domenica, 25 Febbraio, 2024
HomeNotizieSlow Food, „senza suolo non c'è sovranità agroalimentare”

Slow Food, „senza suolo non c’è sovranità agroalimentare”

„Abbiamo bisogno di capire quanto sia fondamentale la terra in ogni nostra giornata di vita sul pianeta, quanto sia determinante per la sopravvivenza di ogni essere vivente. Dovremmo imparare a camminarci con rispetto, a usarla con delicatezza e a respingere ogni abuso”.

È l’invito di Francesco Sottile, agronomo, docente dell’Università di Palermo e membro del board di Slow Food, che l’associazione stessa invita a mettere in pratica 365 giorni l’anno e non solo il 5 dicembre, in occasione della Giornata mondiale del suolo.

„I nostri suoli – puntualizza Federico Varazi, vicepresidente di Slow Food Italia – sono messi a dura prova da un consumo spregiudicato legato a nuovi insediamenti e infrastrutture e alla desertificazione. Secondo i dati del Rapporto Ispra 2023, la cementificazione continua ad accelerare, arrivando alla velocità di 2,4 metri quadrati al secondo.

Nell’ultimo anno, nelle aree a pericolosità idraulica media, sono oltre 900 gli ettari di territorio nazionale reso impermeabile. Diminuisce anche la disponibilità di aree agricole: sono oltre 4.500 gli ettari persi nell’ultimo anno, pari al 63% del consumo di suolo nazionale, che corrispondevano a 4 milioni di quintali di cibo prodotto e 2 milioni di tonnellate di carbonio assorbito. I costi nascosti dovuti alla perdita dei servizi ecosistemici, sempre secondo il rapporto, ammontano a 9 miliardi di euro ogni anno”.

‹ adv ›


Altro dato preoccupante, evidenzia Slow Food, è la desertificazione.

„È un problema sempre più complesso – aggiunge Sottile – e radicato su basi agronomiche, sociali, forse più genericamente antropologiche. Basti pensare a un appezzamento di terra in cui si applica una lavorazione agroindustriale. Si coltiva una specie in modo esclusivo, eliminando la biodiversità naturale, e il perdurare negli anni richiede necessariamente l’uso di chimica di sintesi per il suolo e una meccanizzazione sempre più spinta. Senza tralasciare che, spesso, dà spazio a una forma di inquinamento legalizzata come lo sversamento dei fanghi da depurazione”.

Su queste basi l’associazione annuncia che sarà la fertilità il tema di Slow Wine Fair 2024, , a Bolognafiere dal 25 al 27 febbraio.

Fonte dell'articoloansa.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti