domenica, 14 Aprile, 2024
HomeNotizieOggi in discussione il futuro dell’agricoltura e dei commerci con l’Ucraina

Oggi in discussione il futuro dell’agricoltura e dei commerci con l’Ucraina

Bruxelles (EuroEFE) – I ministri dell’Agricoltura dell’UE si riuniranno oggi (martedì 23 gennaio) a Bruxelles per discutere del futuro del settore primario e affrontare le questioni agricole legate al commercio, comprese le importazioni ucraine.

‹ adv ›

Lo scorso settembre, nel suo discorso sullo stato dell’Unione, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha annunciato un dialogo strategico sul futuro dell’agricoltura tra i Paesi dell’UE che inizierà giovedì 25 gennaio.

Due giorni prima dell’inizio (martedì 23 gennaio), i ministri dell’Agricoltura dell’UE discuteranno l’iniziativa sul futuro del settore agricolo promossa dall’esecutivo comunitario.

Lo faranno alla presenza del vicepresidente della Commissione Maros Sefcovic, che dovrebbe fornire ulteriori informazioni sull’organizzazione del dialogo strategico.

Secondo quanto riferito da fonti diplomatiche, si discuterà anche del ruolo degli Stati membri nel dialogo proposto dalla Commissione, di cosa ci si aspetta dai ministri dell’Agricoltura e di come questa iniziativa sarà coordinata con le discussioni che i Paesi stanno già svolgendo a livello nazionale.

‹ adv ›

Le stesse fonti hanno indicato che il dibattito di oggi sarà „un dibattito politico generale” e „iniziale” e che saranno trattate anche questioni come la competitività dell’agricoltura europea, il limite entro cui introdurre miglioramenti tecnologici, la possibilità di introdurre aspetti agricoli negli accordi commerciali o l’equilibrio tra agricoltura e lotta al cambiamento climatico.

Negli ultimi mesi gli agricoltori hanno protestato in diversi Paesi dell’UE, tra cui Germania, Francia e Romania, e si prevede che la questione sarà un tema presente nella campagna elettorale in vista delle elezioni per il Parlamento europeo a giugno.

Olof Gill, portavoce della Commissione europea, ha dichiarato all’EFE che il dialogo strategico promosso dalla Commissione „contribuirà a sviluppare una comprensione comune del futuro sistema agricolo e alimentare dell’UE tra gli attori della catena agroalimentare”.

Dopo la sessione iniziale di giovedì, saranno organizzati altri incontri tematici nella prima metà del 2024.

Commercio con l’Ucraina

Oggi (martedì 23 gennaio) i ministri dell’Agricoltura discuteranno anche di questioni agricole legate al commercio, comprese le importazioni dall’Ucraina, in attesa della proposta della Commissione europea di questa settimana di estendere la sospensione dei dazi a Kiev.

Tale sospensione, che ha lo scopo di sostenere l’Ucraina all’indomani dell’invasione russa, è in vigore dal giugno 2022 ed è già stata rinnovata lo scorso anno fino al prossimo giugno.

Tuttavia, nell’ultimo anno, Paesi vicini all’Ucraina come la Polonia, l’Ungheria e la Slovacchia hanno protestato per l’aumento delle importazioni agricole ucraine, che sono rimaste nei loro territori a prezzi notevolmente più bassi di quelli che possono offrire i produttori locali, invece di raggiungere altri Stati membri dell’UE o Paesi terzi al di fuori dell’Unione.

In risposta a questa situazione, la Commissione europea ha vietato alle importazioni ucraine di grano, mais, colza e semi di girasole di rimanere sui mercati nazionali di Polonia, Romania, Bulgaria, Ungheria e Slovacchia tra maggio e settembre 2023.

Potranno passare attraverso questi cinque Stati solo se la loro destinazione finale è un altro Paese.

La Polonia è uno dei Paesi che mantiene un veto unilaterale sulle importazioni di decine di prodotti agroalimentari ucraini, anche se Bruxelles ha deciso di eliminare queste restrizioni.

Fonti diplomatiche hanno dichiarato che „è prevedibile” che la Commissione europea oggi prenda una decisione sull’estensione dell’esenzione tariffaria.

Durante il dibattito, la Polonia chiederà che la liberalizzazione del commercio con l’Ucraina sia controllata e graduale e che l’estensione della sospensione tariffaria includa misure di salvaguardia per contrastare importazioni eccessive.

Inoltre, chiederà che la carne di pollo, le uova e lo zucchero siano esclusi dalla sospensione tariffaria totale.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti