sabato, 3 Dicembre, 2022
HomeArticoloCavolfiore - coltivazione autunnale e precoce, per buoni raccolti

Cavolfiore – coltivazione autunnale e precoce, per buoni raccolti

Il cavolfiore è diventato popolare negli ultimi anni a causa della crescente domanda di cibi sani. Coltivare questa coltura non è molto difficile, ma ci sono alcune regole da tenere a mente.

Coltivato in condizioni ottimali, il cavolfiore può produrre semi nel primo anno, anche se è una pianta biennale. Ha un apparato radicale che penetra nel terreno fino a 40 centimetri.

A seconda della varietà, la fase in cui il cavolfiore assume la forma di un capolino dura circa 10-12 giorni. Quindi i germogli crescono, si distendono e iniziano a formare steli di fiori.

Requisiti per la coltivazione del cavolfiore

Essendo una coltura richiesta dai consumatori, il cavolfiore può essere coltivato sia in pieno campo che protetto.

L’impianto ha requisiti elevati per i fattori ambientali. I semi iniziano a germogliare a una temperatura superiore a 4ºC. La temperatura ottimale per la germinazione e lo sviluppo delle piantine è di 18-20ºC, l’emergenza in queste condizioni avviene in 6-8 giorni.

La falsa testa non tollera temperature inferiori a 0ºC e per garantire la normale formazione di false teste sono necessarie temperature di 18-20ºC. A temperature inferiori a 10ºC, i cespi fioriscono presto e la qualità della produzione diminuisce.

Anche il cavolfiore non ama le alte temperature, quelle sopra i 24ºC portano anche alla formazione di steli fioriti troppo presto.

Per quanto riguarda la necessità di luce, il cavolfiore ne è particolarmente suscettibile nella fase della piantina. Se non c’è abbastanza luce, la piantina è allungata. Nella fase di crescita del cespo il fabbisogno di luce è ridotto, le piante necessitano di una luce diffusa.

Nella fase di crescita del cespo è importante ridurre la luce diretta, può causare ingiallimento, imbrunimento o inverdimento dell’infiorescenza.

E per quanto riguarda l’aumento dei requisiti di umidità, il cavolfiore richiede che l’umidità del suolo sia costantemente pari al 70-80% della capacità del campo.

La maggior quantità di acqua di cavolfiore viene consumata dalla formazione della testa. Per formare una tonnellata di raccolto, il consumo di acqua è di 182 tonnellate.

I terreni adatti alla coltivazione del cavolfiore sono profondi, argillosi-sabbiosi, ricchi di sostanza organica e con un’elevata capacità di ritenzione idrica.

Quando coltivi il cavolfiore, tieni presente che la pianta consuma anche molti nutrienti. Per produrre una tonnellata di teste sono necessari 8-10 kg di azoto, 4 kg di P2O5, 10-12 kg di K2O (sostanze attive).

Come nel caso delle altre verdure, nel primo periodo (35-45 giorni) il cavolfiore consuma più azoto, necessario per la crescita, quindi, durante la formazione e la crescita del cespo, estrarre dal terreno il 70-75% del fertilizzante necessario.

Coltivazione precoce del cavolfiore in pieno campo

La coltivazione del cavolfiore in campo è praticata in zone a clima umido e fresco, adatte alle regioni premontane della Romania. Nelle parti meridionali e occidentali del paese, a causa delle elevate temperature per questa coltura, può essere coltivata con successo solo in primavera o in autunno.

Per la preparazione del terreno si consigliano concimi organici, in quantità di 40-60 tonnellate per ettaro. Tuttavia, la maggior parte delle volte mancano dalla famiglia. Come opzione potresti coltivare concime verde prima di coltivare il cavolfiore.

Per quanto riguarda i fertilizzanti minerali, si consiglia di applicarli dopo aver eseguito l’analisi del terreno, in modo da sapere esattamente cosa manca o è contenuto in piccole quantità in esso.

Come guida, gli specialisti raccomandano di applicare 60 kg / ha s.a. P2O5 e 50 kg s.a./ha K2O. Questi fertilizzanti vengono incorporati nel terreno contemporaneamente all’aratura a 25-28 cm.

Dato che dobbiamo ottenere la produzione il prima possibile, il terreno può essere preparato per piantare piantine in autunno. Per questo devono essere formate billette di 80-90 centimetri.

Produzione di piantine di cavolfiore

La piantina viene piantata all’età di 25-30 giorni. Questa età non dovrebbe essere trascurata. Per un ettaro (50-60mila piante) occorrono 250-300 grammi di seme per produrre la piantina.

I vasi nutritivi in ​​cui vengono trapiantate le piantine devono avere una dimensione di almeno 5x5x5 cm. In termini di concimazione, si consiglia di fornire i fertilizzanti necessari in 2 fasi: 10-12 giorni dopo il trapianto utilizzare 5 l / m2 di soluzione di nitrato di ammonio allo 0,5%.

Quindi, dopo 2 settimane, applicare 10 litri/m2 di soluzione composta da fertilizzanti: 0,2% nitrato di ammonio, 0,6% perfosfato, 0,4% solfato di potassio.

Piantare piantine di cavolfiore

Il cavolfiore viene piantato nel campo quando la temperatura del suolo raggiunge gli 8ºC. Questa temperatura si registra solitamente nella seconda decade di marzo nell’area meridionale e in circa 2 settimane nella parte settentrionale del Paese.

La distanza di impianto del cavolfiore è di 20 centimetri di fila, ma sono possibili altre varianti, a seconda della tecnologia. Nel caso di piantare su strisce larghe 80 cm, la distanza tra le piante in fila è di 40-50 centimetri.

Irrigazione e concimazione del cavolfiore

Il cavolfiore necessita di circa 5-6 annaffiature di base, effettuate con la norma di 250-250 m3 di acqua per ettaro.

Oltre al fertilizzante di base, nella fase di 8-10 foglie di cavolfiore applicare 35 kg s.a./ha N o letame di pollame, letame diluito in acqua in un rapporto di (1: 4-6).

La raccolta del cavolfiore avviene per fasi, per 2-3 settimane, scegliendo ogni volta i cespi che hanno raggiunto la maturità tecnica.

Se si rispetta la tecnologia di coltivazione si ottengono circa 15-20 tonnellate di resa per ettaro.

Mantenimento della coltura del cavolfiore

Per distruggere le erbacce si consigliano 2-3 aratri meccanici e un aratro manuale.

Si consiglia di trattare i semi prima della semina. A tale scopo, ad esempio, si può utilizzare una soluzione di ipoclorito di sodio all’1% in cui i semi vengono messi a bagno per 60 minuti, quindi in acqua tiepida per 50°C per 30 minuti.

Per evitare malattie delle piantine, la più pericolosa è la putrefazione delle piantine (Pythium debaryanum), dopo la semina e dopo l’emergenza trattare il letto di germinazione con 15-20 l di sospensione / 100 m2 di fungicidi (ad esempio quelli contenenti il ​​principio attivo captano 80% ( Captano) o Previcur).

Per combattere la mano, si consiglia di spruzzare con fungicidi come Dithane M 45-0,2% o Alliette 80 WP-0,2%.

I principali parassiti delle colture di cavoli sono pidocchi grigi, pulci, steli di cavolo, mosche di cavolo. Per combatterli puoi acquistare prodotti da negozi specializzati.

Cavolfiore – coltivazione autunnale

La coltivazione autunnale del cavolfiore è più popolare, perché in questo modo è possibile garantire più facilmente le condizioni di crescita della pianta.

Le piantine vengono prodotte in campo a strati freddi, senza utilizzarne la potatura. I semi vengono seminati nella prima decade di maggio, richiedendo circa 300 grammi di semi per ettaro.

L’età della piantina alla semina è di 30-35 giorni. Le piantine di cavolfiore vengono piantate nel raccolto autunnale tra il 15-25 giugno o il 25 giugno-10 luglio (per la versione semi-precoce).

La distanza tra le piante in fila è di 26-30 centimetri, essendo fatte densità di 42-51 mila piante per ettaro. Se vuoi coltivare il cavolfiore vicino alla casa, la distanza di impianto consigliata è di 40-50 centimetri tra le file e 30-40 tra le piante per fila.

Durante il periodo vegetativo si effettuano concimazioni trifase con 35 kg di azoto per ettaro (principio attivo), e si effettuano innaffiature nella norma di 350-400 m3/ha circa 6-8 volte.

Alla produzione autunnale di cavolfiore si ottengono raccolti di 20-25 quintali per ettaro. Per evitare di danneggiare le teste di gelo, puoi proteggere il raccolto con film, vello, formando tunnel bassi.

Devi leggere
‹ adv ›spot_img
Articoli recenti