sabato, 15 Giugno, 2024
HomeAnaliticoMercato dei cereali – impatto dell'annuncio dell'OPEC+ e delle previsioni USDA

Mercato dei cereali – impatto dell’annuncio dell’OPEC+ e delle previsioni USDA

La situazione del mercato dei cereali continua a essere ambigua. Da un lato, le condizioni meteorologiche nella regione del Mar Nero mettono sotto pressione i raccolti, dall’altro, le previsioni ottimistiche dell’USDA riguardanti lo stato delle colture negli Stati Uniti hanno vanificato i recenti aumenti dei prezzi.

‹ adv ›

I prezzi del grano e del mais sono diminuiti. Anche la colza ha continuato a scendere dopo il calo del giorno precedente, a causa dell’annuncio dell’OPEC+ di domenica, come riportato da Agritel.

L’OPEC ha annunciato che porrà fine ai tagli volontari aggiuntivi della produzione a settembre. E questo in un momento in cui non ci sono segni di miglioramento della domanda.

Sull’Euronext, martedì a mezzogiorno il grano per consegna a settembre era quotato con una diminuzione di quasi 2 euro, a 257 euro per tonnellata. I prezzi del mais sono diminuiti di 4 euro, raggiungendo i 223,50 euro per tonnellata, mentre la colza ha perso 4 euro, raggiungendo i 475 euro per tonnellata.

Sebbene le preoccupazioni riguardo alle perdite di produzione nella regione del Mar Nero rimangano elevate, dall’altra parte dell’Atlantico (USA), l’inizio della raccolta del grano invernale mette pressione sul mercato, nota l’analista di Agrarheute, Olaf Zinke.

‹ adv ›

I prezzi del mais e della soia sono diminuiti, in particolare grazie ai buoni progressi nelle semine nella Corn Belt.

Inoltre, il crollo del prezzo del petrolio trascina al ribasso tutte le materie prime. Nel nostro settore, i semi oleosi sono i più colpiti.

Piogge e inondazioni in Germania e Francia I prezzi del grano e del mais si sono 

Recentemente mossi quasi in parallelo. Come la scorsa settimana, gli aumenti iniziali dei prezzi dovuti al rischio di perdite nella regione del Mar Nero sono nuovamente scesi lunedì.

In questo contesto incerto, i grandi paesi importatori di grano hanno ricominciato a comprare, riferiscono gli analisti di Agritel. Dopo l’asta di lunedì dell’Algeria per le consegne di grano in agosto, l’Egitto ha seguito l’esempio con un’asta per luglio.

Nell’Europa occidentale, le precipitazioni persistenti e le inondazioni (nel sud della Germania) continuano a sollevare grandi preoccupazioni riguardo ai raccolti di cereali. Le condizioni piovose degli ultimi giorni favoriscono l’insorgenza di malattie come la septoriosi e la fusariosi nel grano, riportano gli analisti di terre-net.

L’Associazione Tedesca degli Agricoltori ha segnalato danni massicci ai campi e alle strutture a causa delle inondazioni e ha dichiarato che è troppo presto per una stima esatta.

Le autorità di navigazione hanno riferito lunedì che parti del Reno nel sud della Germania, una rotta importante per le materie prime e i carburanti, sono state chiuse al traffico commerciale.

USA: la raccolta del grano è iniziata, il ritmo delle semine è alto

Ieri, negli Stati Uniti, c’è stato un calo significativo dei prezzi dei cereali e della soia, tra le altre cose, a causa della forte diminuzione dei prezzi del petrolio.

I prezzi negli Stati Uniti sono influenzati dall’inizio della raccolta del grano e dal ritmo sorprendentemente alto delle semine di mais e soia, in modo che il rischio associato ai ritardi nelle semine sia stato eliminato.

L’ultimo rapporto sul progresso e le condizioni dei raccolti, pubblicato lunedì dall’USDA, è stato molto scoraggiante: secondo questo, il grano invernale è al 49% in buone condizioni o eccellenti, rispetto al 48% della settimana precedente. Inoltre, il 6% del grano invernale è stato raccolto, rispetto alla media del 3%.

Il grano primaverile è seminato al 94% negli Stati Uniti, rispetto all’88% della settimana precedente e alla media del 90%.

Il mais è ora seminato al 91%, rispetto all’83% della settimana precedente e alla media dell’89%.

Di questi, il 75% è in buone condizioni o eccellenti, rispetto al 64% dell’anno scorso. La soia è stata seminata al 78%, rispetto al 68% della settimana precedente e al 73% in media.

In Australia, l’ABARES ha pubblicato lunedì le stime ufficiali sulla produzione per il 2024, con un leggero calo della colza di -0,3 milioni di tonnellate, a 5,4 milioni di tonnellate.

Il raccolto di grano australiano per il 2024 è stato rivisto al rialzo con +3,1 milioni di tonnellate, a 29,1 milioni di tonnellate, e il raccolto di orzo è aumentato di +0,7 milioni di tonnellate, a 11,5 milioni di tonnellate.

La stima ufficiale del raccolto australiano è del 12% superiore rispetto all’anno precedente e potrebbe essere ancora maggiore se le attuali condizioni meteorologiche persistessero.

Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti