domenica, 14 Aprile, 2024
HomeNotizieL’UE non può approvare i nuovi piani di editing genetico nell’attuale mandato

L’UE non può approvare i nuovi piani di editing genetico nell’attuale mandato

L’approvazione della tanto attesa legislazione che allenta le rigide regole dell’UE sulle nuove tecniche genomiche (NGT) dovrà attendere il prossimo mandato legislativo, ha confermato il Ministro dell’Agricoltura belga David Clarinval a margine del Consiglio Agricoltura e Pesca (AGRIFISH) di martedì (26 marzo).

„Non abbiamo abbastanza tempo a disposizione per concludere i negoziati con il Parlamento europeo”, ha dichiarato Clarinval in una conferenza stampa dopo la riunione dell’AGRIFISH.

‹ adv ›

Ha tuttavia sottolineato che la Presidenza continuerà a lavorare per raggiungere una posizione comune tra i Paesi dell’UE durante il resto del suo mandato.

Questi metodi scientifici avanzati, spesso salutati come una svolta per la sostenibilità, consentono di modificare in modo mirato e rapido il genoma delle colture, con il potenziale di renderle più resistenti alle condizioni climatiche estreme e ai parassiti, oltre che ad altri usi.

Ma i negoziati sul regolamento sulle NGT, presentato dalla Commissione europea nel luglio 2023, sono bloccati in Consiglio da dicembre.

All’epoca, la Presidenza spagnola del Consiglio dell’UE non era riuscita a mediare un accordo tra gli Stati membri, poiché persistevano preoccupazioni sulla tracciabilità, l’etichettatura e i brevetti degli alimenti geneticamente modificati.

‹ adv ›

La questione è stata sollevata durante la riunione ministeriale di martedì dal ministro dell’Agricoltura spagnolo Luis Planas, un convinto sostenitore degli NGT per la produzione di alimenti e mangimi.

Durante la discussione, Planas ha detto ai suoi omologhi che le NGT potrebbero essere la soluzione alle sfide che gli agricoltori del blocco devono attualmente affrontare, in particolare il cambiamento climatico, l’aumento dei costi di produzione e l’instabilità geopolitica.

„Dobbiamo avere a disposizione tutti gli strumenti che ci permettano di risolvere problemi come la mancanza d’acqua, la pressione di nuove malattie e parassiti”, ha sottolineato, descrivendo la proposta della Commissione come „scientificamente valida”.

Alcuni rappresentanti nazionali hanno appoggiato la posizione spagnola, con la delegazione olandese che ha chiesto di avviare i negoziati con il Parlamento „il prima possibile”.

„Altri Paesi al di fuori dell’UE hanno già normative per queste piante o sono in fase di sviluppo, il rischio di rimanere indietro è che [l’UE] perda la sua posizione di leader”, ha dichiarato il ministro olandese dell’Agricoltura Piet Adema.

Restano le preoccupazioni

Una minoranza di Stati membri – tra cui Polonia, Austria, Croazia e Slovacchia – è ancora riluttante ad approvare la legislazione.

Tra i punti più contestati c’è la brevettabilità delle NGT, che secondo alcuni Paesi dovrebbe essere vietata per garantire un accesso equo al materiale di riproduzione tra gli agricoltori.

Altre questioni chiave sono i criteri per dividere i prodotti a base di NGT in due categorie (NGT 1 e 2) e i requisiti di etichettatura.

„La mancanza di etichettatura per i prodotti che rientrano nella categoria NGT1 [rappresenterebbe] un enorme attacco alla libertà di scelta dei nostri consumatori”, ha dichiarato la delegazione austriaca durante la discussione in Consiglio.

Parere imminente

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) dovrebbe esprimere un parere sulla proposta dell’esecutivo UE, dopo che il Parlamento europeo ha inviato una lettera il 22 febbraio, chiedendo di esaminare un rapporto pubblicato a dicembre dall’autorità sanitaria francese (ANSES).

Lo studio dell’ANSES metteva in discussione alcuni criteri della Commissione europea per la classificazione delle varietà vegetali ottenute con le NGT.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti