso i produttori alimentari.

Allo stesso tempo, il rappresentante commerciale dell’Ucraina Taras Kachka ha detto mercoledì (14 febbraio) a un gruppo di giornalisti a Bruxelles che „i prodotti ucraini non causano alcun danno agli agricoltori dell’UE”.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti