sabato, 3 Dicembre, 2022
HomeArticoloCavolini di Bruxelles - requisiti, produzione e coltivazione di piantine

Cavolini di Bruxelles – requisiti, produzione e coltivazione di piantine

I requisiti per la coltivazione dei cavolini di Bruxelles sono simili a quelli del cavolo riccio, ma ci sono alcune differenze:

I cavolini di Bruxelles hanno una migliore resistenza al gelo, in brevi periodi alcune varietà possono resistere fino a -12… -15 gradi Celsius.

La sensibilità alla luce e all’acqua è maggiore, soprattutto nella fase di inverdimento.

Il lungo periodo di vegetazione richiede un maggior consumo di acqua e minerali.

Per una tonnellata di produzione commerciale/ha di cavolini di Bruxelles si consumano 15 kg di azoto, 5 kg di fosforo, 19 kg di potassio, 2,5 kg di magnesio (calcolati per una piantagione il cui raccolto è stato di 10 tonnellate/ha).

I cavolini di Bruxelles sono prodotti per i cavoli che si formano sul lato inferiore delle foglie, che si mangiano in varie forme.

In questo articolo parleremo di:

  • Terreno adatto per la coltivazione dei cavolini di Bruxelles
  • Preparare il terreno per i cavolini di Bruxelles
  • Quando si seminano i cavolini di Bruxelles
  • Produzione di piantine di cavolo cappuccio
  • Piantare i cavolini di Bruxelles
  • Cavolini di Bruxelles fertilizzante e irrigazione
  • Lavoro di cura dei cavolini di Bruxelles
  • Quando raccogliere e come conservare i cavolini di Bruxelles

Terreno adatto per la coltivazione dei cavolini di Bruxelles

I cavolini di Bruxelles prediligono zone con clima umido e fresco (zone collinari, depressioni), senza grandi escursioni termiche e con precipitazioni sufficienti.

I terreni giusti che i cavolini di Bruxelles possono darti buoni raccolti sono da medio a pesanti: argillosi, argillosi-argillosi, fertili, con il giusto pH 6,5-7,5. Non sopporta i terreni sabbiosi o quelli con eccessiva umidità.

Precursori molto buoni per i cavolini di Bruxelles sono: fagioli, peperoni, pomodori, cetrioli, cereali. Allo stesso tempo, può essere coltivato con successo dopo il radicamento, bulboso.

Viene coltivato dopo altre crucifere (cavolo, cavolfiore) dopo 4 anni.

Nella coltivazione successiva i cavolini di Bruxelles possono essere coltivati ​​con successo dopo: insalata, spinaci, cipolle verdi, piselli, patate novelle, piante foraggere-farina (segale, borceag).

Preparazione del terreno per i cavolini di Bruxelles

In autunno il terreno viene livellato dopo un dissodamento con erpice a dischi, l’applicazione di fertilizzanti di base e l’aratura autunnale profonda (25-28 cm).

In primavera, il terreno viene allentato per evitare la perdita d’acqua e per distruggere le erbacce. Prima di piantare, applicare fertilizzanti, erbicidi (se presenti), preparare il letto di germinazione con la mietitrebbia o i dischi.

Concime per cavolini di Bruxelles

Se si dispone di letame fermentato si consigliano 30-40 tonnellate/ettaro. I fertilizzanti minerali vengono applicati a seconda dell’analisi del suolo. A titolo indicativo, per l’aratura in autunno si consigliano 300 kg di perfosfato e 150 kg di sale di potassio.

In primavera, quando si prepara il letto di germinazione, vengono introdotti fertilizzanti azotati: 150-200 kg / ha di nitrato di ammonio sotto il disco o o 300 kg di concime complesso (20:20:20).

Produzione di cavolini di Bruxelles

In generale, la produzione di piantine è simile a quella del cavolo cappuccio estivo o autunnale.

I semi per la produzione dei cavolini di Bruxelles vengono seminati a fine marzo e nel mese di aprile (a seconda di quando si prevede di piantare il raccolto).

Per 1 m2 vengono utilizzati 2-3 grammi di semi (a seconda della qualità), la densità consigliata è di 350-400 fili / m2.

Sono necessari in media 300 grammi di semi per produrre le piantine necessarie per un ettaro.

Si consiglia di trattare i semi 2-3 giorni prima della semina.

In assenza di prodotti per la cura delle sementi, si possono trattare i semi con ipoclorito di sodio all’1% (mantenuto in soluzione per 50 minuti) o con acqua tiepida, 40-50 gradi Celsius, per 20 minuti.

I cavolini di Bruxelles vengono seminati a una profondità di 1-1,5 cm direttamente nel substrato preparato o in vasi, cubetti nutrienti (1-2 semi ciascuno, a seconda della qualità).

Il trapianto della piantina di cavolo cappuccio, se non è stata seminata direttamente in vaso, avviene quando si formano le prime foglie vere. Per questo vengono utilizzati cubetti di nutrienti o vasi da 5x5x5 cm o 7x7x7 cm.

La concimazione facciale delle piantine avviene in due fasi: prima del trapianto, con una soluzione di fertilizzanti complessi (concentrazione dello 0,5%, utilizzando 8 litri per m2).

La seconda concimazione viene effettuata 10 giorni dopo il trapianto, con una soluzione in concentrazione dell’1,2% (0,2% nitrato di ammonio, 0,6% perfosfato e 0,4% di solfato di potassio), somministrando 10 l/m2 di soluzione.

Allo stesso tempo, i fertilizzanti organici liquidi che puoi acquistare negli agronegozi sono molto efficaci. Troverai le dosi e il periodo in cui viene applicato sulla confezione del prodotto.

I cavolini di Bruxelles possono crescere fino a 5 gradi Celsius, ma per una buona crescita hanno bisogno di temperature più elevate. In generale, si raccomanda di mantenere la temperatura a 17-20 gradi Celsius durante il giorno e 12-14 gradi Celsius di notte.

La tempera della piantina di cavolo cappuccio si fa inizialmente aprendo le finestre per la ventilazione per qualche minuto oppure si possono portare i vasi all’esterno, quando fa più caldo, nel caso di piccole aree.

A poco a poco, la durata viene aumentata in modo che 3-4 giorni prima di piantare le piante si trovino quasi tutto il giorno in condizioni simili a quelle del luogo di impianto.

Le annaffiature vengono spesso effettuate con standard idrici bassi, in modo da evitare un’essiccazione troppo severa o un’umidità troppo elevata del supporto. Si raccomanda di mantenere la sua umidità entro l’80%.

Si consiglia di non annaffiare la piantina 4-5 giorni prima della semina e di annaffiare abbondantemente la piantina circa 24 ore prima della semina.

Piantare i cavolini di Bruxelles

I cavolini di Bruxelles vengono piantati in campo in tempi diversi a seconda della varietà/ibrido scelto e del momento della raccolta:

  • coltivazione precoce (la raccolta avviene in agosto-settembre) 1-15 maggio;
  • cultura tardiva (raccolta ottobre-novembre) 15-31 maggio;
  • raccolto tardivo (raccolta novembre-dicembre):
  • varietà tardive e ibridi: 15-31 maggio;
  • varietà precedenti e ibridi: 10-25 giugno.

In genere si consiglia di piantare i cavolini di Bruxelles in pieno campo quando la temperatura del suolo è di 10 gradi Celsius. Sebbene il raccolto possa resistere a temperature più basse, non sono raccomandati.

FOTO: Noal Farm

La distanza di impianto dei cavolini di Bruxelles è di 70-75 cm tra le file e 40-45 cm tra le piante per fila. Su piccole aree, i cavolini di Bruxelles possono essere piantati secondo lo schema 50 × 50 cm. La variante ottimale viene scelta in base alle condizioni sul campo.

Le densità di impianto sono, in media, di 27-36 mila piante per ettaro per i cavolini di Bruxelles.

Lavoro di cura dei cavolini di Bruxelles

Dopo aver piantato in 4-5 giorni, riempi gli spazi vuoti con le piantine. Il diserbo viene eseguito quando compaiono le erbacce e per distruggere la crosta formata durante l’irrigazione.

Fecondazione facciale con cavoletti di Bruxelles

Come nel caso del cavolo cappuccio, si consigliano 2 fertilizzanti: 2-3 settimane dopo la semina e ripetuti dopo 3-4 settimane con 200-250 kg/ha di concime complesso (20:20:20).

Si consiglia la concimazione fogliare con fertilizzanti contenenti boro e molibdeno per garantire una migliore qualità delle verdure.

Cavolini di Bruxelles irrigate

L’irrigazione viene effettuata durante la semina e durante la vegetazione della coltura. Come regola generale, gli esperti raccomandano di mantenere l’umidità del suolo nei cavolini di Bruxelles all’80%.

L’irrigazione dei cavolini di Bruxelles è molto importante nella fase di sviluppo del cavolo cappuccio. Pertanto, in luglio-agosto, si consigliano 4-6 irrigazioni con norme di 300-400 m3 / ha.

È possibile utilizzare l’irrigazione a goccia per garantire che l’umidità del suolo sia all’80%. L’acqua insufficiente può portare alla crescita di verdure dal sapore amaro.

Su piccole aree si può utilizzare del pacciame naturale che andrà bene per la coltura, ma anche l’installazione di pali per il mantenimento della pianta:

La cimatura dei cavolini di Bruxelles

La cimatura è un lavoro che viene svolto per accelerare e standardizzare lo sviluppo delle verdure. Per questo, la rosetta di foglie viene rimossa dalla sommità della pianta, quando lo stelo ha raggiunto la lunghezza caratteristica della varietà prescelta e le prime gemme hanno iniziato a svilupparsi. I lavori vengono eseguiti al massimo entro il 15-20 settembre.

Nelle colture tardive, dove si raccolgono i cavolini di Bruxelles fino a dicembre, si conservano le foglie sul gambo e nella rosetta terminale, perché hanno il ruolo di proteggere la pianta dal gelo.

Quando raccogliere e come conservare i cavolini di Bruxelles

I cavolini di Bruxelles si raccolgono in agosto-dicembre, a seconda della varietà/ibrido, quando i cavoli hanno raggiunto un diametro di 1-4 cm e la densità delle foglie si fa sentire al tatto.

Si possono fare diversi raccolti successivi o le piante possono essere tagliate o sradicate.

I cavolini di Bruxelles vengono conservati a una temperatura di 0-1 gradi Celsius e in ambienti con un’umidità relativa del 97% per 4 settimane e sullo stelo circa 2-3 mesi.

Devi leggere
‹ adv ›spot_img
Articoli recenti