mercoledì, 22 Maggio, 2024
HomeArticoloTuta absoluta - Controllo biologico consigli, specifiche

Tuta absoluta – Controllo biologico consigli, specifiche

La Tuta absoluta o fillominatrice del pomodoro è diventata uno dei problemi più importanti nella coltivazione del pomodoro, con danni fino al 100%. Un problema importante quando si parla di controllo di questo parassita è che la Tuta absoluta ha sviluppato una resistenza alla maggior parte degli insetticidi utilizzati. Inoltre, l’insetto è protetto nelle miniere fogliari, per cui la maggior parte dei trattamenti è inefficace.

‹ adv ›

D’altra parte, da oltre un decennio la lotta biologica è molto studiata dagli specialisti del settore e i risultati ottenuti finora sono piuttosto promettenti.

Negli ultimi due anni, la COEXPHAL (Associazione delle Organizzazioni di Produttori Ortofrutticoli di Almeria) ha studiato il ruolo di diverse specie di insetti nel controllo biologico della tignola del pomodoro.

Sia la COEXPHAL che l’Istituto di ricerca per l’agricoltura biologica del FiBL, di cui parlo sempre più spesso negli ultimi articoli, propongono un metodo efficace per controllare la Tuta absoluta nelle serre e nei solarium.

Le ricerche hanno dimostrato che un controllo efficace è fornito dalla vespa parassita Necremnus tutae, ma per far sì che si stabilisca nelle vostre serre, così come per attirare altri nemici della Tuta, è necessario fornire tutte le condizioni necessarie ed evitare lavori potenzialmente dannosi.

‹ adv ›

In seguito, parleremo delle condizioni che questo utile insetto richiede, e di altre, affinché possa diffondersi a sufficienza, garantendo il controllo.

In effetti, l’uso di insetti predatori o parassiti non è affatto un’innovazione, ma un modo della natura per far rientrare tutti nella norma. Questo metodo, tuttavia, non ha preso piede perché l’uso di molteplici insetticidi di facile applicazione, efficaci nella prima fase, ha distrutto la maggior parte degli insetti utili e l’agricoltura intensiva ha contribuito a ridurre gli habitat naturali per questi insetti.

Lo stesso è avvenuto per il controllo della tignola del pomodoro (Tuta absoluta), che nel tempo ha sviluppato una resistenza alla maggior parte degli insetticidi, mentre i nemici naturali di questo parassita hanno sofferto.

La vespa Necremnus tutae si è adattata a usare la Tuta absoluta come ospite, diventando un buon parassita delle sue larve, con una mortalità larvale fino al 70%.

Importante! Se nelle gallerie fogliari formate dalla tuta sono state trovate larve o uova della vespa parassita Necremnus tutae o se nelle serre sono presenti altri nemici naturali, è molto importante interrompere l’uso di insetticidi a loro nocivi.

Un altro aspetto importante nella lotta biologica alla Tuta absoluta è l’uso dei feromoni sessuali.

Le trappole a feromoni sessuali sono utilizzate come strumento per l’individuazione precoce e la cattura di massa degli adulti di Tuta absoluta con la tecnica „attira e uccide”.

Importante! I prodotti contenenti Bacillus thuringiensis (Bt) sono utilizzati come biopesticidi contro la tignola del pomodoro (produce una proteina cristallina tossica che colpisce lo stadio larvale di molte specie di lepidotteri).

Allo stesso tempo, per attirare gli insetti utili, tra cui il Necremnus tutae, si raccomanda di creare strisce di Lobularia maritima (pinguicola) nelle serre.

Di seguito vengono citate altre specie vegetali che si consiglia di piantare nelle serre e in campo aperto per attirare gli insetti utili:

Oltre alla vespa parassitoide Necremnus tutae, in tutto il mondo vengono utilizzate altre specie utili disponibili in commercio che possono tenere sotto controllo il parassita fino a quando non si creano le condizioni favorevoli allo sviluppo di Necremnus tutae. Queste includono: il tonchio predatore Macrolophus pygmaeus – consuma uova e larve di mosca bianca delle serre, Tuta, afidi e acari.

Inoltre, in primavera, possiamo rafforzare il controllo della Tuta con rilasci di Trichogramma achaea – una piccola vespa parassitoide che depone le uova di questo parassita.

Allo stesso modo, Nesidiocoris tenuis è utilizzato per il controllo biologico delle mosche bianche e della Tuta absoluta, ma si nutre anche di altre specie di parassiti, come afidi, acari e uova di lepidotteri.

Tuttavia, la sua popolazione deve essere monitorata perché può causare danni se cresce in numero eccessivo. È venduto in fiale come adulto e si consiglia di introdurlo molto presto, all’inizio della fioritura, anche in assenza di evidenti infestazioni di parassiti, in dosi di 0,5-1 individuo/m2.

Importante! Rimuovere le foglie con gallerie quando vi si trovano le larve e distruggerle per evitare la diffusione.

Oltre al pomodoro, la Tuta absoluta attacca anche la patata (Solanum tuberosum), la melanzana (Solanum melongena), la peronospora (Datura stramonium) e la gramigna (Solanum nigrum) della famiglia delle Solanaceae e, nella famiglia delle Fabaceae, il fagiolo (Vicia faba) e l’erba medica (Medicago sativa) (Mohamed et al. 2015).

Distruggere le rispettive specie che crescono spontaneamente nelle vicinanze e rispettare il set-aside evitando la loro coltivazione per ridurre le condizioni favorevoli allo sviluppo del parassita.

Infine, vorrei ricordare quanto segue: è importante capire che un’efficace lotta biologica, ma anche convenzionale, è possibile solo se si attua una strategia completa, a partire dall’uso di materiale da seme sano, adattato alle condizioni, mantenendo la salute del suolo, rispettando il terreno, rimuovendo tempestivamente i detriti vegetali, ma anche garantendo necessariamente condizioni ottimali per la crescita e lo sviluppo delle piante.

Bibliografia:

  • PARASITOIDES AUTÓCTONOS DE LARVAS DE LA PLAGA INVASORA TUTA ABSOLUTA, Coexphal.
  • Control de Tuta absoluta Meyrick (Lepidoptera: Gelechiidae) por Necremnus tutae en cultivos de tomate de invernadero en Almería. J. Van der Blom, K. Karakitsos y V. M. Giakoumaki (COEXPHAL, Dpto. Técnicas de Producción, La Mojonera, Almería, España). A. Robledo Camacho (BIOBEST, Sistemas Biológicos S.L., España).
  • Molia minieră a tomatelor – Tuta absoluta. Autor: Rădulea Mădălina, ICDPP București.
  • Biological control of Tuta absoluta (Tomato leaf miner) with Necremnus tutae in greenhouses. FIBL.
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti