domenica, 14 Aprile, 2024
HomeNotizieL'Ucraina si prepara a citare in giudizio Polonia, Ungheria e Slovacchia a...

L’Ucraina si prepara a citare in giudizio Polonia, Ungheria e Slovacchia a causa delle restrizioni all’importazione di alimenti 

L’Ucraina ha intenzione di citare in giudizio Polonia, Ungheria e Slovacchia per le restrizioni che questi Paesi hanno imposto sulle importazioni di prodotti alimentari ucraini, ha affermato il rappresentante del commercio ucraino, Taras Kachka, in un’intervista pubblicata lunedì da Politico e ripresa da Reuters.

‹ adv ›

Nel mese di maggio, l’Unione Europea ha permesso a Bulgaria, Ungheria, Polonia, Romania e Slovacchia di vietare le vendite interne di grano, mais, colza e semi di girasole provenienti dall’Ucraina, consentendo contemporaneamente il transito di questi prodotti per esportazioni verso altri Paesi. Questo divieto è scaduto il 15 settembre.

Tuttavia, Polonia, Slovacchia e Ungheria hanno annunciato venerdì che manterranno le loro restrizioni sull’importazione di cereali ucraini, nonostante la decisione della Commissione. Le autorità di Varsavia, Bratislava e Budapest affermano di agire nell’interesse delle loro economie e che le loro decisioni sono volte a proteggere i propri agricoltori dall’ondata di prodotti ucraini.

„È importante dimostrare che queste azioni sono illegali. Ecco perché domani inizieremo le procedure legali”, ha detto Kachka.

Il funzionario ucraino ha aggiunto che le autorità di Kiev potrebbero adottare misure di ritorsione contro la Polonia se le autorità di Varsavia non ritirano le loro misure aggiuntive.

„Saremo costretti a rispondere adottando misure rivolte a nuovi prodotti e proibiremo le importazioni di frutta e verdura dalla Polonia”, ha detto Taras Kachka.

Le autorità di Kiev avevano precedentemente avvertito che avrebbero potuto avviare una procedura di arbitrato internazionale in risposta alle restrizioni imposte sulle esportazioni di cereali.

‹ adv ›

Venerdì, la Commissione Europea ha posto fine al divieto imposto da cinque Stati membri dell’UE sull’importazione di cereali ucraini, in cambio di impegni da parte di Kiev di adottare misure per controllare l’afflusso di cereali nei Paesi vicini.

Taras Kachka ha precisato che Kiev è pronta a „assumersi la responsabilità di garantire che l’esportazione dall’Ucraina non crei un’improvvisa inondazione nei Paesi confinanti” e che introdurrà un sistema di licenze di esportazione „in tempo reale” per i cereali.

Prima dell’invasione russa del 2022, l’Ucraina era uno dei maggiori esportatori mondiali di cereali. L’aggressione ha limitato la sua capacità di spedire prodotti agricoli attraverso i suoi porti sul Mar Nero.

Da allora, gli agricoltori ucraini si sono affidati alle esportazioni effettuate attraverso i paesi vicini, come la Romania. Tuttavia, l’arrivo massiccio di cereali e oleaginosi ucraini nei paesi confinanti ha impattato i redditi degli agricoltori dell’Europa orientale, portando i governi della regione a vietare le importazioni di prodotti agricoli dall’Ucraina.

Secondo l’autorità portuale, nei primi otto mesi del 2023, l’Ucraina ha esportato 9,2 milioni di tonnellate di cereali tramite il Porto di Constanţa. Tuttavia, il ritmo delle consegne è diminuito con l’intensificarsi degli attacchi russi ai porti sul Danubio. Per confronto, nel corso dell’intero 2022, l’Ucraina ha spedito 8,6 milioni di tonnellate di cereali attraverso il Porto di Constanţa.

Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti