martedì, 21 Maggio, 2024
HomeNotizieUna nuova organizzazione di agricoltori fa lo sciopero della fame al Parlamento...

Una nuova organizzazione di agricoltori fa lo sciopero della fame al Parlamento polacco

Mentre gli agricoltori polacchi continuano a occupare il palazzo del parlamento del Paese, un’organizzazione di cui nessuno ha mai sentito parlare prima ha iniziato uno sciopero della fame, portando alcuni a chiedersi se abbia qualcosa a che fare con gli agricoltori e il governo o se sia legata alla campagna elettorale del partito di opposizione PiS per le europee.

‹ adv ›

Con il sostegno dei parlamentari dei partiti di opposizione di destra PiS (ECR) e Confederazione, alcune organizzazioni di agricoltori hanno lanciato una protesta presso il palazzo del Parlamento di Varsavia, chiedendo un incontro con il primo ministro Donald Tusk.

Una delle organizzazioni in protesta è il movimento Orka, i cui attivisti insistono per incontrare Tusk e hanno iniziato uno sciopero della fame. In polacco, „Orka” significa un’orca e un aratro.

Il problema è che nessuno conosceva questo movimento, i suoi membri o se ha davvero a che fare con gli agricoltori.

„Il 90% degli agricoltori apre gli occhi (con stupore) e si chiede che organizzazione sia. Non conosco quegli agricoltori né quell’associazione”, ha dichiarato all’agenzia di stampa economica Money.pl Wiesław Gryn, un agricoltore del movimento „Villaggio ingannato” (Oszukana Wieś), relativamente nuovo ma uno dei più popolari movimenti di agricoltori polacchi.

Parte della campagna elettorale del PiS per le elezioni europee?

Anche il ministero dell’Agricoltura non conosce il movimento Orka.

„Per me è una novità. Bel nome, comunque”, ha dichiarato ai media il viceministro Stefan Krajewski del Partito Popolare Polacco (PSL, PPE).

‹ adv ›

A suo avviso, tuttavia, la protesta degli agricoltori in Parlamento è ispirata dal partito di opposizione PiS, come parte della loro campagna elettorale per le elezioni europee.

„È una protesta politica. Il PiS e la Confederazione devono aver portato gli agricoltori (in parlamento) per bloccare i lavori del parlamento”, ha detto, aggiungendo che „non è una coincidenza se (gli agricoltori) siano stati ammessi dai partiti di opposizione”.

„Il sindacato agricolo Orka esiste solo nel Sejm al momento. Nessuno sa quali siano le loro richieste”, ha dichiarato al quotidiano Rzeczpospolita un altro viceministro, Michał Kołodziejczak (Coalizione Civica, PPE).

Ha accusato l’ex ministro dell’Agricoltura Robert Telus (PiS, ECR) e un altro parlamentare del PiS, Piotr Polak, candidato alle elezioni europee, di aver orchestrato le proteste degli agricoltori per sostenere la loro campagna elettorale.

Gli agricoltori stanno esprimendo la loro opposizione al Green Deal europeo e all’Unione europea, „che è il manifesto elettorale del PiS”, ha detto Kołodziejczak.

„Non vogliono la modernizzazione o il cambiamento, vogliono preservare la campagna polacca (così com’è ora) e gli agricoltori devono essere identificati con l’arretratezza. Si sta creando un’immagine negativa degli agricoltori polacchi”, ha aggiunto.

I membri del movimento Orka affermano di chiedere l’abolizione del Green Deal europeo e la chiusura del confine orientale della Polonia all’afflusso di prodotti agricoli e alimentari ucraini, che stanno sconvolgendo il mercato nazionale.

„Non mi piace nulla del Green Deal. Non mi piace la politica delle emissioni zero. Posso respirare con l’aria che ho adesso, non mi interessa”, ha detto uno dei membri, come citato da Money.pl.

Tuttavia, ha negato di avere legami con qualsiasi partito politico.

„Siamo venuti qui come comuni agricoltori. Nessun partito ci controlla”, ha sottolineato.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti