domenica, 14 Aprile, 2024
HomeNotizieViticoltura green, esperti e produttori a confronto

Viticoltura green, esperti e produttori a confronto

Esperti di sostenibilità applicata in diversi ambiti disciplinari e produttivi hanno partecipato a Sciacca (Ag) alla seconda edizione del Simposio Internazionale „Interazioni Sostenibili”, promosso dalla Fondazione SOStain Sicilia.

„Un momento di aggregazione e di confronto tra relatori provenienti dall’Italia e dall’estero che possono offrire il loro contributo su un tema, quello della sostenibilità, che per sua natura va affrontato in ottica multidisciplinare”, ha sottolineato Alberto Tasca, Presidente della Fondazione SOStain Sicilia.

„L’obiettivo è alzare sempre più l’asticella in termini di difesa e custodia del patrimonio naturale, economico e sociale della Sicilia. Un modo di fare rete promuovendo un sistema di pensiero, ma anche un metodo di lavoro che abbia al centro il Bene Comune e le sinergie tra diversi portatori di interesse”.

‹ adv ›

Se da un lato, questo appuntamento è occasione concreta di confronto, dall’altro punta a mettere in luce come la Sicilia sia diventata territorio di buone pratiche applicate a un numero sempre maggiore di cantine che attuano il protocollo SOStain, pensato per una viticoltura green.

Un’iniziativa promossa dalla Fondazione SOStain Sicilia con il sostegno del Consorzio di Tutela Vini Doc Sicilia Assovini Sicilia.

Sono sempre di più le cantine siciliane che hanno volontariamente scelto di misurare, attraverso il protocollo, il proprio impatto sull’ecosistema per ridurre l’impronta sul Pianeta attraverso buone pratiche in vigna, in cantina e in tutta l’organizzazione. Attualmente, sono 40 le aziende associate a SOStain, di cui 24 già certificate, per un totale di 5.703 ettari vitati certificati e 21.342.093 bottiglie anch’esse certificate.

Nel corso del seminario sono state illustrate le novità del mondo SOStain e i programmi di sostenibilità messi in campo dai partner della Fondazione, l’importanza dell’educazione alla natura con il relativo impatto socio-economico.

Fonte dell'articoloansa.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti