martedì, 21 Maggio, 2024
HomeNotizieAlluvione Emilia Romagna. Tenuto incontro Lollobrigida, Bignami, Figliuolo e Zattini con associazioni...

Alluvione Emilia Romagna. Tenuto incontro Lollobrigida, Bignami, Figliuolo e Zattini con associazioni rappresentanza agrarie

Si è tenuta ieri nella sala del Consiglio comunale di Forlì, alla presenza del Ministro dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste Francesco Lollobrigida, del Vice Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Galeazzo Bignami, del Sindaco di Forlì Gian Luca Zattini e del Commissario straordinario alla ricostruzione Francesco Paolo Figliuolo, un incontro con le associazioni di rappresentanza agrarie dedicato all’esame delle problematiche dei territori della Regione Emilia Romagna colpite dall’alluvione di un anno fa.

‹ adv ›

È stato fatto il punto sugli interventi attuati e sulle prossime iniziative programmate. Unanime da parte delle rappresentanze è stata la soddisfazione per quanto fatto sino ad oggi, compreso il Dl Agricoltura approvato nell’ultimo Consiglio dei Ministri.

Sono emerse altresì preoccupazioni in ordine alla sicurezza del territorio in quanto qualsivoglia investimento in un territorio ancora vulnerabile rischierebbe di mettere a repentaglio gli sforzi eseguiti.

Il Generale Figliuolo, Commissario alla ricostruzione, ha voluto ricordare la particolare attenzione posta nelle ordinanze relative alle aziende agricole.

Elencando le ordinanze di interesse nello specifico settore, ha sottolineato in particolare le novità introdotte con l’Ord. 23/2024 di modifica dell’Ord. 11/2023 che ha inserito le seguenti previsioni: che ha inserito le seguenti previsioni:

‹ adv ›
  • estensione del contributo a tutte le pertinenze funzionali all’attività d’impresa e alle recinzioni; la possibilità in l’agricoltura di impiantare produzione arborea ed arbustiva differente dalla preesistente;
  • la possibilità di realizzare nuovi manufatti qualora non sia tecnicamente possibile/conveniente riparare i teli antipioggia, antigrandine, serre, tunnel o altri elementi. Il Commissario straordinario ha inoltre evidenziato l’accoglimento dell’art. 15 del D.L. 181 del 9 dicembre 2023 e gli interventi su aree/fondi realizzati anche in economia ed erogazione dei contributi con costi parametrici, oltre all’ampliamento dei rimborsi anche per danni subìti da beni depositati presso terzi.

Durante l’incontro è stato, inoltre, ricordato il decreto ministeriale per il sostegno delle emergenze dello scorso ottobre, che ha stanziato 181 milioni di euro, tra fondi comunitari e nazionali, di cui 100 milioni destinati alle imprese agricole danneggiate dall’alluvione, che sono stati completamente erogati entro il 31 gennaio 2024 alle 10.701 aziende aventi diritto.

Seguiranno gli interventi previsti da Agricat per risarcire le imprese agricole più colpite, fino a concorrenza del 100% del danno dimostrato.

„Non dobbiamo mai dimenticare che il percorso che dobbiamo fare non deve solo affrontare l’emergenza ma essere strategico. Dal primo giorno il Governo Meloni e il Masaf hanno messo tutte le risorse a disposizione per intervenire.

Siamo andati in Europa a chiedere tutto quello che era disponibile per aiutare e garantire nel modo più veloce ed efficace quello che era necessario. Per quanto riguarda l’agricoltura, l’allevamento e la pesca, questi sono settori irrinunciabili non solo perché danno cibo ma anche perché fanno la manutenzione del territorio. Per noi l’agricoltore è il primo ambientalista”.

Lo ha dichiarato il Ministro dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste Francesco Lollobrigida.

„È un atto dovuto non lasciare un minuto solo questo territorio e continuare a confrontarci, rendicontando puntualmente quello che mettiamo in campo e che in qualche modo è stato riassunto nel Decreto Agricoltura, un altro tassello sul quale ci stiamo muovendo”, ha concluso il Ministro.

Il Vice Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, on. Galeazzo Bignami, ha poi ricordato come „il Governo Meloni ha stanziato due miliardi e mezzo per la costruzione pubblica, due miliardi per quella privata e ha varato le leggi necessarie perché queste risorse arrivino sul territorio. L’erogazione effettiva sul territorio consegue all’operatività di struttura commissariale e Regione, con cui il governo Meloni è in costante contatto”.

Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti