sabato, 15 Giugno, 2024
HomeNotizieLa Polonia avvia i controlli doganali sulle importazioni ucraine per proteggere il...

La Polonia avvia i controlli doganali sulle importazioni ucraine per proteggere il mercato interno

La Polonia ha introdotto controlli più severi sui prodotti agroalimentari in ingresso dall’Ucraina per proteggere il proprio mercato interno da un afflusso incontrollato di prodotti, ha dichiarato nel fine settimana il vice ministro dell’Agricoltura Michał Kołodziejczak.

‹ adv ›

La liberalizzazione dei dazi commerciali con l’Ucraina da parte dell’Unione europea, avvenuta nel luglio 2022 per favorire le esportazioni, ha fatto sì che i prodotti alimentari ucraini invadessero il mercato polacco e di altri Paesi limitrofi, provocando un calo dei prezzi e della domanda di produzione nazionale.

Con l’introduzione dei controlli, il confine polacco „sarà più rigido che mai”, ha dichiarato Kołodziejczak dopo aver visitato domenica i valichi di frontiera di Dorohusk e Hrubieszów.

Ha detto di aver analizzato anche i documenti sul transito della produzione ucraina. È emerso che gran parte della produzione, tra cui colza e grano, che passa attraverso la Polonia per raggiungere gli Stati baltici, alla fine ritorna in Polonia.

Le organizzazioni degli agricoltori chiedono da tempo controlli sui prodotti agroalimentari ucraini che entrano in Polonia, per garantire che passino attraverso il Paese in transito e che i prodotti che non soddisfano i rigorosi standard dell’UE non entrino nel mercato polacco.

‹ adv ›

I prodotti provenienti dall’Ucraina, le cui importazioni hanno causato gravi disagi al mercato polacco a partire dal 2022, includono grano, pollame, uova, zucchero, frutta congelata e persino succo di mela, di cui la Polonia è uno dei maggiori esportatori al mondo.

L’Ucraina non è obbligata a seguire le rigide norme di produzione dell’UE e può utilizzare molti prodotti fitosanitari vietati, rendendo la sua produzione più economica ma anche di qualità inferiore, ha dichiarato l’anno scorso a Euractiv Polonia Mirosław Maliszewski, capo della commissione parlamentare per l’agricoltura e lo sviluppo rurale.

„Le merci in transito, ad esempio i semi di colza di qualità dubbia, dovrebbero essere ispezionate attentamente dai servizi polacchi e, se necessario, rispedite in Ucraina”, ha dichiarato Kołodziejczak.

Ha aggiunto che lo zucchero controllato durante le ispezioni aveva “un odore a dir poco strano”.

L’anno scorso, la Polonia si è unita ad altri Stati membri per introdurre un divieto unilaterale su alcune importazioni di prodotti alimentari ucraini. Il divieto ha incontrato resistenza a Bruxelles, poiché la politica commerciale è di competenza esclusiva dell’UE.

„I funzionari hanno spiegato che potrebbe essere così perché si tratta di zucchero per l’industria, ad esempio per marmellate o aranciate”, ha aggiunto, aggiungendo che la questione dovrebbe essere chiarita a fondo o la produzione restituita all’Ucraina.

La Commissione europea ha accettato di introdurre un embargo UE su alcune importazioni verso i Paesi in questione, ma ha poi abbandonato la misura, non ravvisando rischi significativi per il mercato interno.

La questione delle importazioni agricole dall’Ucraina accomuna il precedente governo conservatore di Diritto e Giustizia e la nuova maggioranza guidata dal primo ministro Donald Tusk.

Entrambi gli schieramenti politici insistono sulla necessità di proteggere gli interessi degli agricoltori polacchi dalla concorrenza esterna.

Fonte dell'articoloeuractiv.it
Devi leggere
‹ adv ›
Articoli recenti