domenica, 25 Febbraio, 2024
HomeNotizieUn anno di Governo. Lollobrigida: in campo azioni per sostenere produzioni e...

Un anno di Governo. Lollobrigida: in campo azioni per sostenere produzioni e difendere qualità

La candidatura della cucina italiana a Patrimonio Immateriale dell’Unesco, la valorizzazione delle filiere, lo stop al cibo sintetico e il ruolo degli agricoltori, degli allevatori e dei pescatori per l’ambiente. Questi alcuni dei temi al centro dell’intervento del Ministro dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida, all’evento „Italia Vincente” dedicato al primo anno del Governo Meloni.

‹ adv ›

Lollobrigida ha valorizzato la portata delle azioni messe in campo alla guida del Masaf, che rispondono all’impegno di sostenere le produzioni e difendere un modello alimentare sano e di qualità.

„Tra le varie cose – ha sottolineato in particolare il Ministro – abbiamo candidato la cucina Italiana a patrimonio Unesco, una proposta congiunta con il Ministero della Cultura: l’Italia deve essere valorizzata, non solo per orgoglio, ma per le nostre filiere produttive, così da fare una ulteriore crescita nell’export e creare ricchezza e lavoro”.

„Terra e mare danno da mangiare”, ha ribadito Lollobrigida, sottolineando che coloro che lavorano a contatto con la natura rappresentano „i primi ambientalisti del pianeta, perché proteggono il territorio. Dove non c’è agricoltura viene giù tutto”.

È stato anche „per difendere un modello produttivo che lega il lavoro dell’uomo alla terra”, ha aggiunto, che „con Orazio Schillaci abbiamo scelto di essere la prima Nazione al mondo a vietare i prodotti sintetici, seguendo il principio di precauzione, e presto sarà approvato in Parlamento”.

„Abbiamo fatto tutto questo per rispetto della democrazia, per le richieste che abbiamo ricevuto da Regioni, Comuni e dalle 2 milioni di firme raccolte da Coldiretti. Serve garantire la sicurezza alimentare per il mondo e va perseguita con il principio della qualità. Vogliamo contrastare quei modelli produttivi in cui non ci riconosciamo”, ha affermato.

Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti