domenica, 14 Aprile, 2024
HomeNotizieLa Slovacchia ritarda i pagamenti agli agricoltori ma l’UE non può intervenire

La Slovacchia ritarda i pagamenti agli agricoltori ma l’UE non può intervenire

Il governo slovacco ha ritardato il pagamento dei sussidi agricoli dell’UE, noti come pagamenti diretti, agli agricoltori idonei che, nonostante abbiano aderito alle più grandi proteste contadine della storia del Paese, rischiano di non riceverli, poiché la Commissione europea ha confermato che la situazione è fuori dal suo controllo.

‹ adv ›

Con una mossa senza precedenti, l’Agenzia slovacca per i pagamenti agricoli (PPA) ha finora versato meno di un terzo dei 336 milioni di euro di sussidi agricoli dell’UE che gli agricoltori possono richiedere ogni anno e che dovrebbero ricevere entro la fine di giugno.

Consapevole della situazione, la Commissione europea rimane in contatto con le autorità nazionali per „fornire consulenza e scambiare le migliori pratiche”, come con tutti gli altri Stati membri, ha dichiarato a Euractiv Slovacchia il portavoce della Commissione europea Olof Gill.

Tuttavia, la Commissione ha chiarito che non può aiutare gli agricoltori slovacchi a ottenere il denaro a cui hanno diritto. Gill spiega:

„I Paesi dell’UE hanno la responsabilità di istituire un sistema di gestione e controllo dei pagamenti che sia conforme ai regolamenti dell’UE”.

„Devono garantire che questo sistema funzioni in modo efficace. I pagamenti agli agricoltori slovacchi, compresi i pagamenti diretti, sono sotto la responsabilità del PPA”, ha aggiunto.

La Commissione ha anche confermato che la Slovacchia non ha più tempo per spendere il denaro.

„L’organismo esecutore deve pagare il 100% dei pagamenti diretti fino al 30 giugno 2024 ed è responsabile del raggiungimento di questo obiettivo”, ha aggiunto.

‹ adv ›

I pagamenti diretti non sono mai stati ritardati in questa misura prima d’ora e nessuno ha ancora spiegato agli agricoltori slovacchi le ragioni di questo ritardo. Sia il ministero dell’Agricoltura che la PPA non hanno risposto alle domande di Euractiv Slovacchia e di altri media.

Ma la mancanza di pagamenti ha lasciato molte aziende agricole indebitate con le banche, che hanno venduto i loro beni e non hanno soldi per pagare gli stipendi, una situazione che Emil Macho, presidente della Camera dell’Agricoltura e dell’Alimentazione slovacca (SPPK), ha definito „catastrofica”.

Macho ha avvertito:

„Chiederemo un risarcimento finanziario all’attuale governo per i costi associati al finanziamento dei pagamenti diretti ritardati”.

Come in altri Paesi, gli agricoltori slovacchi hanno organizzato proteste di massa nelle ultime settimane.

Sebbene l’SPPK abbia inizialmente sostenuto che il „fanatismo verde” dell’UE fosse responsabile dei problemi che gli agricoltori devono affrontare, compresa la questione dei pagamenti diretti, alla fine ha indirizzato la maggior parte del suo malcontento verso il governo del Paese.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti