domenica, 14 Aprile, 2024
HomeNotizieUcraina e Polonia vicine alla soluzione della controversia sulle importazioni

Ucraina e Polonia vicine alla soluzione della controversia sulle importazioni

Mentre l’UE si muove per estendere la liberalizzazione commerciale con Kyiv, il rappresentante commerciale dell’Ucraina e viceministro dell’Economia Taras Kachka ha detto a Euractiv che i colloqui con Varsavia porteranno presto a misure di salvaguardia per proteggere gli agricoltori polacchi dall’afflusso di importazioni agricole ucraine.

‹ adv ›

Ucraina e Polonia stanno lavorando per affrontare le tensioni sul confine condiviso, dove nelle ultime settimane gli agricoltori polacchi hanno organizzato blocchi e scaricato grano ucraino per protestare contro le importazioni ucraine che „inondano” i loro mercati.

„Siamo molto vicini alla progettazione di misure su misura, temporanee e utili per ripristinare la fiducia tra tutte le parti interessate”, ha detto Kachka a Euractiv in un’intervista giovedì (7 marzo).

Intervenendo dopo che la commissione per il commercio del Parlamento europeo (INTA) ha votato per estendere i benefici commerciali dell’Ucraina fino al giugno 2025, Kachka ha affermato che Kyiv è pronta a passare a un quadro commerciale UE-Ucraina più flessibile che tenga conto delle specificità di alcuni Stati membri.

Kachka ha affermato che l’Ucraina è pronta „ad affrontare gli interessi dei [suoi] vicini”, riconoscendo le preoccupazioni degli agricoltori in Polonia, così come in Bulgaria, Ungheria, Romania e Slovacchia.

La proposta della Commissione europea per la liberalizzazione del commercio – le cosiddette misure commerciali autonome (ATM) – è quella di impostare un „freno di emergenza” nel caso in cui l’afflusso di prodotti ucraini „sensibili” (uova, zucchero e pollame) superi il volume medio delle importazioni nel 2022 e nel 2023.

‹ adv ›

Nell’intervista Kachka ha accolto con favore l’ approvazione della proposta da parte della commissione commercio del Parlamento europeo e ha fatto un ulteriore passo avanti aprendo la porta alla revisione delle relazioni commerciali UE-Ucraina.

„Siamo pronti per le regole o gli strumenti necessari nel nostro [accordo] commerciale bilaterale”, ha affermato, „al fine di bilanciare” l’impatto regionale e dell’UE del commercio.

Kachka ha chiesto che venga fatta una distinzione tra la „situazione regionale”, cioè l’impatto delle importazioni ucraine sui paesi in prima linea, e la domanda di queste importazioni nel mercato interno dell’Unione europea nel suo insieme e negli altri Stati membri.

I suoi commenti indicano un allentamento delle tensioni tra Kiev e Varsavia, che hanno raggiunto livelli critici il mese scorso quando l’Ucraina ha accusato gli agricoltori polacchi di „stigmatizzare” il loro cibo.

Alla domanda sui divieti unilaterali sulle importazioni ucraine ancora in vigore in Polonia, Ungheria e Slovacchia, Kachka ha affermato che „in una situazione di emergenza”, alcune battute d’arresto nella politica commerciale dovrebbero essere tollerate, ma „non per sempre”.

In seguito all’introduzione dei divieti regionali nel settembre 2023, l’Ucraina ha intentato una causa contro i tre Stati membri presso l’Organizzazione mondiale del commercio (OMC). Ma Kachka ha detto che ora parla „da una prospettiva diversa” e vuole trovare una soluzione indipendentemente da „chi ha ragione [e] chi ha torto”.

Prodotti sensibili

Sebbene la decisione sulle misure di salvaguardia per le importazioni sensibili sia stata presa, i colloqui sui settori critici „non sono finiti”, ha detto Kachka a Euractiv.

Ha affermato che c’è un „delicato equilibrio” nelle misure proposte, considerando quello che ha definito l’impatto „marginale” delle esportazioni ucraine sul mercato dell’UE e le „legittime preoccupazioni della comunità agricola”.

Secondo lui, l’aumento delle esportazioni verso il blocco ha contribuito a „bilanciare” il mercato dell’UE.

„[Per lo zucchero], raggiungeremo la soglia a giugno”, ha affermato, aggiungendo che se la produzione europea non riuscisse a soddisfare la domanda, ci sarebbe una carenza di zucchero , che farebbe impennare i prezzi nel blocco.

Nel caso della Spagna, ad esempio, ha sottolineato che le esportazioni ucraine di mais sono „a livelli record a causa della domanda davvero [elevata]”.

Importazioni russe

Secondo Kachka, le perturbazioni del mercato nei paesi in prima linea dovrebbero essere attribuite alle esportazioni agricole russe verso l’UE.

„Per alcuni prodotti per i quali gli agricoltori polacchi sollevano maggiori preoccupazioni, [c’è] una concorrenza inutile da parte dei prodotti russi”, ha affermato.

L’Ucraina non è la sola a puntare il dito contro la Russia, poiché diversi stati dell’Europa orientale hanno criticato le importazioni da Mosca e chiesto un divieto a livello europeo.

Dopo che la Lettonia ha approvato a febbraio il divieto sulle importazioni agricole dalla Russia e dalla Bielorussia, il primo ministro polacco Donald Tusk ha dichiarato che avrebbe spinto la Commissione europea a introdurre sanzioni a livello comunitario.

Lento ripristino delle rotte marittime

Kachka ha affermato che l’Ucraina sta „allentando la pressione sui confini terrestri” ripristinando le rotte di esportazione marittime.

Le spedizioni nel Mar Nero, un’area strategica per le esportazioni globali di cereali e semi oleosi, sono state interrotte dall’invasione russa dell’Ucraina nel febbraio 2022, aumentando i flussi commerciali attraverso le rotte terrestri nell’Europa orientale.

Ora, Kyiv ha portato le esportazioni di cereali e semi oleosi agli stessi livelli del marzo 2023, quando l’iniziativa delle Nazioni Unite garantiva il commercio alimentare attraverso il corridoio del Mar Nero.

Nel febbraio 2024, 5,2 milioni di tonnellate di prodotti agroalimentari sono usciti dall’Ucraina attraverso le rotte del Mar Nero, mentre 2,1 milioni di tonnellate sono uscite attraverso le cosiddette corsie di solidarietà, ha confermato a Euractiv il portavoce della Commissione per il commercio Olof Gill.

Ucraina e PAC

Kachka si è espresso contro la „retorica delle associazioni agricole dell’UE” che confondono situazioni a breve e lungo termine, poiché il dibattito sulle misure commerciali è influenzato dall’impatto valutato dell’integrazione dell’Ucraina nella „futura ipotetica politica agricola comune” quando l’Ucraina è ancora non in esso.

La discussione sulla „futura integrazione dell’agricoltura ucraina nel mercato interno dell’Unione europea inizierà a tempo debito”, ha detto Kachka, invitando ad affrontare prima le questioni commerciali.

Rispondendo agli avvertimenti di un analista sulle vendite di cereali sul mercato nero tra Ucraina e UE, Kachka ha detto a Euractiv che Kyiv „sta lavorando per aumentare la trasparenza nei mercati finanziari”.

„A partire dall’ottobre 2023 entrerà in vigore un nuovo sistema secondo il quale si può esportare solo se si è a posto con le tasse”, ha affermato Kachka. 

„Lo rafforzeremo, potrebbero esserci delle preoccupazioni, ma su questo stiamo lavorando in modo abbastanza efficace”.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti