martedì, 21 Maggio, 2024
HomeNotizieOIV: Produzione mondiale di vino, al minimo da 60 anni

OIV: Produzione mondiale di vino, al minimo da 60 anni

La produzione mondiale di vino è scesa quest’anno al minimo da 60 anni, a causa del raccolto scarso nell’emisfero sud e di alcuni grandi produttori europei, ha stimato martedì l’Organizzazione Internazionale della Vite e del Vino (OIV), secondo quanto riportato da Reuters.

‹ adv ›

Produttori UE

In merito ai produttori di vino dell’UE, sono attese crescite positive in Germania (9 milioni di ettolitri, un aumento dell’1% rispetto al 2022), Portogallo (7,4 milioni di ettolitri, un aumento dell’8% rispetto al 2022) e Romania (4,4 milioni di ettolitri, un aumento del 15% rispetto ai 3,8 milioni di ettolitri del 2022). In questi tre paesi, la produzione dovrebbe essere anche superiore alla media degli ultimi cinque anni, con il 2%, il 12% e, rispettivamente, il 4%.

Similmente, Ungheria (2,5 milioni di ettolitri, un aumento dell’1% rispetto al 2022), Bulgaria (0,9 milioni di ettolitri, un aumento del 7% rispetto al 2022) e Slovenia (0,6 milioni di ettolitri, un aumento del 6% rispetto al 2022) hanno aumentato la produzione rispetto al 2022, ma il livello dovrebbe essere inferiore alla media degli ultimi cinque anni.

Nel complesso, in questi paesi, la stagione è stata caratterizzata da condizioni di umidità e calore, con le piogge estive che hanno aumentato i rendimenti delle colture.

Dati preliminari

I dati preliminari dell’OIV mostrano che la produzione mondiale di vino nel 2023 (escluse la spremuta d’uva e il mosto) si situerà tra 241,7 e 246,6 milioni di ettolitri, con una previsione media di 244,1 milioni di ettolitri.

‹ adv ›

Sarebbe un calo del 7% rispetto al 2022 e il livello più basso dal 1961, quando la produzione mondiale di vino è scesa a 214 milioni di ettolitri, ha informato l’OIV.

Condizioni climatiche difficili

“Questo scenario negativo può essere attribuito alle forti diminuzioni nei principali paesi produttori, in entrambe le emisfere. I paesi più colpiti dalle difficili condizioni climatiche nell’emisfero settentrionale sono Italia, Spagna e Grecia, mentre nell’emisfero meridionale Australia, Argentina, Cile, Sud Africa e Brasile hanno registrato diminuzioni annuali tra il 10% e il 30%”, si legge nel comunicato dell’OIV.

Principali produttori

La Francia è diventata quest’anno il maggiore produttore globale di vino, con una produzione stimata di 45,8 milioni di ettolitri, in linea con il livello del 2022 e con il 3% superiore alla media degli ultimi cinque anni.

L’Italia ha registrato quest’anno un calo del 12% della produzione di vino, a 44 milioni di ettolitri, il livello più basso dal 2017, a causa di piogge abbondanti, tempeste e siccità in alcune regioni.

La Spagna mantiene il titolo di terzo produttore globale di vino, con una produzione stimata di 30,7 milioni di ettolitri, un calo del 14% rispetto al 2022 e con il 19% inferiore alla media degli ultimi cinque anni. Sarà il livello di produzione più basso degli ultimi 20 anni, a causa della grave siccità e delle temperature estreme che hanno colpito le vigne.

Conclusione

La produzione mondiale di vino è in calo per il secondo anno consecutivo, a causa di una serie di fattori, tra cui le condizioni climatiche difficili e la pandemia di COVID-19. Questo potrebbe avere un impatto negativo sul mercato del vino, con prezzi più alti e una minore disponibilità di vino.

Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti