sabato, 2 Dicembre, 2023
HomeNotizieVerso un’etichetta digitale volontaria per i fertilizzanti

Verso un’etichetta digitale volontaria per i fertilizzanti

La Commissione europea ha adottato una proposta sull’etichettatura digitale volontaria dei prodotti fertilizzanti dell’Ue.

‹ adv ›

La notizia è di fonte Agrapress che riprende un comunicato dell’esecutivo comunitario.

I tempi di recepimento

La proposta è stata inviata al Parlamento europeo e al Consiglio e una volta pubblicate, le nuove norme si applicheranno due anni e mezzo dopo la loro adozione, per definire le regole tecniche di recepimento.

Come per le batterie o i detergenti

Nell’Ue l’etichettatura digitale è infatti già utilizzata per alcuni prodotti contenenti sostanze chimiche, ad esempio le batterie, e sono allo studio norme per l’etichettatura digitale per altri, come i detergenti, i cosmetici e i prodotti chimici.

I fornitori di prodotti per la concimazione che soddisfano gli standard sanitari, di sicurezza e ambientali dell’Ue (con marchio Ce) potranno fornire maggiori informazioni sull’etichetta digitale. Ciò consentirà di informare meglio gli utenti, portando a un uso più efficiente dei prodotti per la concimazione.

‹ adv ›

I costi previsti

Parallelamente, verranno semplificati gli obblighi di etichettatura per i fornitori e ridotti i costi che la Commissione valuta in : 57.000 euro all’anno per una grande azienda e 4.500 euro per una pmi.

L’etichettatura digitale sarà volontaria, il che significa che i fornitori e i rivenditori potranno scegliere come comunicare le informazioni di etichettatura: un formato fisico, un formato digitale o una combinazione dei due. I prodotti venduti in imballaggi agli agricoltori e agli altri consumatori di fertilizzanti oltre all’etichetta digitale continueranno ad avere le informazioni più importanti su un’etichetta fisica, come la sicurezza per la salute umana e l’ambiente.

Fonte dell'articoloterraevita.edagricole.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti