sabato, 9 Dicembre, 2023
HomeNotizieA Sochi, Erdoğan farà pressioni su Putin per il ripristino dell’accordo sul...

A Sochi, Erdoğan farà pressioni su Putin per il ripristino dell’accordo sul grano

La Turchia ha annunciato lunedì (28 agosto) che il presidente Recep Tayyip Erdoğan visiterà „presto” la Russia per colloqui con Vladimir Putin sul rilancio dell’accordo per l’esportazione dei cereali attraverso il Mar Nero che potrebbe essere utilizzato come trampolino di lancio per più ampi negoziati di pace con l’Ucraina.

‹ adv ›

Il portavoce del partito al potere Giustizia e sviluppo (la formazione politica di Erdoğan), Omer Celik, ha dichiarato ai giornalisti che l’incontro avrà luogo a Sochi, località turistica russa sul Mar Nero, e si concentrerà sull’evitare un’incombente „crisi alimentare”.

„Come sapete, (Erdoğan) farà presto visita a Sochi”, ha detto Celik in un discorso televisivo.

L’agenzia di stampa Bloomberg aveva precedentemente riferito che Erdoğan avrebbe potuto incontrare il presidente russo l’8 settembre.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto ai giornalisti che l’incontro è stato preparato „intensamente” ma non ha fornito né tempo né luogo per i colloqui.

Erdoğan ha sfruttato i suoi buoni rapporti con Mosca e Kiev per cercare di portare le due parti in colloqui di pace formali.

‹ adv ›

L’ultima volta che ha incontrato personalmente Putin è stato nella capitale kazaka Astana lo scorso ottobre.

I due hanno anche tenuto una teleconferenza in aprile per inaugurare una centrale nucleare di costruzione russa alla vigilia della dura rielezione di Erdoğan al suo ultimo mandato.

La Turchia, membro della NATO, ha contribuito a negoziare l’unico grande accordo firmato dalle parti in guerra dall’invasione del febbraio 2022: un accordo per esportare grano da tre porti ucraini attraverso il Mar Nero.

Russia e Ucraina sono i principali esportatori di cereali e il loro accordo iniziale ha contribuito a far scendere i prezzi globali dei prodotti alimentari che stavano contribuendo alla fame in Africa e in alcune parti del Medio Oriente.

L’Ucraina sperimenta una nuova rotta

Mosca ha fatto naufragare l’accordo sostenuto dalle Nazioni Unite il mese scorso, citando il mancato rispetto delle disposizioni volte ad agevolare le esportazioni russe di prodotti agricoli e fertilizzanti.

Da allora la Russia ha lanciato ripetuti attacchi alle infrastrutture portuali ucraine e ha avvertito che potrebbe considerare qualsiasi nave nel Mar Nero come un obiettivo militare.

L’Ucraina ha anche intensificato gli attacchi contro obiettivi russi attorno al Mar Nero.

Ma Erdoğan è rimasto imperterrito.

Venerdì scorso ha inviato a Kyiv il ministro degli Esteri turco Hakan Fidan nel tentativo di coinvolgere l’Ucraina nei colloqui.

Fidan ha utilizzato la visita per sollecitare l’Ucraina ad abbandonare i suoi tentativi di creare una nuova rotta – sostenuta da Washington e dall’Unione Europea – che le navi possano utilizzare senza il coinvolgimento della Russia in tempo per il raccolto autunnale.

„Sappiamo che si stanno cercando rotte alternative (per le spedizioni di grano), ma non vediamo alternative all’iniziativa originale perché comportano dei rischi”, ha detto Fidan a Kyiv.

Nei prossimi giorni Fidan visiterà Mosca.

L’Ucraina ora dipende dalle rotte terrestri e da un porto fluviale poco profondo che limita fortemente i volumi delle sue esportazioni di grano.

L’Ucraina ha inviato due navi lungo una nuova rotta dal porto di Odessa che ha raggiunto Istanbul dopo aver costeggiato le coste dei paesi membri della NATO, Romania e Bulgaria.

Ma i funzionari turchi sostengono che è troppo pericoloso.

Mosca avverte che potrebbe considerare qualsiasi nave nel Mar Nero come obiettivo militare.

All’inizio di questo mese la marina russa ha esploso colpi di avvertimento e ha condotto un breve abbordaggio su una nave registrata a Palau che era entrata nel Mar Nero.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti